13 Apr

Non hai una barba folta? Ecco cosa fare

Scritto da  |

Sembrerà strano, ma anche la moda maschile si evolve quasi ogni decennio, basti pensare agli anni '80 con i paninari e i loro abiti super firmati, o agli anni '90 con i grunge dalle camicie a quadrettoni, anfibi e look trasandato; nel 2000 si è passati per le frange asimmetriche e gli occhi truccati di nero degli emo, nipoti dei dark, per arrivare, infine, all’attuale boom per il look ‘hipster’, quello da artista intellettuale un po’ ‘sfigato’, che si veste con pantaloni strettissimi, risvoltati alle caviglie e il cui il must irrinunciabile è la barba lunga e folta, come quella sfoggiata da sex symbol come Brad Pitt, Ben Affleck e George Clooney.

 

Non tutti gli uomini, però, hanno avuto in dono da madre natura la possibilità di avere una folta barba, come fare? Possono optare per un trapianto; L'International Society of Hair restoration segnala, sulle pagine del quotidiano inglese Telegraph, che sono oltre 4.500 in Inghilterra nell'ultimo anno i trapianti di peli per rinfoltire la barba. E non si può dire che ‘rifarsi la barba’ sia a buon mercato rispetto ad altri interventi di chirugia estetica: infoltire i baffi costa in media 2.400 sterline, 9.000 sterline invece per la barba completa (negli Stati Uniti, da dove è partita la moda, l’intervento costa 7000 dollari).

 

Tale costosa operazione si esegue prelevando la peluria da altre zone corporee o dall'area sottostante il mento e rimpiantandole sul viso, in anestesia locale: sono necessari 10 mesi prima di avere risultati definitivi. I chirurghi estetici americani hanno dichiarato che questo tipo di intervento è maggiormente richiesto tra gli uomini dai 20 ai 40 anni, spesso architetti o artisti, per nascondere cicatrici di acne o per restaurare una barba disordinata e a chiazze.

 

Forse nell’abbracciare questa nuova moda gli uomini potrebbero essere spinti anche da un sondaggio secondo il quale l’80 % delle donne preferirebbe l’uomo barbuto poiché la barba viene vista come simbolo di virilità e contribuisce a creare un aspetto da “bello e dannato”. Il fenomeno riflette una decisiva svolta anche nei confronti del gusto estetico femminile dimostrando come l’uomo che prima maneggiava con cura rasoi e pinzette per compiacere la vanità più glabra e avere un aspetto più dolce, non è più gradito agli occhi delle donne che richiedono un ritorno alle origini in favore di un’immagine rude e irsuta del proprio uomo.

 

Letto 18317 volte Ultima modifica il Domenica, 13 Aprile 2014 20:08
Vota questo articolo
(5 Voti)
Naomi Nasillo

Mi chiamo Naomi Nasillo, ho 25 anni e mi sono laureata lo scorso 19 Marzo 2013 in Scienze Strategiche presso l'Universtà di Torino (laurea triennale). Ho una passione per la scrittura e mi piacerebbe diventare giornalista.

 

Attualmente aspetto di iniziare a seguire la specialistica di Scienze strategiche per completare i miei studi e iniziare a lavorare nell'ambito diplomatico. Amo gli sport, faccio nuoto, d'inverno pattino sul ghiaccio e vado spesso in bicicletta;   ho molti hobby: leggere, cantare, cucire, dipingere, fare piccoli lavori di bricolage.
 
Mi piace stare a contatto con la natura e fare lunghe camminate in campagna e aiutare amiche/amici a scegliere il look giusto per le varie occasioni (sono la loro personal shopper!)