Quando arriva il freddo, tutti i buoni propositi che ci spingono a praticare un po’ di moto all’aria aperta vanno a dormire.

I parchi pubblici, così come i luoghi che tanto si prestano a belle camminate e corsette salutari, improvvisamente, nei periodi invernali, subiscono il fenomeno della desertificazione. A parte i soliti sportivi DOC, sempre in forma che, vai a capire come, trovano comunque il modo e la voglia di mettersi in moto tutti i giorni di cui è composto l’anno solare, gli altri comuni mortali spariscono verso la fine di ottobre e tornano poi a farsi vedere, come fiori in primavera, non appena lo spauracchio della “prova costume” appare nell’orizzonte di fine aprile.

Non sarebbe meglio, forse, tenere svegli tutto l'anno i buoni propositi di mantenersi in forma, così da spingerci a essere operative, quindi sportive, un po’ tutti giorni, quel tanto che serve per farci arrivare ad aprile già con risultati visibili e soddisfacenti addosso? Forma fisica a parte, ci guadagneremmo molto anche in salute e non è poco, poiché la “salute” è il bene più prezioso. E allora forza! Un piccolo sforzo iniziale e diamo un taglio alla pigrizia invernale, tanto per non dover sempre dirci: “Bleah!” davanti allo specchio, quando ci infiliamo in quei graziosi vestitini estivi o nei costumi di ultima generazione. Un po’ di moto tutti i giorni, fatto regolarmente, e la “prova costume” sarà, appunto, una passeggiata di salute.

Donne belle e famose ne sanno qualcosa. Angelina Jolie mantiene splendidamente un perfetto equilibrio di definizione muscolare e dirompente femminilità attraverso la pratica continua di attività fisica, integrata con un allenamento pesi leggero. The Body, non a caso è così chiamata Elle Mcpherson, produttrice e conduttrice di Fashion Star, all’età di quarantotto anni si mantiene in formissima grazie ad un programma continuo di esercizi e a una dieta bilanciata che non prevede l’uso di caffeina, zucchero raffinato, alcol e cibi in scatola. Gwyneth Paltrow, solo per scriverne un’altra, è una di quelle che difficilmente rinuncia al suo allenamento cardio, alla corsetta, che pratica cinque volte a settimana. Niente è regalato, quindi, neanche a quelle “stelle” che brillano di bellezza perpetua.

 

 

Insomma, chi bella vuole comparire, genetica a parte, qualche pena deve soffrire. Ora, senza dover diventare delle “stelle” a tutti costi, ricalcandoci a forza sopra i modelli culturali e standardizzati di bellezza e perfezione, anche perché sarebbe banale, possiamo comunque darci da fare per la nostra peculiare bellezza.

Premesso che non è vero che il freddo fa male ai polmoni, nel senso che non crea infezioni respiratorie tipo asma e bronchiti e che semmai è l’umidità, presente sia in inverno sia in estate, che può creare danni all’organismo, ecco alcune semplici regole da seguire per correre o camminare nei parchi, anche d’inverno: svolgere almeno quaranta minuti di corsa leggera o camminata a passo veloce tutti i giorni; non coprirsi eccessivamente e vestirsi, possibilmente, con capi in microfibra o teflon che permettono al sudore di fuoriuscire e a noi di non indossare panni bagnati; coprire la testa, perché è la parte che regola la temperatura corporea; mangiare due ore prima dell’attività fisica e, ovviamente, non attivarci se siamo raffreddate, influenzate o con il mal di testa.

Poi, non è che se corriamo o camminiamo possiamo mangiare tutto ciò che vogliamo e malamente. No. Importantissimo è seguire anche un’alimentazione sana. Abbondiamo nel consumo di frutta e verdura, diamo la preferenza al pesce e usiamo l’olio d’oliva. Vietate le bibite gassate, grassi, fritti, cibi in scatola e troppo salati. Vivamente consigliato bere molto, per facilitare la funzionalità renale e l’eliminazione dei liquidi in eccesso. E poi, dato che, come spesso si usa dire, “non ci sono più le mezze stagioni” e, addirittura, sui banchi dei mercati, supermercati e dei negozi specializzati non ci sono proprio più le stagioni, così che tutto l’anno è possibile trovare ogni tipo di frutta, eccovi due semplici ricette di sfiziosi frullati da accompagnare all’attività fisica invernale.

 

 

Frullato di lamponi e avocado:

1 avocado, sbucciato e snocciolato,

¾ di succo d’arancia,

¾ di succo di lampone,

½ tazza di lamponi.

Frullate tutti gli ingredienti fino a ottenere un composto omogeneo e poi, chiaramente, bevete.

Frullato di pesca allo zenzero:

1 scatoletta di pesche sciroppate (sgocciolate);

½ tazza di succo di mela,

4-5 fettine di radice di zenzero (sbucciata),

1 cucchiaino di succo di limone.

Frullate, omogeneizzate e gustate. Se volete, potete aggiungere a entrambi i frullati anche dei cubetti di ghiaccio. Da nessuna parte è, infatti, scritto che bere frullati freddi d’inverno, così come fare una corsetta, magari sotto la pioggia o in mezzo alla neve, fa male o è proibito.

 

Il fascino intramontabile del tubino 

La rivista "Regno Unito" inglese "Daily Mail" nel suo sondaggio ha dichiarato che il 75% delle donne intervistate credono che il tubino sia il capo più importante nella storia dell’abbigliamento. Come abito da cocktail o da sera, senza maniche, rigorosamente nero per esaltare e assottigliare la silhouette, declinato in infinite linee, stili, forme e volumi, ma pur sempre con una lunghezza che non supera le ginocchia. Considerato un capo d’abbigliamento “chic”, ma anche estremamente pratico per esser indossato quotidianamente o in serate speciali abbinandovi adeguatamente gli accessori giusti (calze nere velate e scarpe con tacco alto e/o sandali) che esaltino la sua allure “divine” magari con tre fili di perle attorno al collo come suggeriva la sua geniale creatrice: Coco Chanel! Betty Boop, icona dei comics come “flapper girl” indossandolo incarnava la seduzione, ispirata da Clara Bow.
Mademoiselle Chanel presentò al mondo il tubino nero nel 1926, quando apparve su “Vogue America” e fu subito un successo all’epoca della Grande Depressione. Le “petite robe noir” (o “little black dress” sempre rigorosamente nero), venne indossato da dive come Edith Piaf e Wallis Simpson, che lo adoravano, ma anche da ragazze o semplici madri di famiglia, alla ricerca di un’eleganza che, quel mitico tubino nero, donava al corpo femminile grazie alla morbidezza del suo tessuto (gabardine o jersey).  Ha rivoluzionato la storia della moda conquistandosi le attenzioni di fashion designers come Balenciaga, Givenchy e Karl Lagerfeld che l’hanno riproposto e reinterpretato seguendo la loro visione creativa partendo dal primo modello originale e dalle linee più rigorose degli anni ’20 proposte dalla geniale stilista che affermò “Io ho restituito al corpo delle donne la libertà”. Hubert de Givenchy lo disegnò per Audrey Hepburn nel film “Colazione da Tiffany” del 1961: lei era unica e inimitabile, indossava un tubino nero, guanti lunghi, una collana e un paio di piccoli orecchini di perle. Così il tubino entrò nella leggenda!

 

audrey-tubino-nero-colazione-da-tiffany

 

Grace Kelly ne “La finestra sul cortile” vestiva le “petite noir” con trasparenze, drappeggi e plissé, mostrando la sua innata eleganza. Catherine Deneuve si lasciò valorizzare perfettamente dall’abito pensato per lei dal geniale Yves Saint Laurent che ne incorniciò per sempre l’eterea bellezza. Scomparì dal guardaroba negli anni ’70 ma ritornò in voga con le donne manager vestite dalle moderne linee proposte da Donna Karan durante gli anni ’80, mentre Gianni Versace negli anni ’90, creò un “sexy black dress” per la sconosciuta Liz Harley che grazie alla sua uscita sul red carpet di Hollywood diventò un’icona di stile! Lady Diana ne indossò uno asimmetrico e sexy, disegnato dalla stilista greca Christina Stambolian il giorno in cui si scoprì tradita davanti alle telecamere di tutto il mondo (per questo motivo il suo abito venne ribattezzato “Revenge Dress”).

 

angelina-jolie-tubino-nero

 

Oggi resta intramontabile nel minimalismo di Prada e Simons, e tra le sue fans troviamo anche la bellissima Angelina Jolie che lo ama indossare scollato e senza gioielli, le dive lo sperimentano anche reinterpretato nelle forme sperimentali di Stephen Sprouse, Stella McCartney, Zac Posen, Karl Lagerfeld, Versus e Alexander McQueen.
“La moda cambia, lo stile resta e io chiedo solo di essere imitata, sarebbe la prova migliore del mio successo”
Le petite robe noir… c’est pour la vie!

 

Leggi qui gli altri articoli di moda

 

Non tutte noi siamo dotate di labbra carnose e sensuali alla Angelina Jolie, perciò dovremo seguire qualche piccolo accorgimento per rendere le nostre labbra piene e seducenti.

Alcuni prodotti ad effetto volumizzante contengono estratti come il peperoncino o altri composti (collagene, acido ialuronico) che agiscono sul microcircolo e aumentano l’irrorazione sanguigna, donando una sensazione e un effetto di turgore.

Quali prodotti scegliere? Cerchiamo di avvalerci di prodotti che, oltre al principio volumizzante, contengano sostanze nutrienti e idratanti. Non limitiamoci a oli o burri, ma preferiamo creme e balsami labbra con antiossidanti e vitamina E.

 

Diamo volume alle nostre labbra con il make up:

1. Dopo aver eseguito la nostra beauty routine (qui i nostri consigli), contorniamo le labbra con una matita color carne, ridisegnandole, e teniamoci leggermente all’esterno rispetto al contorno naturale.

 

2. Applichiamo il rossetto volumizzante sulle labbra, ma al centro ripassiamo con un rossetto più chiaro o con un gloss, per ottenere un punto luce e aumentare l’effetto ottico di volume.

 

3. Completiamo con dell’illuminante appena sopra l’arco di cupido (zona tra 1-2 in Fig. Ottima anche una matita bianca), che farà sembrare la nostra bocca più pronunciata.

 

make-up-per-avere-labbra-carnose

 

Ecco svelato qualche trucchetto per labbra a prova di bacio!

 

Scopri tutti i nostri consigli di Make Up

 

Care amiche, proprio nel corso di questi ultimi giorni del mese di maggio, verrà lanciata la collezione MAC Maleficent che consta di tutta una serie di prodotti di elevatissima qualità come da sempre MAC è in grado di offrire a tutte noi, vittime della ricerca al make up perfetto. Dopo la collezione in collaborazione con Pedro Laurenço e quella altrettanto fantastica creata con Sharon e Kelly Osbourne, arriva la più iconica tra le cattive di Disney, fatta rivivere nel nuovo film epico di questa estate, ispira una collezione colore in edizione limitata con confezioni disegnate ad hoc per deliziare la più ardita delle streghe nere. Intensamente ammirata per la sua sinistra eleganza, nonostante tutti i suoi sforzi per istillare la paura nel cuore di generazioni questa icona ha la maledizione di provocare assoluta adorazione con le sue sensuali tonalità di stregata bellezza, chi la vuole una Bella Addormentata?
 
Analizziamo insieme i prodotti della collezione.
 
Mac-make-up-Maleficent-600
 
mac
 
MAC Maleficent Eyeshadow Quad – Limited Edition Packaging
 
quad
 
 
MAC-Maleficent-Eyeshadow-Quad-Swatches
 
Al prezzo di 46 euro abbiamo una palette di 4 ombretti con delle sfumature dall'ottima pigmentazione e dalla texture decisamente matte.
 
 
MAC True Love’s Kiss Lipstick – Limited Edition
 
lipstick
 
MAC-Maleficent-Lipstick-Lip-Swatches
 
Al prezzo di 21,00 euro abbiamo un rossetto color rosso brillante con delle sfumature leggermente calde ed una lucentezza naturale. Il colore ha una buona pigmentazione ed è quasi completamente opaco sulle labbra
 
MAC Anthurium Pro Longwear Lipglass – Limited Edition
 
lipglass
 
MAC-Maleficent-Lip-Gloss-Lip-Swatches
 
Ecco un lipstick rosso brillante pulito, vibrante e ricco d'ombra. La formula è spessa e la durata sulle labbra è di circa 6 ore. Il prezzo è di circa 23 euro.
 
MAC Flaming Rose Nail Lacquer – Limited Edition Packaging
 
smalti
 
 
 
MAC-Maleficent-Nail-Lacquer-Swatch
Al prezzo di 15,50 euro circa abbiamo cura anche delle nostre unghie care amiche. Ecco uno smalto rosso fuoco, immancabile per una vera vamp! Ci sono, però, tre varianti di questa limited edition:

-Nocturnelle;
-Flaming Rose;
-Uninvited.

 
Rapidblack Penultimate Eyeliner – Permanent - Rapid Black
 
pen
 
 
MAC-Maleficent-Collection-Swatches-1
A 23 euro abbiamo un eyeliner dal tratto deciso e permanente che ci consente di delineare gli occhi in maniera decisa e duratura.
 
Maleficent Eye Brows - Fling
 
matita-sp
 
 
Matita per definire al meglio le sopracciglia e completare il look e il make-up. Prezzo 19,00 euro. 
 
 
Maleficent 30 lash
 
30lash
 
Pratica confezione di ciglia finte singole. Prezzo 14,50 euro. 
 
Maleficent 30 lash
 
36
 
 
Ciglia folte per uno sguardo ammaliante. Prezzo 14,50 euro. 
 
Maleficent Pro Longwear Lip Pencil - Kiss Me Quick
 
Mac-make-up-Maleficent-600-9
 
Una matita rosso mela per labbra da perfetta strega. Prezzo: 26,50 euro. 
 
Maleficent Sculpt Powder - Sculpt
 
sculp
 
 
Questo prodotto per il viso ha un costo di 25,50 euro e consiste in un blush colore taupe freddo sculpt, ideale per scolpire gli zigomi. 
 
Maleficent Beauty Powder - Natural
 
nat
 
Prezzo al pubblico: 30,00 euro. Una polvere compatta naturale per un incarnato perfetto. Il colore è un rosa neutro. 
 
Prep+Prime Highligher - Bright Forecast
 
Mac-make-up-Maleficent-600-5
 
 
 
 
Un illuminante viso, al costo di 25,00 euro, in formato stylo con applicatore perfetto da utilizzare con il blush di questa linea per creare magnifici effetti contouring.
 
 MAC-Maleficent-Collection-Swatches
 
 
[Swatches: Chic Profile]
 

Anche stavolta la bella Angelina Jolie si è vestita di coraggio, non sul set per personificare un’agente segreto bensì nella vita privata per essere una donna forte, prendendo una decisione che conduce ad un’ammirazione profonda da parte del mondo femminile e non solo.
Avendo scoperto di aver ereditato il gene BRCA1 dalla madre, morta di cancro al seno a 56 anni, le probabilità per essere afflitta dalla stessa malattia erano addirittura dell’87%. Perciò l’attrice di Tomb Raider si è sottoposta ad una doppia mastectomia preventiva, ovvero l’asportazione di entrambe le mammelle. 
A dichiararlo è stata proprio l’attrice alla testata del New York Times sperando che molte altre donne possano beneficiare e prendere come esempio la sua esperienza.
Grazie alle innovative ricerche, mediante un esame del sangue è possibile scoprire i rischi e agire per prevenire.
Nella lettera risalta il suo cuore di mamma; si legge tra le righe la preoccupazione verso i suoi figli e come ha cercato di rassicurarli spiegando loro che la malattia non avrebbe portato via la mamma come successo con la nonna.

 

 

 

Affiancata costantemente dal marito Brad Pitt, ha iniziato il lungo percorso il 2 febbraio proseguendo per ulteriori tre mesi con le procedure mediche, tutto all’oscuro dei media. 
Tre sono state le fasi del suo percorso medico:
Ha iniziato il tutto con l’operazione che impedisce il passaggio della malattia nei dotti del seno. “Provoca un po’ di dolore e molti lividi ma aumenta le possibilità di salvare il capezzolo” afferma la Jolie.
Dopo due settimane ha affrontato l’intervento più grande durato ben 8 ore durante il quale sono stati rimossi i tessuti e riempiti provvisoriamente. “Quando ti svegli dopo l’operazione, con i tubi del drenaggio infilati nel seno, ti sembra di stare sul set di un film di fantascienza ma alcuni giorni dopo puoi già tornare alla tua vita normale” sostiene.
Infine, nove settimane dopo, l’ultima operazione è stata la ricostruzione dei seni tramite impianto, completando così la trafila chirurgica.
Dice, inoltre, che la sua decisione non è stata facile, in parte dolorosa ma della quale si ritiene soddisfatta e felice, essendo ora più serena e meno allarmata.

“La vita è piena di sfide. Le sfide non ci devono spaventare, sono quelle su cui possiamo intervenire e di cui possiamo assumere il controllo”.

Queste le ultime parole di Angelina Jolie al riguardo, invitando ogni donna a lottare per sé stessa e a non aver paura di affrontare qualcosa che può essere più grande di lei. Bisogna trovare una ragione per lottare, e farlo per i propri cari è una ragione più che valida.