05 Dic

I 10 cibi che rafforzano le difese immunitarie per l'inverno

Scritto da  |

Nel corso dell'inverno le difese immunitarie cominciano decisamente a indebolirsi, causando quelli che sono i primi malanni di stagione. Quello che mangiamo, pertanto, sembra assumere un ruolo fondamentale in quanto determinati cibi potrebbero decisamente aiutarci a stare meglio e prevenire i malesseri fisici dell'inverno

 

  • - Cereali integrali: Segale, mais e riso donano grande energia.
  • - Verdure amare: Radicchio, cicoria, tarassaco,catalogna. Sia cotte che crude rafforzano le difese immunitarie e hanno gran potere depurativo.
  • - Cavoli e cavolfiore: Svolgono un’azione anticancro e difendono l'organismo dalle influenze di stagione.
  • - Frutta: Consigliabile quella ricca di vitamina C, flavonoidi e carotenoidi. Ottimi anche l'uva rossa e le banane che grazie al potassio rafforzano le ossa.
  • - I legumi: Lenticchie, fagioli e piselli, essendo ricchi di ferro, andrebbero consumati ogni giorno, ben cotti.
  • - Aglio e cipolla e gli ortaggi a bulbi: Sebbene non sempre graditissimi al palato, soprattutto l’aglio, se assunto nella quantità di due spicchi al giorno, aiuta a prevenire i  raffreddori consentendo anche un valido recupero dai malanni di stagione.
  • - Il cioccolato fondente: Sembra essere in grado di potenziare un gruppo di linfociti, tali da migliorare l’adattamento delle nostre difese al mutare delle infezioni.
  • - Yogurt con fermenti lattici vivi e attivi: Migliorano  la flora intestinale e la proteggono dai batteri nemici
  • - Le spezie: pepe  nero, zenzero, chiodi di garofano e cannella, facilitano lo smaltimento delle scorie.
  • - Pomodori e peperoni: Essendo ricchi di vitamina C e polifenoli, andrebbero assunti crudi per godere appieno delle loro proprietà.

 

 

Letto 3141 volte
Vota questo articolo
(5 Voti)
Simona Vitale

Nata a Napoli nel 1982, amo la cultura, la legge e il giornalismo. Laureanda in Giurisprudenza, mi divido fra le mie grandi passioni sia nel lavoro che nella vita. 

 

Facebook: Simona Vitale