16 Dic

Mangiare senza ingrassare un sogno che si avvera

Scritto da  |

Hai provato mille diete senza mai ottenere i risultati sperati? La tua forza di volontà di fronte un bel piatto di pasta è pari a quella di un bambino di fronte una scatola di cioccolatini? Se mai esistesse davvero l’Inferno dantesco, il girone dei golosi sarebbe la tua destinazione?

Allora sì, puoi dire di trovarti al momento giusto, di fronte all’articolo giusto, in quanto vi mostrerò i risultati di una ricerca italiana su come concederci tutte le leccornie che adoriamo senza però pentircene immediatamente dopo averle ingerite, pensando alle numerose calorie che si depositeranno sul nostro corpo.

Perché diciamolo, i cibi più gustosi e appetitosi, sono anche i più calorici.

Ahimè, io stessa sono sostenitrice dei cibi “via di mezzo” che ci permettono di appagare le nostre voglie, contenendo i sensi di colpa, ma ammettiamolo, non è la stessa cosa. 

Da oggi però potremo asserire che il sogno di ogni donna al mondo sta per avverarsi, è stata trovata la soluzione a tutte le nostre pene presso l’Istituto italiano di tenologia a Bolzaneto, sotto la guida del Dott. Daniele Piomelli.

 

 

Secondo i ricercatori, il segreto per dire addio ai chili di troppo risiede nel cervello, e non facciamo riferimento alla sola forza di volontà, indispensabile per dimagrire, ma a una vera e propria molecola, l’endocannabinoide 2-AG.

Riducendo la concentrazione di questo composto nel nostro cervello, si è riscontrato un aumento del metabolismo dei topi analizzati; infatti, nonostante gli abbondanti pasti e la sedentarietà, essi non aumentavano di peso.

Per capire meglio il tutto, ci addentriamo in una breve spiegazione scientifica: i ricercatori volevano individuare le funzioni di questa molecola, per questo hanno incrementato la concentrazione della proteina monoacilglicerolo, responsabile della degradazione del 2-AG.

In seguito alla diminuzione dell’endocannabinoide in questione (circa il 50% in meno), gli studiosi hanno riscontrato un aumento di metabolismo; il dott. Piomelli spiega “È  allora che abbiamo scoperto la loro maggiore capacità di bruciare i grassi. Abbiamo scoperto che il loro grasso bruno – tessuto adiposo specializzato nel produrre calorie – diviene iperattivo”.

Analizzando il metabolismo energetico dei topi hanno scoperto il ruolo fondamentale della proteina 2-AG nella regolazione della termogenesi, ovvero il processo grazie al quale si produce energia bruciando i grassi.

Lo stesso Dott. Piomelli riconosce la straordinaria scoperta da loro avanzata, in quanto si potrebbe creare “una medicina che aumenti il metabolismo corporeo, e quindi faccia dimagrire, agendo sui livelli di 2-AG cerebrale, ridicendone per esempio la produzione. Molecole di questo genere non esistono ancora, ma potrebbero essere inventate”.

Non ci resta allora che augurare un buon lavoro ai nostri ricercatori, e cominciare a credere che, a volte, i sogni diventano realtà. 

 

Letto 3651 volte Ultima modifica il Lunedì, 07 Gennaio 2013 12:59
Vota questo articolo
(3 Voti)
Francesca del Monaco

Neo laureata in giornalismo, ancora incerta sul mio futuro, desiderosa di tutto.

Visitare il mondo, viaggiare per un anno intero, coltivare le mie passioni, acquistare centinaia di scarpe e borse da conservare in una cabina armadio all'altezza di Carrie Bradshaw, smettere di fumare, avere una love story con una rock star, fare un corso di fotografia, imparare a cantare (per la gioia di chi assiste alle mie performance canore), tatuarmi dappertutto, scrivere un libro…

E questo è solo l’inizio della mia lunga lista.