Lo yogurt si può introdurre nell’alimentazione dei bambini a partire dai sette mesi quando il bimbo si trova già nella fase dello svezzamento, meglio se si sceglie quello bianco intero, in seguito quando il bambino è attorno all’anno di età si può passare a quelli alla frutta, solitamente i pediatri consigliano tre gusti principali: mela, pera e banana, questo perché sono frutti meno allergizzanti di altri, solo dopo i due anni si possono invece introdurre quelli alle fragole, frutti di bosco o pesca, che invece possono scatenare allergie.

 Alimento fondamentale per i bambini, durante tutta la sua crescita, apporta calcio, pur essendo un latticino, non crea allergie, è digeribilissimo, ottimo per la flora intestinale e … cosa da non sottovalutare per nulla, sono buonissimi, proprio per questo non sono difficili da introdurre nell’alimentazione dei nostri piccolini.

Si può scegliere quello naturale e biologico, comprandolo magari nelle aziende agricole o, se preferiamo comprarli al supermercato, quelli migliori per me  sono gli yogurt Teddy della fattoria Scaldasole.

Lo do al mio piccolino e non nego che anche io ne sono golosissima, specie di quello alla pera che è veramente fantastico.

Potremmo anche provare, se abbiamo tempo, a fare direttamente noi lo yogurt in casa, sicuramente migliore in tutto perché, a dati fatti, nulla di strano sarebbe aggiunto, e nella preparazione poi potremmo far partecipare anche i nostri bimbi che si divertirebbero molto.

 

ricetta-yogurt-fatto-in-casa

 

Se abbiamo una yogurtiera, basterà mettere gli ingredienti base e accendere ma diversamente potremmo anche farlo a mano.

Basta del latte, dei fermenti o in alternativa quattro vasetti di yogurt bianco naturale.

Il primo passo per ottenere del buonissimo yogurt e quello di far scaldare il latte in una pentola facendo attenzione a non superare i trentotto gradi, la precisione nel fare lo yogurt è veramente importante perché è proprio la temperatura che fa partire la fermentazione, un calore troppo elevato ucciderebbe i batteri e quindi lo yogurt non verrebbe.

A questo punto aggiungiamo al latte i fermenti o i vasetti di yogurt mescolando il tutto in maniera molto dolce, lasciamo riposare poi al caldo, usando un termos capiente o va benissimo anche il forno appena tiepido, ricordo che non deve superare i quaranta gradi, per dodici ore.

Se lo fate la sera, il mattino seguente avrete del buonissimo yogurt artigianale adatto per un dessert fresco dopo la pappa dei nostri bambini magari con aggiunta di biscottini e pezzetti di cioccolato a scagliette o con miele e frutta a pezzettini per una merendona sana ma soprattutto deliziosa.

 

Potrebbe interessarti pure: Come scegliere i Succhi di Frutta per il nostro bimbo

 

Tutte noi mamme lo sappiamo: con l’arrivo del caldo far mangiare i bambini diventa spesso una vera e propria lotta!

Dobbiamo però tener e sempre presente che forzare i bimbi a mangiare è sbagliato, l’ora della pappa diviene poi una sorta di punizione, con il rischio di avere in seguito problemi legati all’alimentazione.

Quindi, cosa fare quando il bambino non vuole fare la pappa?

Anche a noi adulti passa l’appetito con l’aumento delle temperature, proviamo quindi a metterci un po’ anche nei loro panni e cerchiamo di trovare una soluzione che renda tranquille noi e sereni lori.

Il segreto secondo me sta nel dare da mangiare ai nostri bimbi alimenti freschi e buoni, che in un certo modo gli facciano venire l’acquolina in bocca a prima vista.

Se a colazione non vogliono il latte, possiamo proporgli altri cibi tipo lo yogurt a cui possiamo aggiungere dei cereali, della frutta a pezzetti, un frullato, un budino, dei succhi di frutta freschi o una fetta di crostata con la frutta.

A metà mattina possiamo proporgli della frutta fresca, magari sotto forma di macedonia, scegliendo tra quella che il bimbo gradisce, se non la vuole mangiare, possiamo sempre frullarla e renderla più buona aggiungendo un cucchiaino di zucchero o di miele oppure, possiamo proporgli delle porzioni piccole di focaccia fresca se il nostro piccolino ama di più il salato.

Anche una fetta di pane con un velo di burro e marmellata non sarà di certo lasciata in disparte dalla maggior parte dei bimbi.

 

Cosa-fare-se-bambino-non-vuole-la-pappa 

 

Per i due pasti principali dobbiamo puntare sugli alimenti che lui predilige e non preoccupiamoci subito se non mangia carne d’estate, è sempre meno appetitosa.

I primi, come pasta e riso, devono essere conditi in maniera leggera, associandoli a verdure: un esempio buonissimo sono le farfalle con prosciutto e piselli, oppure l’insalata di riso (i vasetti in vendita per fare le insalate di riso non sono molto gradite ai bambini, meglio preparare noi gli ingredienti freschi).

Per secondo possiamo scegliere tra verdura associata a pesce o formaggi freschi.

E infine la merenda … sicuramente il momento che i bambini prediligono di più visto che solitamente non gli si nega mai del buon gelato (qui la ricetta dei Cake Pops per i più grandicelli).

Che sia preparato da noi con alimenti freschi, artigianale o confezionato, un buon gelato è sicuramente la migliore merenda che d’estate possiamo dare ai nostri figli, fornendogli non solo il giusto quantitativo di calorie ma anche un momento di pura golosità.

Quando i bimbi sono piccoli meglio scegliere i gusti più semplici come il fiordilatte per evitare problematiche allergiche.

 

Ti interesserà pure: Ricettine veloci per lo spuntino dei bambini

 

Questa è una ricettina super adatta per questo periodo contiene lo zenzero che ha innumerevoli proprietà benefiche tra le quali quella di bruciare i grassi e visto la prova costume imminente credo sia proprio adatta...

La ricetta è Bocconcini di pollo allo zenzero e yogurt


Ingredienti:

1 petto di pollo a tocchetti
1 porro
1 pezzetto di radice di zenzero sbucciato

150g di yogurt greco light
1⁄2 limone
1 cucchiaio di passata di pomodoro

2 spicchi d'aglio
1 cucchiaino di paprika in polvere

sale e pepe

 


Insaporiamo i tocchetti di pollo con 2 cucchiai di olio, sale, pepe, zenzero grattugiato, e fette di 1⁄2 limone. Lo lasciamo così per circa un'ora.
Tagliamo il porro a listarelle, schiacciamo l'aglio e mettiamo il tutto in un tegame con un filo d'olio, facciamo appassire bene il porro, magari con l'aggiunta di un cucchiaio d'acqua, e aggiungiamo il pollo con tutta la sua marinata. Facciamo cuocere bene, stando attenti a che non si bruci il fondo e sfumiamo con lo yogurt.

Facciamo cuocere per qualche minuto e aggiungiamo la paprika e un cucchiaio di passata di pomodoro.

Facciamo restringere il sugo e serviamo.

 

Potrebbe interessarti anche: Ricette light: Spiedini di pollo

 

25 Giu

Torta fredda allo yogurt

Pubblicato in Cucina

Il caldo è arrivato e in tv iniziano ad apparire le prime pubblicità di torte fredde, ma perché comprarle quando le possiamo fare a casa con prodotti genuini?

Ecco come fare in casa un torta fredda allo yogurt...


Ingredienti per la torta:


350 gr. di biscotti secchi
100 gr. di burro fuso
200 gr. di yogurt bianco
200 gr. di ricotta vaccina
200 ml di panna fresca
30 gr. di gelatina in fogli (20 per la torta 10 per la purea)

150 gr. di zucchero
200 gr. di fragole

100 gr. di zucchero

succo di 1/2 limone

 

 

Procedimento:


Tritiamo i biscotti e li uniamo al burro fuso creando cosi la base della torta che sarà di 24cm. La riponiamo in frigo e lasciamo raffreddare per almeno 30 minuti.
Nel frattempo mettiamo in ammollo la gelatina in un pò di acqua fredda.
Mescoliamo ora in una ciotola lo yogurt con lo zucchero e la ricotta, strizziamo la gelatina e la facciamo sciogliere a fuoco dolce con un cucchiaio di panna. Il resto della panna va montata e aggiunta al composto mescolando dal basso verso l'alto per non farla smontare. Versiamo il composto ottenuto nella base e lasciamo riposare in frigo per almeno 3 ore.

Ora pensiamo alla copertura che può essere fatta con del cioccolato fuso oppure con una purea dolce di frutta in questo caso fragole.
Tagliamo la frutta a dadini e la facciamo cuocere in un pentolino con lo zucchero e il succo del limone, quando il tutto sarà sciolto lasciamo raffreddare.

Quando la torta sarà pronta la togliamo dal frigo e ci versiamo sopra la purea non prima di aver aggiunto la gelatina sciolta in un goccio d'acqua.

Ora rimettiamo in frigo per almeno 30 minuti 1 ora e possiamo servire.

 

Potrebbe interessarti anche: Stecchi con gelato

 

In questa review, vi parlo di un prodotto che è arrivato da pochissimo in Italia: Ísey Skyr, uno yogurt senza grassi, che dà al corpo l'energia giusta per affrontare la giornata, climi freddi e anche un'intensa attività sportiva, senza rinunciare alla linea. 

 

Ísey Skyr, lo yogurt islandese fonte di energia

isey skyr 1

Prima di parlavi dei singoli gusti di Ísey Skyr che ho provato, vi allego la storia di questo prodotto che ha origini antiche. Come si può leggere dal sito italiano dell'azienda, quando, 1.100 anni fa, i coloni nordici approdarono in Islanda, portarono con loro anche tutto il sapere legato alla produzione dello skyr, un alimento nutriente la cui ricetta è stata tramandata nel corso degli anni: un prodotto che è alla base della dieta nazionale e che permette, a chi ne fa uso, di affrontare al meglio climi difficili e rigidi e di fare sport, facendo leva su uno yogurt ricco di proteine e totalmente privo di grassi. La ricetta è stata tramandata per via matrilineare, pertanto erano le donne a prendersi cura di questo latticino.

isey skyr 6

Furono proprio le donne a insegnare agli scienziati del settore lattiero-caseario l'arte della produzione dello skyr, basata sulla fermentazione del latte scremato. Il nome Isey è un nome femminile islandese che è stato usato dal 1909 e rappresenta la purezza del prodotto e della natura islandica: infatti, Ís, significa "ghiaccio" mentre ey significa "isola"  Grazie all'azienda, ho avuto modo di provare tre gusti della gamma: Al Naturale, Vaniglia e Mirtillo:

isey skyr 11

 

Per farvi un'idea di come è prodotto questo prodotto, vi allego una tabella riassuntiva:

Isey skyr 3 times milk 1200x1200 highres

Cosa molto importante è che l'azienda ha l'esclusività dei fermenti skyr, che garantisce l'autenticità della ricetta: infatti, non possono essere usati da qualcun altro. È questo che fa dell'Isey Skyr un latticino unico, solo islandese. Passiamo, ora, a Ísey Skyr. Il prodotto è contenuto in un vasetto di generose dimensioni, che ha, sotto al tappo - che permette di richiuderlo, qualora lo si voglia consumare anche in un secondo momento - un cucchiaino pieghevole e riutilizzabile, cosa davvero molto utile, qualora lo si mangi fuoricasa: 

isey skyr 2

Vediamo i singoli gusti presenti in gamma. Al Naturale:

isey skyr 3

Come dice il nome, la variante Al Naturale è semplice, ma molto buona e racchiude in sé tutto il gusto di questa incredibile ricetta nordica. All'interno, infatti, troviamo latte scremato e fermenti dello skyr. Ecco i valori nutrizionali per 100 grammi di prodotto:

  • Energia 254kj/60kcal
  • Grassi 0,2 g
  • Carboidrati 3,5 g
  • Proteine 11 g
  • Sale 0,15 g
  • Senza glutine
  • Adatto per vegetariani

Ecco come si presenta il prodotto:

isey skyr 9

 

Ecco il cucchiaino che troviamo in ogni singola confezione: 

isey skyr 7

 

Passiamo, ora, alla variante alla Vaniglia:

isey skyr 4

In questo gusto, troviamo latte scremato, acqua, amido modificato di mais, addensante (pectina), estratto di semi di vaniglia, edulcoranti (sucralosio, acesulfame K), colorante (betacarotene), fermenti di skyr. Di seguito, i valori nutrizionali per 100 grammi di prodotto:

  • Energia 234kj/55kcal
  • Grassi 0,2 g
  • Carboidrati 3,6 g
  • Proteine 9,7 g
  • Sale 0,14 g
  • Senza glutine
  • Adatto per vegetariani

 

Ecco come si presenta il prodotto: 

isey skyr 10

 

Infine, c'è quello al Mirtillo

isey skyr 5

All'intenro di questa variante, troviamo latte scremato, mirtillo (8%), zucchero, addensante (pectina), succo di sambuco, aroma naturale, fermenti di skyr.

Ecco i valori nutrizionali per 100 grammi di prodotto:

  • Energia 337kj/79kcal
  • Grassi 0,2 g
  • Carboidrati 10 g
  • Proteine 9,4 g
  • Sale 0,13 g
  • Senza glutine
  • Adatto per vegetariani

 

Ecco come si presenta il prodotto:

isey skyr 8

 

Oltre a questi tre gusti, nella gamma sono presenti anche quelle alla fragola, lampone, biscotti, cocco, mele cotte,pesca e mela verde. Poteta acquistare sey ÍSkyr al Carrefour. 

 

COSA NE PENSO: è un prodotto davvero innovativo e mi sento di consigliarlo a chi vuole energia, sin dal mattino, senza esagerare con grassi e zuccheri, visto che questo prodotto non contiene grassi, ma solo proteine per un carico di energia. Ideale, inoltre, anche per chi fa sport e per chi intende concedersi una pausa, senza sensi di colpa. Inoltre, ha una consistenza cremosa ma corposa, un po' come quella del gelato, pertanto si differenzia dai soliti yougurt che troviamo nel bancone frigo. Sono ottimi anche per i bambini e non solo per gli adulti. Spero di riuscire a provare anche le altre varianti. 

 

 

 

 

 

100 anni fa, i coloni nordici iniziarono ad arrivare in Islanda. Portarono con loro le capacità e le conoscenze per la produzione dello skyr. Con il passare del tempo, la conoscenza e la ricetta di questo alimento nutriente si sono lentamente affievolite in altre zone della regione nordica. Fortunamente, la tradizione islandese della produzione di skyr è invece proseguita.

Per secoli, lo skyr islandese ha costuito il fondamento della dieta nazionale, aiutando le persone a rimanere forti, nonostante le condizioni di vita spesso difficili. In tutto il Paese, nelle fattorie a conduzione familiare, erano le donne a prendersi cura di questo latticino e a tramandare la ricetta e le colture islandesi di skyr originali di madre in figlia.

Ísey Skyr si basa su questa straordinaria eredità. Furono proprio alcune di queste donne, depositarie delle conoscenze delle lori madri, ad insegnare circa 90 anni fa agli scienziati del settore lattiero- caseario l’arte della produzione dello skyr. Il processo di produzione è molto più tecnologico ai giorni nostri, e gli standard di qualità più rigorosi. Tuttavia, la ricetta base e l’utilizzo delle colture originali per fermentare il latte scremato rimangono gli stessi. Ricco di proteine, senza grassi, cremoso e delizioso - Ísey Skyr è importante per i consumatori di oggi esattamente quanto lo era secoli fa.