28 Feb

Quando nasce una mamma: l'allattamento al seno

Scritto da  |

L’allattamento al seno è un evento straordinario di cui nessun bambino dovrebbe esser privato. Il latte materno contiene nutrienti eccezionali insostituibili: eppure sono tante le mamme che decidono di non allattare o smettere di farlo, perché vittime di disinformazione, o peggio, dei falsi miti che ruotano intorno all’argomento. L’Organizzazione Mondiale della Sanità consiglia l’allattamento esclusivo per i primi sei mesi e condiviso fino ai ventiquattro. Vediamo il perché di queste indicazioni così prolungate che potrebbero suscitare qualche perplessità.

 

Innanzitutto, il latte è importante perché apporta innumerevoli benefici per il bambino. In primo luogo, esso costituisce il nutrimento perfetto, facilmente digeribile. Inoltre, rappresenta una tappa fondamentale per la crescita emotiva del bambino, poiché aiuta a capire dapprima i segnali del piccolo, facilitando, in tal senso, il ruolo di mamma. A contrario di quanto possa sembrare, l’attaccamento continuato alla mamma infonde sicurezza al bambino il quale, soddisfatto nelle sue esigenze primarie, rafforza giorno dopo giorno la consapevolezza di se stesso, scoprendosi pronto per le successive fasi di crescita. Il latte materno offre tanti anticorpi che combattono i germi con i quali il piccolo viene a contatto. Infine, un bambino allattato al seno sarà meno soggetto al rischio di obesità in futuro. 

 

 

L’aspetto davvero sorprendente è che la buona pratica dell’allattamento giova al bebè quanto alla neomamma. Ebbene sì: la mamma che allatta avrà meno difficoltà a rientrare nei suoi vecchi jeans, perché l'allattamento si presenta come un'attività che richiede un dispendio energetico notevole, utile per mandar giù i chili di troppo accumulati in gravidanza. Inoltre, l’allattamento al seno fa sì che le mamme corrano meno rischi di sviluppare tumore al seno o all’utero (circa il 20% in meno). Infine, la praticità, nonché l'economicità del latte materno non la batte nessuno. È un prodotto sempre pronto all’uso. Niente biberon da sterilizzare: se si esce per una passegiata, non c’è bisogno di cercare il bar più vicino per farci riscaldare il latte!

 

Ma come fare per poter allattare facilmente? Attaccare il bimbo al seno, ogni volta che lo desira, perché l’allattamento materno segue la regola della “domanda e dell'offerta”, ossia più spesso si allatta, più latte ci sarà. Se il vostro bambino desidera poppare, non ha importanza il motivo, può solo fargli bene. 

 

Letto 2637 volte
Vota questo articolo
(4 Voti)
Letizia Cozzolino

Sono Letizia, mamma di uno splendido bambino di circa tre anni. Ho 29 anni e sono laureata in Scienze del Servizio Sociale. Sogno di diventare, al più presto, assistente sociale. Intanto, coltivo le mie passioni e le condivido con gli altri, attraverso il mio blog, dove mi occupo di dolci, cucina, fai da te e tutto ciò che ha a che fare col mondo dei bambini.

Potete seguirmi anche su:

BLOG: SOGNI DI ZUCCHERO

PAGINA FACEBOOK: EFFIMERE DOLCEZZE