24 Nov

Armani presenta i rossetti CC Rouge Ecstasy, idratazione e colore vivo per le labbra

Scritto da  |
Se ammirate Giorgio Armani per gli splendidi capi di abbigliamento che è in grado di realizzare con la sua casa di moda, resterete esterrefatte, care amiche, anche dalla creazione del primo lipstick “CC”, capace di abbinare la qualità di un colore impareggiabile al confort di un balsamo idratante. Una nuova linea di rossetti, dunque, dall’inedita tecnologia CC (color & care) capace di regalare eleganza e sensualità alle labbra di ogni donna.
 

Rouge Ecstasy è un rossetto che oltre all'intensità del colore offre quindi idratazione, per le labbra che sono protette e diventano più belle giorno dopo giorno e che grazie al Melting Cream Complex catturano l'umidità esterna che viene bloccata nel tessuto cellulare delle labbra e agisce come un balsamo.

 

Armani promette che le nostre labbra saranno rigenerate, più sane, lisce e compatte, regalandoci un colore però sano e luminoso. I rossetti sono già in vendita nelle migliori profumerie al prezzo di 32 euro.

 

Rouge Ecstasy è presente in tre categorie di tonalità che uniscono i 28 colori disponibili. 

 

Incognito, tra il beige e il marrone, offre:


- n. 100 Androgino;
- n. 102 Essenza;
- n. 103 Incognito;
- n. 200 Mineral;
- n. 202 Milano;
- n. 204 Caffé;
- n. 306 Amber;
- n. 508 Daybreak.

 

Fatal, che offre rossi e viola sensuali e audaci:


- n. 400 Four Hundred;
- n. 401 Hot;
- n. 402 Teatro;
- n. 403 Downtown;
- n. 510 Dolci;
- n. 600 Mania;
- n. 601 Attitude.

 

Ed, infine, Eccentrico, con tante sfumature rosa e corallo:

- n. 300 Pop;
- n. 301 Gio;
- n. 302 Tokyo;
- n. 303 Dragée;
- n. 304 Heat;
- n. 500 Eccentrico;
- n. 501 Peony;
- n. 502 Scarlatto;
- n. 503 Diva;
- n. 504 Flesh;
- n. 506 Blush;
- n. 507 Lotus;
- n. 509 Boudoir.
 
 

 
Letto 2917 volte
Vota questo articolo
(3 Voti)
Simona Vitale

Nata a Napoli nel 1982, amo la cultura, la legge e il giornalismo. Laureanda in Giurisprudenza, mi divido fra le mie grandi passioni sia nel lavoro che nella vita. 

 

Facebook: Simona Vitale