19 Dic

Borlotti in pentola... e agnellini con la mamma.

Scritto da  |

Questo “Mercoledì Veg”, portiamo in tavola un piatto di fagioli … e lasciamo così qualche agnellino in più con la mamma. Sia a Pasqua sia a Natale, infatti, per il cucciolo belante sembra proprio non ci sia via di scampo. Sono loro, tra tutti, i più richiesti durante le festività. Lo dicono i dati Istat di questi ultimi giorni, che mettono, in numeri, la quantità impressionante di piccoli animali consumati durante il periodo natalizio. Nel 2011, sono finiti nelle pentole italiane più di 5,5 milioni di animali. Di questi, il 30,5% sono stati macellati solo nel mese di dicembre e l’88% erano agnellini (elaborazione dati LAV). Impegnandoci a mangiare solo verdura, frutta e legumi, almeno il mercoledì, possiamo senz’altro dare una mano a limitare questa mattanza. E possiamo limitarla ancora di più mangiando meno “batuffoli a quattro zampe” adesso, nel periodo natalizio. La proposta culinaria di oggi, per addentare meno carne senza rinunciare però alle proteine, punta sui fagioli. Un tempo, e a buona ragione, erano considerati la carne dei poveri. Si trovavano ovunque, costavano poco e potevano sostituire la “preziosa” carne grazie, soprattutto, ai loro alti valori nutrizionali. Anche oggi costano poco e si trovano facilmente. Sono di vari colori e diverse forme. Possono essere rossi, bianchi, neri, variegati, grossi, piccoli, schiacciati e tondi. Abbiamo i Cannellini, i Borlotti, i Lamon, i Lima, i Bianchi di Spagna, di Vigevano, di Crotone, di Sarconi e ancora, i Messicani, gli Scozzesi, i Toscanelli ecc. Ci sono più di 500 varietà. Di qualsiasi colore, forma e nome, questi legumi ci danno comunque tanto: acqua, fibre, proteine, glucidi e pochissimi lipidi. Sono ricchi di minerali quali il sodio, il potassio, ferro, fosforo, manganese, calcio, zinco e selenio e di vitamine del gruppo B, E, K, J. Hanno proprietà depurative e diuretiche. La lecitina poi, un fosfolipide in essi contenuto, favorisce l’emulsione dei grassi e riduce così l’accumulo di colesterolo nel sangue. E sempre nel sangue riducono pure la glicemia. Apportano beneficio anche al cuore e alla funzionalità dell’apparato circolatorio.  

Le Frittelle di fagioli. Le dosi sono sempre per 4 persone, le calorie 512 a porzione, la difficoltà è media e il tempo di preparazione si aggira intorno alle 5 ore + ammollo. Dunque, in campo scendono i Borlotti, ne servono ½ kg e secchi, poi, chiodi di garofano, 2 belle cipolle, 3 cucchiai di farina 1 uovo, prezzemolo, latte, sale, pepe, margarina vegetale e olio. Dopo aver lasciato i fagioli in ammollo per una notte, scolateli e fateli cuocere in acqua nuova. Appena bolle, coprite ermeticamente e togliete dal fuoco. Dopo un’ora, quando i fagioli sono ben gonfi, togliete l’acqua e mettetene di nuova. Deve essere calda. Aggiungete il sale, una cipolla, due chiodi di garofano, prezzemolo tritato e un cucchiaio d’olio. Cuocete per circa tre ore a fuoco molto basso, preferibilmente, in una pentola di coccio. Cotti i fagioli, passateli al setaccio, pelate l’altra cipolla e mettetela in una pentola con un po’ di margarina. Una volta che la cipolla è dorata, aggiungete un cucchiaio di farina, ammorbidite con il latte freddo e lasciate bollire, mescolando, fino a che il composto sia divenuto denso. Adesso, unitelo al purè di fagioli, al prezzemolo tritato, all’uovo intero, a due cucchiai di farina, al sale e al pepe. Preparate delle focaccine, rotolatele nel pane grattugiato e mettetele in padella con la margarina già calda. Doratele a piacere e mangiatele con felicità.

Scopri le altre ricette del Mercoledi Veg

 

Letto 2432 volte Ultima modifica il Mercoledì, 09 Gennaio 2013 11:01
Vota questo articolo
(17 Voti)
Alessandra Verducci

Nata a Roma, è regista e autrice televisiva e teatrale. Ha lavorato anche nella redazione del telegiornale "Dentro la Notizia" e dei programmi Anni ’80; "Miti, Mode e Rock'n Roll" e "Accadde Domani". Ha scritto e messo in scena un monologo dedicato a Gino Paoli, realizzato reportages per RAI 1 e vari documentari industriali.

Nel 2011 ha pubblicato con Edizioni Progetto Cultura il libro "Dietro il buio" una fiaba che prosegue ed evolve in "Chiron nel regno di Darkan" il secondo libro pubblicato a dicembre 2012.