11 Feb

Uccide la figlia di 2 anni e la dà in pasto al pitbull, orrore a New York

Scritto da  |
Una tragedia della follia che ha lasciato di stucco il mondo intero. Serenity era una splendida bambina di due anni, uccisa dal padre in seguito ad un raptus di follia. L'uomo ha fatto poi a pezzi il corpo della bimba e ne ha dato i resti in pasto al pitbull, cane di famiglia. Teatro di quest'orrore è stato Brooklyn, noto quartiere di New York. Correva l'anno 2006 quando Serenity Brown è stata uccisa a soli 2 anni. Il caso è stato riaperto dalla polizia dopo diversi anni poiché sembrano essere emersi nuovi elementi in quello che era un caso ritenuto irrisolvibile in quanto il cadavere della bambina non era mai stato ritrovato.
 
 
La polizia scoprì solo nel 2011 che la bambina era scomparsa, ma oggi, a distanza di anni, la madre di Serenity ha trovato il coraggio di raccontare cosa accadde quel giorno lontano, di puro orrore, a Brooklyn.
 
Ebbene la bambina era in braccio alla madre, Paula Johnson, che le stava raccontando una storia quando il padre Edward (Chuck) Brown, ha avuto uno scoppio di rabbia in seguito alle risate della piccola. Dopo averla colpita con un pugno fino a a farle perdere conoscenza, il padre l'ha strappata alle braccia della madre e l'ha gettata nella vasca, sezionandone il corpicino con un grosso coltello da cucina. Nella vasca come nel più estremo dei film dell'orrore, ne ha sezionato il corpo con un coltellaccio da cucina. L'uomo ha dato poi in pasto la bimba al pitbull di casa, abbattuto poi in seguito. 
 
La polizia ha riaperto il caso dopo che i servizi sociali si sono presentati alla mamma della bimba, ora separata dal papà, per avere delle risposte sulle continue assenze a scuola di un altro figlio. Paula Johnson all'inizio ha riferito che la figlia era dai nonni, ma ha poi deciso di raccontare l'orrore taciuto per troppo tempo.
 

Letto 3325 volte
Vota questo articolo
(2 Voti)
Simona Vitale

Nata a Napoli nel 1982, amo la cultura, la legge e il giornalismo. Laureanda in Giurisprudenza, mi divido fra le mie grandi passioni sia nel lavoro che nella vita. 

 

Facebook: Simona Vitale