Chi lo dice che rimettersi in forma, significa rinunciare al gusto? 

Non sempre le cose che ci fanno bene sono “punitive” anzi con l’ingresso della bella stagione la frutta ci da una grande mano. Sapori intensi, dolci senza troppe calorie e grassi.
I frullati depurativi sono un’idea interessante per continuare a “giocare” in cucina ma cominciare a metterci in forma o semplicemente tenerci un po’ più leggere.

I frullati depurativi sono a base di frutta fresca, frutta secca, semi, verdure e cereali, hanno proprietà benefiche e si distinguono anche per il loro buon sapore.
Tuttavia, se lo desideriamo, possiamo addolcirli con ingredienti sani come miele, stevia o zucchero di cocco.
Possiamo anche aggiungere diversi tocchi di sapore con l’aggiunta di vaniglia, cannella o cacao. Insomma, possiamo personalizzarli in base ai nostri gusti. Consigliamo di optare per cibi naturalmente dolci (banana, pera, ananas, ecc.) e sempre per dolcificanti integrali e poco raffinati.

Ecco due suggerimenti per ispirarvi:

 

- Fragole e cocco
Questo frullato ci ricorda la combinazione di fragole con panna, ma senza aggiungere grassi, zucchero o latte.
È uno dei frullati più appetitosi. Provatelo!

La fragola
Le fragole sono frutti deliziosi che offrono molti nutrienti e ci saziano pur avendo un contenuto calorico basso.
• Ideali per perdere peso senza smettere di mangiare, oltre a dare sapore e colore a qualsiasi succo o frullato.
• Hanno proprietà diuretiche e un alto contenuto di fibre che promuovono la funzione intestinale.

Il cocco
Il cocco è un frutto tropicale ricco di proteine, fibre e grassi. I suoi acidi grassi sono ottimi per il corpo e ci aiutano ad accelerare il metabolismo. Questo frutto regola anche la glicemia, migliora la digestione e favorisce l’assimilazione dei nutrienti.

 

- Papaya e semi di chia

Questo frullato cremoso è ideale per disintossicare l’organismo, regolando la funzione digestiva e la regolarità intestinale.
La papaya
La papaya è un frutto tropicale ricco di enzimi che favoriscono i processi digestivi, calmano le infiammazioni e regolano il transito intestinale.
• Grazie al suo contenuto di beta-carotene, questo frutto è un ottimo antiossidante naturale.
• I suoi semi combattono i parassiti intestinali.
I semi di chia
• I semi di chia, che bisogna lasciare ammollo la notte precedente, regolano il transito intestinale.
• Abbassano il colesterolo e i livelli di zucchero nel sangue; invece aumentano il senso di sazietà.

 

Queste sono solo due delle molteplici combinazioni che potrete provare, mixando frutta fresca, semi, verdure, cereali, frutta secca...
Presto, mettete in corrente il frullatore!

Come di consueto, vi mostriamo i prodotti contenuti nella Degustabox mensile. Nello specifico, ecco i prodotti contenuti nella Degustabox del mese di febbraio 2020: ogni mese scopriamo prodotti sempre nuovi, appena lanciati sul mercato. 

Come ogni mese, diamo uno sguardo alla Degustabox. In questo articolo, infatti, scopriamo tutti i prodotti contenuti nella scatola dell Degustabox gennaio 2020. Curiosi di capire quali novità sono state inserite? Scopritele nella gallery. 

Scopriamo insieme l'importanza di ciò che mangiamo per ridurre il gonfiore addominale in menopausa.

La menopausa è un periodo molto delicato e comporta cambiamenti e novità che non sempre vengono accolte con lo spirito giusto da parte delle donne. Molto spesso, inoltre, durante questa delicata fase di passaggio, le donne accusano un ulteriore motivo di disagio, fonte di imbarazzi e malcontenti di natura estetica: la pancia gonfia in menopausa. Può sembrare un disturbo secondario, certo, se comparato a fattori quali disfunzioni gravi, valori alterati nelle analisi del sangue o depressione, ma il gonfiore addominale è spesso un campanello d’allarme per prevenire l’insorgere di ulteriori problemi.

Conoscere il proprio corpo, dopotutto, è la premessa fondamentale per stare bene e vivere al meglio. Ogni problema, o quasi, si può risolvere conoscendone a fondo le cause: capire i meccanismi che sono alla base dell’organismo femminile e quelli che portano all’insorgere del disturbo è il primo passo verso la risoluzione del problema. E alla base del funzionamento del nostro organismo c’è l’alimentazione.

Ogni “terapia d’urto” finalizzata a diminuire il gonfiore della pancia deve quindi cominciare dalla dieta: che non significa obbligatoriamente adottare un regime alimentare drastico, costruito su sforzi e privazioni, forzato e intransigente. Anzi, l’adozione di una dieta così difficile può risultare, nella maggioranza dei casi, controproducente. Ogni cambiamento nella propria alimentazione dovrebbe avvenire in modo graduale e dolce, in uno sforzo diluito ma prolungato nel tempo. Più l’andamento della dieta sarà regolare, più i benefici saranno garantiti a lungo termine.

È inoltre necessario capire che per stare meglio – soprattutto dopo una certa età, quando gli equilibri ormonali sono cambiati con l’inizio della menopausa – non è richiesto di stravolgere le proprie abitudini: d’altra parte, nessuno può compiere una trasformazione radicale da un giorno all’altro, senza conseguenze. Spesso, però, è proprio da una riflessione sulla propria alimentazione che si genera il bisogno di un cambiamento più vasto, più profondo, del nostro stile di vita.

L’importanza dell’alimentazione è tale da influenzare molti aspetti del vivere quotidiano: non è raro, ad esempio, che da una dieta più equilibrata derivino i primi benefici in termini di salute ed energia, dai quali – a loro volta – scaturisca la curiosità (prima) e la necessità (poi) di adottare uno stile di vita meno sedentario, di concedersi nuove sane abitudini, di prendersi cura del proprio benessere con una nuova consapevolezza.

La soluzione è nei dettagli, nelle piccole azioni quotidiane. Sì, anche per la pancia gonfia. Ad esempio, sostituire il latte con dello yogurt magro per la colazione mattutina: gli alimenti che contengono fermenti lattici, infatti, sono ideali per riequilibrare la flora intestinale. Se la mattina avete grande appetito, provate ad accompagnare lo yogurt con frutta e cereali integrali (o muesli, per i più golosi): scoprirete che, dopo le prime giornate in cui si affaccerà la prevedibile nostalgia per i cari vecchi biscotti, vi sentirete meglio, più energici, più leggeri, più reattivi. E anche il benessere intestinale vi sarà grato della nuova abitudine: in men che non si dica vi scorderete di brioche e cappuccino.

Se invece la mattina proprio non riuscite a iniziare in grande (sono moltissime le persone che, appena sveglie, si limitano a “un caffè al volo”), provate a sostituire le bevande a base di caffeina con un o una tisana calda, magari con un mix di erbe sgonfia pancia, come quelle a base di finocchio, anice e menta. Anche un bicchiere di acqua tiepida con del limone, appena svegli, è di grande sollievo all’apparato digerente e può aiutare contro i problemi di gonfiore.

Durante i pasti, probabilmente, la questione potrebbe apparire più complessa: orari irregolari, pranzi o cene fuori casa, esigenze familiari da accontentare… sono molti i compromessi da regolare. Si può iniziare, però, con alcuni piccoli e semplici passi, come l’introduzione di almeno una porzione di verdure a pasto: nessuna rinuncia, nessun scoraggiante divieto. Gli enzimi naturali contenuti nella verdura, infatti, sono fondamentali per favorire una veloce e corretta digestione, proteggono il fegato e aiutano l’attività digestiva del colon. Per una maggiore efficacia, consumate una porzione di verdura cruda a pranzo (preferibilmente un carciofo o un finocchio, che possiedono anche una notevole capacità di assorbimento dei gas intestinali) e una di verdura cotta a cena. I benefici non tarderanno ad arrivare e faranno la differenza tra un’opprimente sensazione di gonfiore e una pancia piatta e in salute.

Come di consueto, vi mostro i prodotti contenuti nella Degustabox mensile. In questo articolo, in particolare, ci concentriamo su quelli che ho trovato nella Degustabox di dicembre 2019.

In questa recensione, vi parlo dei prodotti che ho trovato nella Degustabox di novembre 2019. Ogni mese - come di consueto - l'azienda ci permette di scoprire nuovi prodotti del mercato alimentare.

In questo articolo, vi mostro i prodotti che ho trovato nella Degustabox di ottobre 2019. Come sempre, ci sono tante novità che sono appena arrivate sul mercato alimentare. Scopriamole insieme. 

Scopriamo insieme, come ogni mese, i prodotti che sono contenuti nella Degustabox. Nello specifico, vediamo quali prodotti sono stati inseriti nella Degustabox dell'edizione di settembre 2019

Come ogni mese, vi mostro i prodotti che trovo nella box mensile di Degustabox. Nell'edizione di agosto 2019, ci sono diversi prodotti interessanti, che vi mostro nella gallery presente in questo articolo. 

Come di consueto, vi mostro i prodotti contenuti nella Degustabox. Questo mese, scopriamo i prodotti della box di luglio 2019. Curiosi? Allora, sfogliate la gallery delle foto che trovate tra qualche riga.

Pagina 1 di 46