Il mondo del cinema di Hollywood non sta attraversando di certo un buon momento. Accuse di pedofilia sono state rivolte a Bryan Singer,regista dei film della saga di X-Men ed, ora, anche ad altri vip cinematografici che sembra siano coinvolti in una storia di rapporti sessuali con ragazzini minorenni. Le accuse sono state rivolte da Michael Egan, un ex attore-bambino. Il regista ha negato di aver abusato di lui in Sembra che ad essere coinvolti nelle accuse siano personaggi potenti, coinvolti nell'adescamento (alla fine degli anni '90) di ragazzini che erano poi costretti a partecipare a delle orge in cambio di una carriera florida nel mondo dei cinema. I ragazzini sarebbero poi stati minacciati di violenza qualora si fossero rifiutati di cedere alle richieste dei vip in questione.
 
Un'azione legale presentata alle Hawaii identifica i 3 accusati che sono: David Neuman, Gary Goddard e Garth Ancier. Quest'ultimo è  il creatore del Ricki Lake Show ed ex presidente di BBC Worldwide America. Ha inoltre prodotto diverse puntate dei Simpson e portato in tv il serial West Wing. Newman è, invece, un executive di Disney Tv, Goddard un produttore teatrale, responsabile di diversi show a Broadway. Nessuno dei 3 al momento ha ancora replicato, mentre Jeff Herman, avvocato di Egan, ha dichiarato: "Sono accuse gravi. Non casi di omosessualità ma abusi di uomini adulti su minori".
 
 
L'avvocato ritiene che gli accusati avrebbero strumentalizzato il loro potere e la loro ricchezza per far violenza all'aspirante ragazzino attore.  Marty Singer, celebre legale delle star (vanta clienti del calibro di Arnold Schwarzenegger, Quentin Tarantino e Sylvester Stallone) che ora difende il regista Singer, ha affermato che le accuse nei confronti del suo cliente sono denigratorie e diffamatorie, tendenti dunque a sfruttare la celebrità del regista del quale è pronto, fra le altre cose, anche un nuovo episodio della saga di X-Men, ovvero Giorni di un futuro passato, in arrivo in Italia dal 22 maggio.
 
Non ci resta che attendere ulteriori notizie in merito a questa brutta faccenda.
 

Spesso si dice che anche l’occhio voglia la sua parte, ma in questo caso è l’occhiale a farlo da padrone, diventando famoso tanto quanto il suo proprietario e rientrando pienamente nell’immaginario collettivo. Dal cinema, alla musica, passando per la politica, non esiste VIP che non abbia avuto il suo bel paio d’occhiali con cui ha scritto un pezzettino di storia. Certi uomini e certe donne, quasi diventa impossibile non associarli al proprio paio di lenti.

 

Sarebbe "innaturale" scindere le montature perfettamente tonde di personaggi come Harry Potter e Steve Jobs, per non parlare delle Ray Ban scure dei Blues Brother o dell’acutissima lente di ingrandimento di Sherlock Holmes. Un oggetto senza tempo in grado di attraversare tante epoche e soprattutto tante personalità, guadagnandosi nel suo piccolo un pezzettino di celebrità.

 

Ecco una gallery:

 

 

 

 

 

Sono tante le donne, soprattutto quelle appartenenti al mondo dello spettacolo, che non sanno resistere al richiamo delle punturine per avere delle labbra voluminose, piene e sensuali. Diversi sono gli escamotage a cui ricorrere, anche metodi più o meno drastici. Parliamo di un fenomeno in decisa crescita e che ormai sta contagiando anche donne che non fanno parte dello showbiz, ma che vogliono apparire semplicemente più seducenti. Filler, acido ilauronico e trattamenti chirurgici definitivi: in ogni caso il consiglio è quello di rivolgersi sempre a dei professionisti esperti al fine di evitare inconvenienti di salute o spiacevoli disastri estetici. 
 
Tra le vittime più celebri della moda delle labbra rifatte abbiamo la splendida diva australiana Nicole Kidman, vincitrice del Premio Oscar nel 2003 per l’interpretazione di Virginia Woolf nel film “The Hours”. Non solo le labbra, la Kidman si è anche sottoposta a un intervento di mastoplastica additiva. In passato ha usato molto il botulino ma se n'è poi pentita, tanto da dichiarare: 
 
"Appartengo a una generazione che ha sperimentato questo tipo di trattamenti sul viso e purtroppo penso di esserne il capro espiatorio. La mia faccia reagiva male al botox, non mi piacevo. Così ho rinunciato, non lo uso più. Sono felice di essermene liberata posso muovere di nuovo la fronte. Non è un vantaggio da poco per l’espressività del viso e non parliamo dei benefici per la mia recitazione".
 
 
Passando alle dive nostrane, come non citare l’opinionista e conduttrice tv Alba Parietti, una delle prime italiane a mostrarsi cultrice della chirurgia estetica. La Parietti si è rifatta le labbra, il naso e probabilmente anche il naso. Alla rivista Grazia dichiarò: 
 
"Tornassi indietro non mortificherei il mio corpo con la chirurgia estetica. L’ho fatto per insicurezza. E per amore. Non mi sentivo mai abbastanza bella. E Stefano Bonaga (il mio fidanzato di allora) aveva cominciato a dirmi che il seno più grande mi avrebbe resa perfetta… E così ho ceduto. Le labbra, invece, sono colpa mia: ho sempre voluto essere Mick Jagger".
 
Amiche, tante sono le vip che hanno deciso di ricorrere al mito delle labbra a canotto. Vedere per credere. A voi il compito di decidere se il risultato è stato soddisfacente o meno.
 

Cosa è la cupping therapy? 


Qualche volta vi sarà capitato di vedere qualche celebrità (come Gwyneth Paltrow) appena uscite dalla beauty farm con delle vistose macchie tonde sulla pelle. A tal proposito, avete sentito parlare del massaggio denominato “coppettazione” o “cupping therapy” ? E’ proprio quello l’artefice delle macchie livide sulla pelle dei vip!
La coppettazione è un'antica pratica terapeutica della medicina tradizionale cinese la cui finalità è quella di alterare i flussi energetici del corpo e di ristabilire l'equilibrio fisico. L'azione terapeutica viene svolta mediante la stimolazione della circolazione sanguigna e linfatica nell'area di intervento che spesso corrisponde ai punti dove viene esercitata l’agopuntura. In queste zone “strategiche” vengono applicate delle coppette (da cui appunto proviene il nome) del tutto simili ai vasetti degli yogurt, di materiale vetroso, di bambù, di bachelite o di plastica.
Una volta scelto il punto sul quale applicare la coppetta, rigorosamente rasato, si deve fare in modo che questa aderisca alla cute con il meccanismo di vuoto.
Ed è possibile tramite due modalità:
Introducendo nella coppetta, per pochi decimi di secondo, un fiammifero acceso per far fuoriuscire, grazie a una veloce dilatazione, l'aria contenuta nella coppetta, creando quindi i presupposti per la costituzione del vuoto; o inserendo all'interno della coppetta un piccolo batuffolo di cotone intriso d'alcol etilico al quale viene dato fuoco. Il calore generato dal fuoco farà espandere l'aria creando una ridotta pressione potendo così creare il vuoto.
Fatto ciò si procede, rapidissimamente, ad applicare la coppetta sulla cute osservando che questa si rigonfi all'interno della coppetta per azione del vuoto, rimanendo attaccata tenacemente e valutando se in modo accettabile o eccessivo così da evitare edemi.

 

coppettazione

 

Ideale per combattere malattie e non solo. 

La coppettazione è indicata per il trattamento di svariate sindromi dolorose, gastro-intestinali, malattie polmonari, tosse, asma, e anche per sindromi depressive e ansiose. Per ciascuna tipologia di malattia, la coppettazione interviene su delle specifiche aree del corpo. Per le malattie respiratorie viene considerata la regione dorsale alta.
Per le malattie dell'apparato digestivo come gastrite e diarrea quelle della regione dorsale meridiana, nonché alla regione addominale periombelicale.
Per sindromi dolorose come cefalee, emicrania e lombalgie le applicazioni la pratica viene effettuata sulla regione parietale e occipitale e sulla regione dorsale bassa e lombare.
La coppettazione si pensa riesca addirittura a trattare anche disturbi ginecologici come l’infertilità e i mestrui irregolari, leucorrea e crampi uterini. Recentemente viene utilizzata anche per contrastare problemi di cellulite, smagliature e obesità. In questo ultimo caso i massaggiatori si avvalgono della tecnica di scorrimento delle coppette applicando degli oli per appunto farle scorrere meglio in più zone della pelle. L’effetto ventosa che si ottiene ha il potere di rimuovere i ristagni di liquidi e tossine, di riattivare la circolazione sanguigna e di ridare una salutare energia vitale a tutto l’organismo. La trazione del muscolo, inoltre, assicura un’ efficace azione di rimodellamento del corpo.
Ricordatevi che la scelta di questo trattamento non può essere generalizzata. Dipende sempre dall’entità del vostro problema e non è detto che se funzioni per qualcuno possa funzionare anche per voi. Ognuno ha una risposta individuale a determinate terapie.
Se siete curiose di provarlo, il suo prezzo può variare dai 20 ai 60 euro e assicuratevi che il massaggiatore sia qualificato!

 

Katy Perry, Shakira, Nicole Kidman e tante altre dive hanno in comune il fatto non solo di essere delle donne bellissime, ma anche quello di essere delle grandi professioniste nel loro lavoro che le fa essere davvero apprezzate in tutto il mondo. Non solo però, queste splendide dive hanno anche in comune il fatto di avere delle sosia nel mondo del cinema hard.
 
 
Donne a dir poco meravigliose che però hanno scelto di dedicarsi al porno e che, a ben vedere, sono davvero identiche alle dive del cinema e del pop moderno. Scopriamole insieme, care amiche e diteci se è meglio "l'originale" o la sosia porno!