LeiDonnaWeb

LeiDonnaWeb

LeiDonnaWeb è il portale dedicato alla Donna, con tutte le ultime notizie riguardanti il mondo femminile dall’Abbigliamento al Gossip, dall’essere Mamma alla voglia di Benessere, dal Cinema alla Tv, dal Make up alla cura dei Capelli e tanto altro ancora

URL del sito web: https://www.leidonnaweb.it

Chi ha i capelli fini lo sa bene: bisogna sempre fare attenzione a non spezzarli quando ci si pettina o persino durante il lavaggio. Questo deriva dal fatto che c’è una minor concentrazione di cheratina, la proteina principale della fibra capillare. Molto però dipende anche da alcuni fattori, come la predisposizione genetica, l’esposizione ad agenti inquinanti o un’eccessiva esposizione al sole e al vento, una cattiva alimentazione, trattamenti chimici che stressano i capelli o la carenza di vitamina D. Per ovviare al problema, perciò, è necessario in primis usare prodotti professionali per ispessire i capelli, seguire un regime alimentare ricco di sostanze nutritive, cambiare modo di lavare e asciugare i capelli, usare shampoo e balsami a base naturale in modo da rinforzare i capelli e dargli il giusto volume, maschere e impacchi a base di collagene, cheratina ed elastina al fine di idratare la chioma e ispessirla.

Le regole per rinforzare i capelli naturalmente

Prima di tutto bisogna ricordare la regola basilare: i capelli non vanno lavati tutti i giorni, ma solo 2-3 volte a settimana proprio per non stressare il cuoio capelluto. Occorre, ovviamente, usare prodotti professionali per ispessire i capelli come shampoo non aggressivi e balsami delicati per districare i nodi senza alcuna difficoltà, evitando di pettinarli e dunque di spezzarli ulteriormente. Poi è necessario prestare attenzione anche alla fase di asciugatura, ovvero: i capelli vanno asciugati all’aria se possibile e col phon solo se necessario. In tal caso è importante dirigere il getto d’aria verso le radici e usare l’asciugacapelli senza beccuccio e senza avvicinarlo troppo ai capelli. Non vanno usate piastre o spazzole riscaldanti troppo calde perché si otterrebbe solo un effetto di capelli bruciacchiati. Per dare il giusto volume infatti basta solo asciugarli a testa in giù e il gioco è fatto. Quando li si deve pettinare, invece, è fondamentale usare un pettine o una spazzola con setole morbide e poi usare solo prodotti che non appesantiscono il cuoio capelluto.

Infine anche cambiare dieta può aiutare a rinforzare i capelli. Largo spazio perciò agli alleati del cuoio capelluto, alimenti che contengono magnesio, zinco, ferro, omega3, vitamina E, vitamina B. Cioè vanno consumati verdura, frutta secca e pesce. In alternativa ci sono anche gli integratori alimentari, che contribuiscono a rafforzare i capelli fini in quanto contengono alcuni principi essenziali per il cuoio capelluto, come lo zinco che dona lucentezza, il ferro che li fortifica, la niacina che li idrata e li nutre, la biotina che ne contrasta la caduta.

Maschere e rimedi naturali per rinforzare i capelli fini

Validi alleati per rinforzare i capelli fini sono anche le maschere fai da te, i rimedi naturali per eccellenza che, associati al corretto regime alimentare e all’uso di prodotti professionali per ispessire i capelli, fortificano il cuoio capelluto. Qualche esempio? Le maschere per capelli a base di rosmarino, cedro e salvia o quelle all’argilla; la maschera preparata con i tuorli d’uovo o quella con henné, rosmarino e olio di germe di grano. Generalmente per farle a casa è sufficiente solo mescolare gli ingredienti fino ad ottenere un composto cremoso, applicarlo quindi sui capelli e lasciarlo agire per almeno un’oretta o un’oretta e mezza, risciacquare i capelli con abbondante acqua fino a rimuovere tutta la maschera naturale fai da te e i risultati si vedranno già nelle prime settimane, ovviamente se si rispettano tutte le “regole”.

Al giorno d'oggi la voglia di essere se stesse si sta imponendo nella società come una regola del quieto vivere. La possibilità e soprattutto la libertà di poter essere autentici, di vivere una routine priva di preoccupazioni, tensioni o contrasti col prossimo provoca infatti un certo grado di benessere interiore. L'abbigliamento e lo stile che si ha nel vestire svolgono ormai un ruolo determinante in questo ambito, due fattori che di conseguenza sono strettamente legati alla taglia che si indossa. L'azienda bresciana Leela specializzata nella moda curvy ne sa qualcosa. Esprimi chi sei con Leela: è semplice, pur sopportando qualche chilo in più.

La bellezza della moda curvy

Viene definita curvy una persona con la figura del corpo che ricorda la forma sinuosa di una clessidra. Le fattezze di una clessidra su un corpo femminile indicano una donna con fianchi, cosce e busto più larghi rispetto ad una vita più stretta. La differenza sta solo nelle misure, non riguarda infatti abitudini alimentari o altro poiché le donne curvy solitamente sono formose, sane, in forma e belle come chiunque altro.

Nel mondo della moda rigido e senza scampo valorizzare l'abbigliamento curvy può essere raro, poiché le taglie vanno dalla 46 in poi. È per questo motivo che aziende come Leela hanno invece puntato tutto sull'esprimere se stesse senza compromessi, una sfida che può dirsi perenne se si venerano i canoni di bellezza tradizionali. Un corpo curvy tuttavia non ha niente da invidiare ad un corpo più snello poiché il concetto di bellezza varia anch'esso col tempo: una bellezza autentica, sicura di sé e consapevole soprattutto della della propria grinta perché capace di sfidare ogni stereotipo.

Mentre tempo fa persone dalle cosiddette taglie forti dovevano patire per trovare la giusta taglia esaminando le scorte negozio per negozio, esprimere chi si è con Leela è ormai facile: i capi a disposizione fanno parte di un assortimento vario ma dedicato, specializzato in calze e collant, quel particolare capo d'abbigliamento che chiunque dopotutto indossa con un po' più di fastidio, sia in inverno sia in estate.

Esprimere chi si è con capi confortevoli e alla moda

Calze e collant sicuramente non raccontano la personalità di chi li indossa, si tratta di quell'accessorio tanto inevitabile quanto marginale. Del resto, combinato assieme ad un bel vestito o ad una gonna fa la sua parte. Che si voglia partecipare ad una serata elegante o andare al cinema e sentirsi comode, esprimere chi si è con Leela è possibile grazie ai capi disegnati con l'unico obiettivo di far sentire ogni donna bella e a proprio agio con il proprio corpo. La filosofia dell'azienda che ha dedicato la produzione alla moda curvy è determinata nel garantire la possibilità di vivere ogni momento della giornata con spensieratezza, stile e comfort.

Il catalogo si divide principalmente tra capi come collant, shorts antisfregamento eccetera. I collant sono intramontabili nella moda femminile che appunto non manca mai sia d'inverno sia d'estate. Mentre prima un oggetto del genere poteva causare per un corpo curvy motivo di scherno o imbarazzo, ora invece è capace di esaltarne le forme. La casa di produzione ha ideato prima di tutto particolari modelli che valorizzano le forme curvy. In secondo luogo dispone di collant perfetti per ogni stagione: per esempio, collant coprenti per assicurarsi di non congelare nelle giornate più fredde, oppure collant velati per i mesi primaverili.

I pantaloncini antisfregamento per le cosce sono probabilmente il prodotto più azzeccato per chi ha qualche chilo in più. Chi non ha mai sofferto di quella spiacevole sensazione di sfregamento nell'interno coscia soprattutto in estate? Nel peggior dei casi, provoca anche irritazioni vere e proprie. Le novità della moda curvy consistono anche in questo: esprimere se stessi e la propria femminilità anche in estate durante i mesi più caldi. Gli shorts antisfregamento infatti sono ideati apposta per garantire la giusta aderenza nelle zone critiche, rimanendo fermi sulle gambe senza perdere la forma. Sfoggiare la propria silhouette non è più un dilemma poiché al tempo stesso

questo un capo è disponibile anche a vita alta in modo da contenere pancia, glutei e fianchi.

Il letto è diventato, oggi, non solo un mobile in cui trascorrere le ore del sonno o riposarsi ma un vero e proprio spazio funzionale ad adattarsi anche agli altri momenti della quotidianità. Un discorso che vale particolarmente per la stanza dei bambini o dei ragazzi, in cui, complici le innovative proposte del design contemporaneo, il letto riesce ad adempiere non solo alla sua funzione classica.

È questo il caso dei letti particolari, soluzioni che si rivelano belle, pratiche e capaci di dare non pochi benefici in termini di ottimizzazione dello spazio. Presentano molteplici accessori in grado di fare la differenza, come un letto aggiuntivo o persino una scrivania. Li troviamo declinati in diverse tipologie, a seconda dell’azienda che li realizza. In questo articolo vi illustriamo le caratteristiche dei modelli principali.

 

Letti rialzati: multifunzionali con un’altezza particolare

Una delle proposte più interessanti presenti sul mercato è quella dei letti rialzati NIDI, azienda storica trevigiana leader nel mondo dell’arredamento, i quali assicurano una gestione dello spazio ottimale, risultando, allo stesso tempo, semplici da fruire ogni giorno e persino multi funzionali.

I letti rialzati si caratterizzano per il fatto di essere dei letti particolari in virtù di un’altezza che si trova a una via di mezzo tra quella di un letto a castello e un letto normale. Sono, infatti, più alti di un letto normale, ma più bassi di un letto a castello. A livello pratico, questa soluzione permette di inserire un letto attrezzato e accessori quali una scaletta e uno scrittoio estraibile.

I letti rialzati, quindi, assicurano la possibilità di avere a disposizione più funzioni, compresa quella di una pratica scrivania per i compiti e il disegno o di un posto in più per l’amichetto, come per un ospite, tutte realizzabili in pochi passaggi dai bambini stessi. Sono perfetti per essere inseriti in metrature grandi e piccole, nelle abitazioni principali e nelle seconde case.

 

Letti scorrevoli: particolari e personalizzabili

I letti scorrevoli presentano, come suggerisce il nome stesso, in dotazione un sistema scorrevole, attraverso il quale riescono a scorrere su binari, realizzati secondo tre altezze differenti, sia più letti, sia uno scrittoio. Il nome di questa tecnologia di design, realizzata da NIDI, è Scroll, e rappresenta un’innovazione capace di dare risultati da non sottovalutare. Grazie al sistema scorrevole i letti di notte si trovano al centro della stanza, mentre di giorno riescono ad avvicinarsi alla parete, lasciando più spazio allo scrittoio.

I letti scorrevoli non sono solo eccellenti opzioni salvaspazio, ma anche mobili belli, concepiti per arredare la camera dei bambini o degli ospiti in maniera originale, con una fruizione perfetta per tutte le età. Un esempio di letti particolari che risulta estremamente personalizzabile e adattabile alle molteplici esigenze.

 

Letti attrezzati: l’ideale per il contenimento di oggetti o per avere un letto in più

I letti attrezzati sono letti che vanno a sfruttare lo spazio sottostante a quello della rete in maniera pratica e funzionale, così da garantire ulteriore spazio per il contenimento di oggetti, compresa, volendo, la presenza di un letto estraibile.

Sono una delle proposte più interessanti di letti particolari per chi si trova ad avere la necessità di inserire, nella cameretta, proprio un letto in più, che si trova già predisposto in maniera ottimale per le ore della notte senza ingombrare di giorno. Comodissimi da utilizzare, risultano adoperabili in pochi secondi, grazie a un’apertura che può essere sia manuale sia con meccanismo di sollevamento.

I letti rialzati, inoltre, prevedono, oltre alla possibilità di inserire un secondo letto, quella di avere cassetti e cassettoni, funzionali quando lo spazio è poco, anche se, specialmente quando si hanno dei bambini, la metratura a disposizione nella casa semplicemente non basta mai. I cassettoni sono semplici da fruire, in primo luogo per il bambino che potrà riporvi i suoi giocattoli, oppure per inserire lenzuola e coperte, per fare degli esempi.

 

Nota finale sui letti particolari

I letti particolari sono una delle soluzioni più ricercate nella modernità. Per essere davvero efficaci è necessario che siano realizzati nel segno del design, in modo da risultare non solo pratici e belli, ma anche capaci di durare nel tempo. Perfetti per accompagnare la persona in tutte le fasi della vita.

I vantaggi di dividere equamente i lavori in casa

Uno dei modi per gestire il tempo da dedicare ai lavori in casa è ripartire le mansioni tra partner. Uomini e donne possono collaborare a spesa, pulizie, giardinaggio, incombenze presso negozi e uffici, preparazione dei pasti e molto altro.

La suddivisione dei compiti può essere fatta in base ad attitudini, condizioni di salute, impegni lavorativi, in modo da venire incontro alle esigenze di ognuno. Un obiettivo raggiungibile, purché vi siano spirito collaborativo e desiderio di armonia.

Tuttavia, qualcuno potrebbe obiettare che propositi del genere siano irrealizzabili, nonostante la loro lodevole finalità. L'unico modo per essere perseveranti nella gestione condivisa è non perderne di vista i vantaggi, descritti nelle prossime righe.

Scoprirete, inoltre, quanto sia di grande aiuto l'acquisto di oggetti in grado di semplificare le faccende di routine, perfetti anche come idee regalo per la festa della mamma o festa del papà.

Ripartizione dei lavori in casa, vantaggi e utilità

Suddividere i compiti rende ciascun componente della famiglia parte attiva dell'organizzazione della casa. La gestione ripartita è un ottimo modo per favorire il senso di responsabilità non solo negli adulti, ma anche nei bambini e nei ragazzi. In quest'ultimo caso assume un forte significato pedagogico.

D'altro canto, decentrare le faccende porta notevoli benefici alla coppia, dalla quale dipende gran parte della serenità dei figli. Il carico di lavoro non grava più su una sola persona, ragion per cui ogni possibilità di tensione individuale viene allentata.

Allo stesso tempo diminuisce la conflittualità fra partner, migliora la disposizione d'animo reciproca e, di conseguenza, il clima tra le mura domestiche. Tra gli altri vantaggi occorre ricordare:

  • abitazione più pulita ed efficiente
  • valorizzazione delle predisposizioni del singolo
  • sviluppo del senso dell'autonomia
  • possibilità di imparare nuove mansioni.

I risultati della mutua collaborazione generano un maggiore benessere individuale e un'osservazione più attenta delle esigenze altrui. Mettersi nei panni dei propri cari spinge a trovare soluzioni pratiche e strumenti per agevolare loro la vita.

A questo punto, non possiamo ignorare l'importanza di avere a disposizione strumenti che rendano più efficienti i lavori domestici. Perché, ad esempio, non acquistare un'idropulitrice, un kit da giardinaggio o una planetaria come regalo per la festa della mamma?

Benefici extra-organizzativi

Oltre ai punti di forza appena evidenziati ve ne sono altri, legati in maniera meno diretta alla gestione della casa in sé, ma non per questo di minore rilievo. Va posto l'accento, in particolare, su:

  • maggiori occasioni di condivisione
  • miglioramento dell'intesa sessuale tra coniugi
  • più tempo libero per tutti.

Naturalmente, i presupposti di partenza sono il dialogo e la volontà di discutere su ciò che non sta funzionando. Attenzione, quindi: tramite il confronto fra partner potrebbero emergere problematiche fino a quel momento tenute nascoste. In tale prospettiva, la divisione dei lavori potrebbe rivelarsi un'opportunità per risolverle.