Indossare lenti progressive per la prima volta può non essere un’esperienza piacevole proprio perché ci vorrà un periodo di adattamento. Non devi preoccuparti perché non è nulla di complicato o fastidioso, soprattutto se ti affiderai a ottici competenti che ti accompagneranno in questo percorso. Una volta che ti sarai abituato vivrai la tua vita al meglio e non dovrai più preoccuparti di cambiare occhiale per vederci bene a tutte le distanze.

Adattamento alle lenti progressive: cosa è importante sapere

Il periodo di adattamento oggi è relativamente breve, soprattutto se deciderai di acquistare lenti progressive di ultima generazione che sono formulate proprio per ridurre al minimo qualsiasi disagio.

Quando indosserai le tue lenti progressive per le prime volte potresti provare qualche difficoltà a scendere o salire le scale e sentirsi con la vista leggermente offuscata.

In altri casi e a seconda del difetto della vista da correggere potresti provare un po’ di affaticamento, vertigini e mal di testa. Sono tutti sintomi piuttosto comuni che svaniscono al termine del periodo di adattamento che varia tra i cinque ed i dieci giorni.

È tutta questione di movimento tra testa e occhi

Indossando gli occhiali con lenti progressive, quindi, dovrai semplicemente imparare a coordinare il movimento degli occhi e quello della testa in base al punto di osservazione. Dopo le prime volte in cui dovrai prendere confidenza con questo cambiamento riuscirai a gestirle senza nemmeno rendertene conto.

Ovviamente il tuo ottico predisporrà le lenti su misura per te e lo farà tenendo conto del tuo stile di vita e dei tuoi bisogni di correzione. Ti darà anche dei suggerimenti per affrontare al meglio l’adattamento e trovare immediato beneficio nell’uso di queste lenti.

Ricorda che solo i primi giorni saranno un po’ fastidiosi ma sarà nulla di complicato perché ben presto l’adattamento diverrà la tua routine e non ti accorgerai nemmeno di indossare le lenti.

Suggerimenti per adattarsi alle lenti progressive

Tra i suggerimenti raccomandati c’è quello di prestare attenzione quando scendi le scale, un momento in cui istintivamente tendiamo a guardare in basso con lo sguardo e non con la testa.

Con gli occhiali progressivi, tuttavia, dovrai abbassare il mento tenendo lo sguardo fermo in modo tale che gli occhi si focalizzano sulla parte alta della lente. In caso contrario potresti perdere l’equilibrio perché vedresti la zona dedicata alla visione da vicino.

Quando guidi, invece, dovrai tenere la testa in posizione normale per far si che il tuo sguardo utilizzi la lente superiore preposta a mettere a fuoco da lontano. Quando guarderai il cruscotto o gli specchietti, invece, dovrai accompagnare la testa e il movimento dello sguardo.

Infine quando leggi o guardi qualcosa da vicino utilizzerai la parte inferiore della lente che, per l’appunto, serve a focalizzare la vista a distanze ravvicinate. Se abbassi anche il mento, invece, l’occhio punterà sulla vista da lontano.

Non appena prenderai dimestichezza con questi due movimenti, occhio e testa, l’adattamento alle lenti progressive sarà terminato e la coordinazione avverrà in modo automatico. Se hai dubbi o domande non esitare a rivolgerti al tuo ottico di fiducia.

Mostriamo un corpo sano e in forma. 

Con l’arrivo della Primavera sentiamo il bisogno di toglierci di dosso tutti i segni che l’inverno appena passato ha messo dentro e fuori dal nostro corpo.

Iniziano quindi le corse alle diete per perdere quei due o tre chiletti messi su per via dei super pranzi invernali, aumentano le iscrizioni alle palestre o ai centri benessere per i vari massaggi drenanti o i peeling che rigenerano la pelle.

Io però oggi vorrei parlarvi di un qualcosa che non solo è buono da bere ma che fa bene all’organismo.

Sto parlando dei frullati depurativi che aiutano a disintossicare l’organismo e inoltre sono pieni di vitamine e sali minerali.

Ve ne propongo due che sono davvero fantastici.

Frullato di Mango, Carota e Arancia. 

Gli ingredienti necessari sono del mango tagliato a pezzetti, il succo fresco di due carote e di una arancia.

Si mette tutto nel frullatore ed è veramente importante bere il frullato appena pronto così non si perdono i preziosissimi nutrimenti.

 

Frullato-mango-carota-arancia-cetriolo-melone-pera

 

Frullato di Cetriolo, Melone e Pera. 

Pulire e tagliare a pezzetti piccoli un cetriolo, due o tre fette di melone maturo e una pera.

Mettere tutto nel frullatore e azionare fino a quando tutta la frutta è stata frullata.

Come prima è importantissimo bere subito il frullato.

E infine ecco qualche consiglio per ottenere non solo dei buoni frullati, perché il nostro palato vuole essere sempre appagato, ma soprattutto per far si che la loro funzione sia effettivamente mirata a farci sentire meglio.

Prima di tutto dobbiamo ricordarci di scegliere sempre frutta di stagione, matura che arriva da colture biologiche.

Se si vuole aggiungere latte al frullato, meglio mettere quello di riso o di soia, per renderlo più dolce meglio usare una punta di miele.

Per ottenere effetti migliori è sempre meglio consumarlo di mattina per colazione, io aggiungo nei frullati anche del succo di aloe vera che mi aiuta con l’intestino.


Potrebbe interessarti pure: Prevenire e sgonfiare il ventre a palloncino

 

La scoperta di un carcinoma ovarico, la chemioterapia, gli effetti collaterali, il linfoma di Burkitt del padre, le difficoltà della vita, l’omissione di soccorso e di supporto psicologico da parte di “amici” che preferiscono tenersi alla larga perché tanto non è affare loro, l’affetto dei familiari e degli amici veri, la voglia di reagire e, scatto dopo scatto con foto-ritocco, come si comportano gli amici durante la chemioterapia?

Le rughe sono pieghe della superficie della pelle che si formano a causa di cedimenti delle strutture cutanee, dovuti a carenza di collagene ed elastina.

 Si formano sulla pelle del corpo e del viso, ma in particolare su quest’ultimo, poiché in questa zona l’epidermide è maggiormente sottoposta a stress, stiramenti ed estensioni. 

Quanto più sottile è l’epidermide, tanto più compariranno rughe e segni dell’età. A partire dai trent’anni, la pelle diventa più sottile e meno liscia. 

È bene sapere, e non tutti ne sono al corrente, che in montagna il livello di radiazioni di raggi ultravioletti è superiore di circa il 20%. La neve riflette la quantità di radiazioni, raggiungendo il doppio dell’effetto che si ha normalmente in città.

È importante sapere ciò, poiché l’esposizione alla luce dei raggi UV può contribuire per circa due terzi all’invecchiamento della pelle: le cellule dell’epidermide non si rinnovano più correttamente, e fanno così la comparsa le prime rughe.

 

zone-rughe-viso

 

Cinque trucchi per combattere le rughe:

  1. Evitiamo l’eccessiva esposizione ai raggi ultravioletti, sia raggi solari che lampade artificiali. Le lampade fanno malissimo alla nostra pelle, anche se ci sottoponiamo a esse sporadicamente, e anche se non vogliamo arrivare al mare color mozzarella. Un piccolo sacrificio possiamo farlo! (senza contare che, spesse volte, l’effetto- lampada è davvero tamarro…) Proteggiamo sempre la pelle conuna crema solare mirata; cerchiamo di esporci al sole “buono”, possibilmente la mattina presto, evitando le ore centrali.
  2. Non fumiamo! Scontato e retorico? Meglio pensare agli effetti del fumo sulla nostro corpo, non solo sulla pelle! Il fumo accentua l’invecchiamento della pelle e la formazione di rughe, e spegne il colorito; la nicotina ingiallisce i denti, arrochisce la voce, e quel che è peggio avvelena i polmoni!
  3. Applichiamo tutti i giorni una crema viso adatta al nostro tipo di pelle: ci aiuterà a mantenerla elastica e liscia, combattendo le rughe già presenti. Questo trattamento dev’essere effettuato con diversa frequenza, a seconda della stagione e del tipo di pelle.
  4. Seguiamo un’alimentazione ricca di frutta e verdura: contrasteremo l’invecchiamento dell’epidermide, e contribuiremo alla bellezza e alla luminosità della nostra pelle.
  5. Sembra frivolo, ma un po’ di ginnastica facciale allenerà i muscoli del viso, aumentando la tonicità e prevenendo i cedimenti e le rughe. Pochi semplici passi per una pelle più giovane e più bella!

 

Potrebbe interessarti anche: Veleno delle api. il nuovo anti-rughe