06 Apr

Un dolce cuore Veg e Le vie dei Canti, Il Locale delle torte fatte in Casa

Scritto da  |

Le Vie dei Canti, Il Locale. E’ questo il nome del bistrot che si trova in un vicoletto del centro storico di Frascati, proprio accanto al Palazzo Vescovile. Le due diciture, a leggerle così, sembrano un controsenso, o forse due sensi unici in direzioni opposte: Le Vie dei Canti da una parte e Il Locale dall’altra. La prima simboleggia l’intreccio degli invisibili sentieri che i nomadi aborigeni percorrono, attraversando la sconfinata terra rossa del deserto australiano; l’altra dicitura, invece, tutt’altro che raminga, esprime a chiare lettere la staticità. La parola “locale”, infatti, significa ritrovo, qualcosa di circoscritto, delimitato che favorisce, in questo caso positivamente, la sedentarietà. Nomadismo e sedentarietà, due stili di essere e di vivere che in questo grazioso bistrot trovano un buon punto d’incontro e convivenza. Come dire che quando il posto è giusto, accogliente, ben rifinito, le padrone di casa sono allegre, simpatiche, servono ai tavoli del buon vino, birre artigianali e saporite bruschette, anche gli opposti possono interagire in splendida armonia. Candele grandi e piccole illuminano con discrezione ripiani, nicchie, scale e fanno strada fin sotto la cantina, che vale la pena di visitare, possibilmente, tenendo in mano un calice di buon vino rosso. Molto interessante è anche l’angolo dedicato ai cocktails. Laura è la madre e Giulia è la figlia, due amiche e socie di quest’impresa familiare, che gestiscono supportate dal valido quanto indispensabile aiuto di Pamela, soprattutto per i cocktails. ”Aspettiamo l’estate per proporre i nostri cocktail ‘fatti in casa’, preparati senza bustine, come lo Sweet & Sour” – M’informa Laura - Shot e cocktails anche analcolici” – aggiunge poi.

 

le-vie-dei-canti-il-locale

 

E l’estate la aspettano anche per iniziare a preparare buonissimi spiedini di frutta fresca e ricche insalate da accompagnare ai famosi piatti fantasia serviti, questi ultimi, tutto l’anno e composti di una miscellanea di squisitezze: paté di carciofi, di tartufo, di pomodorini e di funghi spalmati su croccanti fette di pane casareccio preso poco prima da un vecchio e rinomato forno lì vicino, spiedini di mozzarella, pomodoro e basilico e formaggi tra i più appetitosi. Tutta la spesa è fatta giornalmente a km 0, con particolare attenzione al biologico, e le torte, buonissime! sono fatte in casa. Una in particolare l’ho trovata degna di nota: La Torta al Cioccolato di Laura. Torta assai famosa non solo perché è buona, ma anche perché la sua ricetta è e rimarrà, Laura su questo è irremovibile, segreta. Peccato! Se vi capita però di fare un giro da quelle parti, affacciatevi a Il Locale e chiedetene un pezzo.

 

Vi propongo un’altra ricetta, non posso farne a meno, sempre di un dolce, ma suggerita da La Zuccallegra:  

Il Dolce Cuore Veg

 

Ricetta-dolce-cuore-veg-zuccallegra 

 

Ingredienti:

- 400 gr farina senatore cappelli;

-100 gr farina di mandorle;

- 60 gr amido di mais;

-150 ml latte di soia alla vaniglia;

- 60 ml olio extravergine d’oliva;

- 250 gr zucchero di canna;

- 60 gr mandorle in scaglie;

- 50 gr uvetta;

- 1 bustina cremortartaro.

Preparazione:

Amalgamare le farine, l'amido di mais, lo zucchero e il lievito con il latte e l'olio. Aggiungere poi le mandorle e l'uvetta strizzata, (lasciata a bagno in precedenza con acqua e, volendo, con liquore a piacere). Porre in uno stampo per dolci e cuocere in forno per 30 minuti. A fine cottura, spolverizzare con mandorle e zucchero a velo. 

 

Scopri qui gli altri Locali VEGetariANI

Letto 3186 volte Ultima modifica il Sabato, 06 Aprile 2013 18:01
Vota questo articolo
(6 Voti)
Alessandra Verducci

Nata a Roma, è regista e autrice televisiva e teatrale. Ha lavorato anche nella redazione del telegiornale "Dentro la Notizia" e dei programmi Anni ’80; "Miti, Mode e Rock'n Roll" e "Accadde Domani". Ha scritto e messo in scena un monologo dedicato a Gino Paoli, realizzato reportages per RAI 1 e vari documentari industriali.

Nel 2011 ha pubblicato con Edizioni Progetto Cultura il libro "Dietro il buio" una fiaba che prosegue ed evolve in "Chiron nel regno di Darkan" il secondo libro pubblicato a dicembre 2012.