22 Nov

Come scegliere i giusti prodotti per la cancelleria

Scritto da  |

I prodotti da cancelleria sono tantissimi e cambiano in base al grado di istruzione e alle necessità previste dal corso che lo studente si appresta a frequentare.

Difatti se alle scuole elementari i bambini hanno bisogno di una cancelleria colorata e orientata al disegno, alla creatività e al colore, quando si troveranno alle scuole medie e superiori le esigenze cambieranno completamente.

Vediamo quindi come scegliere i giusti prodotti per la cancelleria e in che modo aziende di lunga esperienza come Fila rispondono con efficienza e attenzione ai dettagli e a tutte le esigenze di studio e di creatività.

 

Fino ai 12 anni

Il bambino che inizia il percorso scolastico crescerà così velocemente da non lasciare il tempo a mamma e papà di rendersene conto. L’esperienza scolastica dai gradi primari proietta il pargolo in un ambiente con tante persone nuove con cui imparerà il dialogo, il ragionamento, la collaborazione e persino lo scontro.

In questa fase sarà importantissimo sostenere la crescita e l’apprendimento stimolando il piccolo in attività graduali che dovranno sempre far ricorso alla fantasia e alla libera creatività.

Per questo la cancelleria giusta deve tener conto di questo aspetto senza dimenticare la sicurezza e la poca dimestichezza del bambino con strumenti troppo evoluti. Le forbici a punta arrotondata, i pennarelli lavabili e i pastelli colorati sono più che idonei e possono essere arricchiti con la crescita.

Man mano che il bambino acquisisce manualità l'utilizzo di pennelli, acquerelli e tempere diventerà centrale per tenere allenata la creatività e dare libero sfogo alla giovane mente in crescita.

 

Dalle scuole medie in poi

A questo grado di istruzione i ragazzi si preparano a studiare materie più complesse come il disegno tecnico, per il quale è necessaria una cancelleria più specifica. Compassi, matite a diverso spessore, squadrette e righelli sostituiranno i pennarelli ma questo non significa che i ragazzi smetteranno di disegnare. Anzi!

La padronanza dello strumento da disegno e la manualità acquisite vivono una fase nuova di maggior consapevolezza creativa, per cui è proprio in questa fase che emergeranno le abilità che poi li proietteranno nelle future scelte e nelle ambizioni “da grandi”.

Pertanto, il disegno scolastico va sicuramente incoraggiato ma ciò che non deve essere dimenticato da chi guida i giovani dai 13 anni in su è l’importanza della creatività e della fantasia. Ecco perché lo studio può e deve essere abbinato a attività manuali più elaborate, alla frequentazione di ambienti di sport e di collaborazione di gruppo e a compagnie stimolanti.

 

Dall’università

Il momento dell’università è quello di maggior maturità nello studio per cui la cancelleria adatta è esattamente quella tecnica richiesta per particolari ambiti e materie.

Chi sceglierà le arti, l’ingegneria o l’architettura si troverà a preparare esami tecnici molto specifici che richiedono la progettazione manuale e l’impiego di software appositi molto evoluti.

Letto 63 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
LeiDonnaWeb

LeiDonnaWeb è il portale dedicato alla Donna, con tutte le ultime notizie riguardanti il mondo femminile dall’Abbigliamento al Gossip, dall’essere Mamma alla voglia di Benessere, dal Cinema alla Tv, dal Make up alla cura dei Capelli e tanto altro ancora

Sito web: https://www.leidonnaweb.it