Quante di noi donne, guardando il proprio riflesso allo specchio, dedicano una smorfietta di dissenso per quella sporgenza al ventre o quel gonfiore che ci impedisce di chiudere i jeans? 

In alcuni casi la causa principale è difficoltà digestiva, stress e periodi premestruali, ma spesso quel gonfiore dipende da una scelta poco attenta degli alimenti e dall’assunzione spropositata di questi ultimi.
I primi imputati sono i legumi tipo fagioli, lenticchie, ceci, piselli e le verdure come broccoli, cipolle, cetrioli, ravanelli e cavoli. Fanno un gran bene per la ricchezza di fibre e vitamine, ma allo stesso tempo se assunti in quantità spropositate trasformano lo stomaco in una camera d’aria. A seguire troviamo il latte e i suoi derivati che nello stomaco fermentano e producono gas, fatta eccezione per lo yogurt e il parmigiano, che al contrario, sono ricchi di fermenti lattici benefici che regolano l’intestino e la sua flora batterica.
Qui sotto potete dare un’occhiata a quelli che sono consigli salutari e anche curiosità.

- Si dovrebbero ridurre i carboidrati e i prodotti lievitati perché sono i primi conduttori di gas e fermentazione che fanno diventare la nostra pancia gonfia.
- Andrebbero evitati cibi fritti.
- E’ buona regola abbondare con frutta e verdura, ma cotta!
- Sarebbe da dire un categorico NO alle bevande gassate e all’alcol!
- Masticare gomme, fumare, sorseggiare bevande e bere dalla cannuccia fa introdurre aria nel nostro intestino facendolo gonfiare.
- Bere acqua naturale fa bene all’intestino eliminando le tossine.
- Mangiate con calma e masticate lentamente il cibo.
- Fare attività fisica. Anche un’ora di passeggiata al giorno, poco impegnativa, è molto salutare.
- Non coricatevi subito dopo aver mangiato.
- Consumate yogurt (ricco di fermenti che regolarizzano le funzioni dell’intestino; è inoltre ricco di calcio, che stimola le cellule adipose a bruciare grassi piuttosto che a installarsi nel corpo sotto forma di cuscinetti)
- Mangiate riso (meglio se integrale. Stimola l’evacuazione intestinale e la riduzione del punto vita)
- Fa bene consumare carote, arance, ananas e pompelmo (sono ricchi di vitamina C e betacarotene, che contrastano gli accumuli adiposi sulla pancia)
- Da non sottovalutare sono i rimedi naturali come le tisane o gli estratti d’erbe tra cui: cardamomo, finocchio, anice, bacche di ginepro, zenzero, camomilla, melissa, verbena e malva.

 

 

L’importante è condurre una vita regolare evitando gli stravizi sia fisici che alimentari. Andare a letto non troppo tardi, svegliarsi al mattino e consumare la colazione. Non saltare i pasti e mangiare poco ma spesso. Cercate di abituare il vostro corpo a un ciclo calibrato delle giornate assicurandovi così un buon metabolismo.
Tenete da conto che non servono mai rimedi troppo drastici, si può migliorare la condizione alimentare con un semplice e valoroso impegno, soprattutto se il fine è per sé stessi.
Ricordatevi sempre, che in ogni caso l’importante è piacersi!


Diciamoci la verità, amiamo l'estate ma non possiamo nascondere la preoccupazione che risponde al nome di Prova Costume! 
Mostrarci in forma e il desiderio di tutte e realizzarlo è più semplice di ciò che si pensi, basta fare un piccolissimo sforzo e seguire questo decalogo elaborato da allweb360.com.
L'interessante sito ha stilato 10 regole, semplici ma efficaci, che seguite con precisione ci permetteranno di sfoggiare un fisico perfetto ed affrontare con successo la prova costume.


1. Bere molta acqua
Sicuramente abbiamo sentito spesso questo consiglio, ma quante volte l'abbiamo seguito? I medici consigliano di assumere almeni 1,5 litri d'acqua al giorno, e se sostituiamo qualche bicchiere d'acqua con il tè verde, il nostro metabolismo ringrazierà.
2. Assumere almeno 4 porzioni al giorno di frutta e verdura
Rinfrescano e se ne trovano per tutti i gusti. In più la frutta è altamente consigliata anche come spuntino tra un pasto e l'altro.
3. Non saltare i pasti
E' errata la convinzione che saltando un pasto si dimagrisce più rapidamente. Bisogna nutrirsi sempre, con particolare attenzione verso la colazione che rappresenta il momento più importante della giornata
4. Diminuire l’assunzione di formaggi e dolci
Alimenti ad alto contenuto calorico non sono amici della prova costume. Tuttavia mangiare i formaggi 2 volte a settimana e un dolce ogni tanto non comporta particolari sacrifici.
5. Attenzione al consumo di sale
Il sale, infatti, trattenendo acqua nell'organismo provoca un aumento della ritenzione idrica. Non proprio una cosa consigliata per la prova costume.

 

10-consigli-per-un-fisico-perfetto


6. Non eliminare i carboidrati
Altra errata convinzione durante le diete è quella che pane e pasta vadano eliminati. Niente di più sbagliato! E' una fonte di energia alla quale non dobbiamo rinunciare ma limitarci ad assumerne una porzione ad ogni pasto importante.
7. Limitare i condimenti
Optiamo per i condimenti vegetali e light e sopratutto diminuiamo l'uso di ketchup (la maionese andrebbe bandita).
8. Mangiare pesce
Il pesce ha poche calorie ed è ricco di sostanze nutritive come il potassio e gli omega 3. Di conseguenza andrebbe essere consumato almeno 2 volte a settimana. 
9. Attenzione alla cottura dei cibi
Abbiamo già visto come l'eccessiva cottura dei cibi provoca la cellulite e di conseguenza eliminiamo (o limitiamo al minimo) gli alimenti fritti. Meglio gli alimenti bolliti, i brasati, i cibi cotti in umido, al vapore o alla griglia.
10. Attività fisica
Lo sport fa bene al fisico ed anche alla mente. Ed il miglior modo per staccare dalla routine quotidiana e ci aiuta a rassodare il fisico. Basta solo scegliere lo Sport adatto ai nostri gusti.

Ed ora per completare il tutto ci manca solo scegliere il Costume adatto al nostro corpo.

 

Aprile dolce dormire

E infatti dormendo dormendo ne è già trascorso metà.
La verità è che al di là della mia incontestabile (ma confessabilissima) pigrizia, del fatto che meno si fa e meno si ha voglia di fare, con l'arrivo della primavera non è solo la natura a risvegliarsi, ma anche l'animale uomo.
O meglio, l'animale donna. (Anche l'animale uomo, ma quel risveglio è del tipo causa-effetto)
Se l'inverno è trascorso sotto strati di lana o coltri di piume d'oca, se la bilancia è stata nascosta dietro al cesto della biancheria e le cioccolate calde con panna hanno dato un colpo d'anca (ehm…) agli yogurt e alla frutta, se la ceretta mensile è stata rimandata ed è diventata un optional bimestrale, con l'arrivo della primavera non si può più.
Eh no, proprio no, perché incombe la prova costume, il velluto lascia il posto al cotone, le gonne si accorciano e svolazzano impietose, la pelle si mette in mostra, il pallore diventa sempre più pallido e non esistono più le mezze stagioni.
E quindi?
E quindi per non arrivare al mare e rischiare di fare concorrenza alla boa, per non essere scambiata per un fantasma travestito da panda per via delle occhiaie, per entrare in sintonia con la stagione, la natura, i fiori e le api tutte, ecco qua che arrivano i buoni propositi.
Ognuna avrà le sue strategie e i suoi trucchi stagionali (quindi nessun "consiglio per"), ma molto più semplicemente le decisioni prese da me medesima in data Mercoledì 17 Aprile che messe nero su bianco diventano, ahimè, memento:

 

Consigli-per-vincere-prova-costume

 

- tre giorni di attacco, come consigliato da Monsieur Pierre Dukan per chi vuole liberarsi di qualche chilo superfluo accumulato durante l'inverno, non tanto per ingordigia quanto per necessità di aggiungere uno strato di grasso e conservare calore nella stagione fredda;

- almeno quindici giorni di attenzione alimentare, ovvero: limitare il consumo di dolci, pasta, pane, pizza, fritti, vino et similia (lo so, è una vita grama).
Cioccolata? Non va nemmeno nominata, fa ingrassare solo il pensiero della cioccolata;

- movimento, senza stare troppo a preoccuparsi del numero di stelle: muoversi, camminare, correre, fare yoga: nello specifico, mezz'ora di passeggiata veloce al parco a giorni alterni, yoga una volta alla settimana e Saluto al sole e addominali tutti i giorni (possibilmente, altrimenti q.b.);

- Prendere un po' di sole in viso, quel tanto che basta per decidere di chiudere per bene il tappino del fondotinta, salutarlo con affetto e dargli appuntamento per la stagione autunno inverno, preferibilmente (confidando nelle ottobrate romane) non prima di ottobre;

- Occuparsi anche dello spirito: leggere, ascoltare musica, andare a una mostra, godersi la città e gli amici e magari fare una passaggiata al mare all'aria aperta respirando iodio, che fa tanto bene anche al corpo (non a tutti fa bene lo iodio, ma chi non lo deve fare lo sa da sé), passeggiando a piedi nudi sulla sabbia;

Insomma, che altro dire?
Che se ad Aprile è dolce dormire è comunque arrivata l'ora di svegliarsi, e quindi forza e coraggio, che dopo Aprile viene Maggio!
(E naturalmente si continua)

 

Potrebbe interessarti pure: Nail Art di Primavera

 

Quante di noi hanno detto almeno una volta “ora mi metto a dieta sul serio” e poi tutti i buoni propositi sono svaniti nel nulla in men che non si dica? Lo stesso, spesso, vale anche per la volontà di andare in palestra. Perché le migliori intenzioni rimangono nel cassetto nonostante sappiamo benissimo che ci porterebbero dei vantaggi? Non giustificatevi rispondendo “perché la dieta è una tortura e la palestra vuol dire fatica. Mangiare pizza e nutella stando sdraiate sul divano è senza dubbio più allettante

 

In effetti, capita spessissimo di dire: "la dieta la inizio domani", "la palestra settimana prossima". E così i giorni e le settimane passano, senza cambiamenti. È incredibile: siamo tanto eccitate all’idea di fare la cosa giusta quando possiamo iniziarla in un ipotetico futuro, quanto scocciate quando di tratta di iniziarla davvero. Come ho già scritto in precedenti articoli, si tratta sempre di un problema di motivazione.

 

Fintanto che non troveremo la giusta motivazione per iniziare con la dieta o la palestra, ci sarà sempre qualcosa che ci farà rimandare. E se non siamo motivate oggi, non lo saremo neanche domani o il mese prossimo: la motivazione non nasce da sola nella nostra testa né tantomeno ce la porta il postino! Siamo noi a doverla creare. Non è basata su un nostro stato d’animo o su una particolare condizione esterna: che siamo tristi o felici, che fuori piova o ci sia il sole, se siamo convinte e motivate la dieta e la palestra si seguono con costanza… cascasse il mondo!

 

Come trovare allora la giusta spinta per iniziare? Il segreto è avere ben chiaro dove vuoi arrivare, devi cioè fissarti un obiettivo. Ma questo non deve essere generico (tipo “voglio perdere peso”), perché non sarà abbastanza forte nella tua testa. Per avere la giusta spinta, devi fissarti un obiettivo chiaro e definito, tipo “voglio perdere 5 kg in 1 mese”. Ancora meglio se questo obiettivo lo dividi in più sotto obiettivi a breve termine, del tipo: “voglio perdere 1 kg a settimana”, oppure “devo fare almeno 30 minuti di esercizio fisico al giorno”.

 

In questo modo, ti sentirai spinta ogni giorno a lavorare per raggiungere i tuoi traguardi. E raggiungendo ogni giorno, ogni settimana i tuoi sotto obiettivi, ti avvicinerai passo dopo passo all’obiettivo principale. In questo modo non solo sarai estremamente costante, ma ti sentirai anche più motivata, perché piccoli sotto obiettivi raggiungibili ogni settimana ti permetteranno di vedere la meta più vicina, e quindi più possibile. Vuoi finalmente realizzare i tuoi buoni propositi in modo semplice? Metti mi piace sulla pagina facebook per scoprire come, riceverai un utile regalo dedicato alle donne.

 

Potete seguirmi sulla mia pagina Facebook: https://www.facebook.com/EMauri.Coaching

 

 

 

Quando lo stress ti colpisce c'è poco da fare. Purtroppo non si contano sulla punta delle dita di una mano le persone che si trovano a fare i conti con la fame nervosa. Altro non è che un disturbo che influisce su di noi attraverso il desiderio irrefrenabile di consumare cibo nel tentativo di affrontare le proprie ansie, ma spesso l'eccedere che ne deriva conduce la persona a mangiare fuori pasto, assumere alimenti grassi e comporre a mano a mano una serie di abitudini che sconvolgono la nostra salute oltre che la nostra linea.