20 Mar

Gustosi, colorati e anche digeribili: Con i peperoni è sempre festa

Scritto da  |

Giallo, rosso e verde.

Questi tre allegri colori rendono il peperone un festoso ingrediente per tante ricette. Il verde è il colore della bacca non ancora completamente sviluppata che diventa, finita la maturazione dei semi, rossa o gialla. C’è chi sostiene che il peperone è nato, cresciuto ed esportato dal Brasile, e ciò potrebbe spiegare il carattere festoso di questo frutto chi, invece, gli attribuisce un’origine giamaicana. Comunque, sia carioca sia giamaicano, il gustoso peperone, sbarcato nel Vecchio Mondo a partire dal XVI secolo, piacque subito molto ai palati europei e non ebbe così grosse difficoltà a diffondersi velocemente. Prese volentieri casa nei terreni ricchi di calcio e ben drenati, preferendo i climi caldi e tollerando poco le basse temperature. Forse, anche per questo è un vegetale simbolo della cucina mediterranea.

In Italia, la regione che produce più peperoni è la Sicilia, con il 23% dell’intera produzione nazionale. Le varietà più richieste dal nostro mercato sono: il California Wonder, di colore giallo-oro e con polpa dolce, il Carnoso di Cuneo, giallo pure lui ma anche rosso, a forma di cuore e con polpa consistente e il Quadrato di Asti, detto anche di Voghera, giallo o rosso, di grandi dimensioni e sapore delizioso.

Come mangiarlo? E’ ottimo crudo, per insaporire e colorare quelle belle e fresche insalate estive, buonissimo arrosto, in padella, in umido e ripieno. Ricco di vitamina A, E, C, PP, P2, il peperone contiene pure discrete dosi di fosforo e calcio. Svolge un’azione antireumatica, diuretica, antinevralgica e, se le dosi ingerite non eccedono troppo, stimola la digestione. Già, i noti problemi digestivi legati a questo ortaggio, attenuabili togliendo la pellicina che lo ricopre, non sono sempre così scontati.

Data la sua forma, direi senza dubbio che il peperone è una naturale ‘casseruola’ di cottura. Vi suggerisco, per questo, una delle tante ricette per cucinarli ‘ripieni’ con verdure e pangrattato.

 

 PEPERONI RIPIENI

 

Ingredienti per 4 persone:


- 8 peperoni;
- 2 melanzane;
- 80 gr di olive nere snocciolate;
- 40 gr di capperi sotto sale;
- 1 spicchio d’aglio,
- 100 gr di pangrattato;
- 200 gr di pomodori da sugo;
- origano;
- 1 mazzetto di prezzemolo;
- sale, pepe e olio extravergine d’oliva.

 

 

Preparazione:

Togliete la calotta superiore ai peperoni e mettetela da parte. Puliteli internamente, eliminando i semi e le coste bianche, poi lavateli e scottateli sulla fiamma per togliere la pellicola. Lavate anche le melanzane, tagliatele a dadini e friggetele in abbondante olio caldo, avendo cura di scolarle bene e asciugarle sulla carta assorbente. Fate i pomodori a dadini, tagliate le olive, tritate il prezzemolo e dissalate bene i capperi. Rosolate mezzo spicchio d’aglio in una padella con l’olio, poi togliete l’aglio e versate il pangrattato facendolo dorare. Unite i capperi, i pomodori, il prezzemolo, le olive, un pizzico d’origano e il mezzo spicchio d’aglio rimasto. Fate insaporire a fiamma bassa, unite le melanzane, salate, pepate e togliete dal fuoco. Prendete i peperoni, farciteli con il composto, chiudeteli superiormente con la calotta tolta e disponeteli su una teglia provvista di apposita carta da forno. Infornateli a 190° per 45 minuti circa, poi fateli raffreddare e serviteli accompagnati da un vino bianco aromatico.

Un Sauvignon Blanc andrà benissimo.

 

Inviate le vostre ricette a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Qui altri articoli del Mercoledi Veg

 

Letto 2301 volte Ultima modifica il Mercoledì, 20 Marzo 2013 12:12
Vota questo articolo
(3 Voti)
Alessandra Verducci

Nata a Roma, è regista e autrice televisiva e teatrale. Ha lavorato anche nella redazione del telegiornale "Dentro la Notizia" e dei programmi Anni ’80; "Miti, Mode e Rock'n Roll" e "Accadde Domani". Ha scritto e messo in scena un monologo dedicato a Gino Paoli, realizzato reportages per RAI 1 e vari documentari industriali.

Nel 2011 ha pubblicato con Edizioni Progetto Cultura il libro "Dietro il buio" una fiaba che prosegue ed evolve in "Chiron nel regno di Darkan" il secondo libro pubblicato a dicembre 2012.