Se l’ambiente e il pensiero influenzano la nostra biologia, questo può cambiare le conoscenze e le esperienze vissute fino a oggi da gran parte di noi. Infatti ognuno di noi ha le potenzialità per creare una vita piena e traboccante di ogni dono e talento, a partire da salute, felicità e amore.” La Biologia delle Credenze, Bruce H. Lipton.

In estate si sa, la ritenzione idrica aumenta, il caldo peggiora la vasodilatazione e di conseguenza si ha un cattivo ritorno venoso che ci regala quell’effetto di gonfiore diffuso, specialmente alle gambe.

Mare sole bagni mettono la nostra pelle a dura prova. Le lunghe esposizioni, la salsedine hanno un effetto disidratante sull’epidermide. E ci ritroviamo con una pelle secca e squamosa che tende quasi al grigio.

Mentre un sole ancora caldo accompagna le nostre giornate di fine estate, la mente pigramente indugia nei ricordi delle vacanze appena trascorse, un piacevole senso di benessere ci invade pensando ai progetti per la nuova stagione. La pelle un po’ secca tradisce lunghe ore sotto il sole cocente di agosto, stressata da salsedine ed esposizioni selvagge, ed esprime il bisogno di cure, conforto e nutrimento.

L’atmosfera calda che i colori autunnali riescono a creare ci trasportano in un umore fatto di coccole, benessere e calore. Rallentare i ritmi e fermarci a pensare a quello che ci fa stare bene, riprenderci il tempo e lo spazio per regalarci momenti di benessere, per godere tutto quello di bello che questa stagione ci offre.