05 Dic

Un abbraccio Natalizio...

Scritto da  |

Quando ero molto piccola e s'avvicinava il periodo di Natale, io e la mia mamma indossavamo giubbini e guanti e c'incamminavamo in auto per le strade dei paesini vicini e tranquilli a contare gli alberelli che s'intravedevano dalle finestre in festa delle case lungo i quartieri... Logicamente a vincere ero sempre io, chissà se per amor di cuore di mamma o semplicemente perchè lei era attenta alla guida. 

L'aria che si respira durante il periodo natalizio, sa di canditi e zucchero filato, più di quella che circonda le feste di paese. Tutto si colora, le finestre s'illuminano e dai balconi scendono Babbi Natale luminosi. 

Il rosso diventa il colore per eccellenza e le canzoncine per le strade rinforzano gli animi contenti dei passanti. Tutti sembrano più cordiali, anche i negozianti che sono costretti ad aprire la domenica ad orari impossibili, ma l'accoglienza di un sorriso sincero anche se stanco, sembra ti induca a gioire per le cose più scontate.

La gente s'affolla nei supermercati a comprare i prodotti per il cenone e buffi cappellini comparono su commessi e salumieri. 

I negozi riempiono di vetrine idee regalo impensabili, anche se sciarpe cappelli e guantini fanno da padrone nelle buste decorate da fiocchi....

Il freddo gela i nasini rossi di adulti e piccini, e le mani incrociate di amanti che passeggiano, sembrano unirsi per non “scongelarsi” più.

La sera calzini e alberelli si preparano ad accoglire il nonnino più vecchio del mondo, per colmare desideri di letterine spedite al Polo Nord.

Dolci e latte attendono d'essere magicamente consumati nella notte , facendo credere ai bimbi che i sogni servono ad essere più felici e sperare nel futuro.

L'apertura dei regali all'alba è il momento più bello, desideri e soddisfazioni compaiono negli occhi della bambina che ha ricevuto il cicciobello, o del bimbo che gioca con la macchinina nuova oppure la nonnina che accerchiata dai nipoti, rende tutti più felici con quella famosa bustina bianca coi soldini.

Regali che sprofondano nei rametti sotto l'alberello che s'accompagnano con pandoro, panettoni e spumante per festeggiare. 

Il calore del camino si congiunge alle risate rumorose dei familiari che accerchiano la tavola imbandita, dove tra poco l'ultima tombola renderà uno il vincitore indiscusso della festa.

Frutta e secca si consumano durante il pomeriggio e vecchie reminescenze inondano l'aria di nostalgia. 

 

 

La neve cade e si posa e ragazzi velocemente imbottiti di giubbini pesante e cappellini si rincorrono lanciandosi palle di neve, mentre le donnine cercano faticosamente di trattenere la neve tra le mani gelate dal freddo che servirà a creare corpo e testa del pupazzo di neve vestito d'ortaggi e resti di bottoni e vestiti.

Chi non ama il Natale? Chi non aspetta faticosamente quel giorno di Dicembre che rende gli animi buoni e sinceri nella speranza, almeno per un solo giorno, di vivere l'armonia sincera di un caloroso abbraccio invisibile e magico stellato, di una serenità autentica ed inspiegabile.... 

 

Letto 2593 volte Ultima modifica il Lunedì, 07 Gennaio 2013 14:32
Vota questo articolo
(7 Voti)
Chiara Ambroselli

Amo la dinamicità, il sorriso curativo delle persone, ma più di tutto adoro quell'impeto magico che mi travolge l'anima quando incomincio a scrivere. 

Ho amato la scrittura e la letteratura, da quando ho scoperto, cosa l'inchiostro di una biro potesse comporre su un foglio bianco. 

Mia madre racconta che da piccola ho parlato e camminato tardi, io sostengo che fomentavo il lungo cammino, da condurre e cosa scrivere sul diario di bordo.

Il merito d'aver avuto coraggio nel cimentarmi nella scrittura, lo devo a mia madre, che non ha mai smesso di ripermi, che avevo delle qualità nascoste, non smetterò mai di ringraziarla.

Amo leggere e scambiare opinioni su qualsivoglia argomento. Credo che la bellezza del giornalismo stia nel riportare, durante gli articoli, la voce delle persone e le reali problematiche, della gente che scende in piazza.

Mi auguro che i miei articoli possano piacere a tutti indipendentemente dal sesso o dall'età.

Grazie comunque per ogni condivisione e replica costruttiva al mio personalissimo pensiero, contenuto in ogni articolo.

Auguro a tutti buona lettura

Sito web: https://twitter.com/Chiarettayubi