Fa freddo. Fa decisamente freddo. L’inverno è arrivato, è alle porte. Se udite ben bene sta praticamente bussando! E noi donne, incentivate dalla curiosità e la coinvolgente mania dello shopping, non ci priviamo dello struscio al centro commerciale anche solo per un’occhiata ai negozi. 

Combattiamo il gelo mettendo su il corredo guanti-cappellino-sciarpa-stivaloni e via alla volta del centro commerciale! Nonostante l’uniforme da shopaholic, il freddo, ma specialmente la pioggia, può veramente rintanarci dentro casa. La pioggia farebbe inzuppare gli UGG rendendoli dei savoiardi pronti per il tiramisù; l’ombrello tanto carino comprato a metà luglio (solo per il gusto di comprarlo come souvenir dalle vacanze) farebbe la fine del gioco Shangai per via del vento; i capelli del parrucchiere si trasformerebbero in paglia di spaventapasseri…

Lasciamo perdere! Una tazza di cioccolata o the caldi, vestite con la tenuta da casa (calzettoni-tuta alias capi antiseduzione), buon film e coperta a mo’ di manto dei pellerossa inclusa, ci conquistano rimandando lo shopping a un altro giorno. Quando magari non c’è bisogno di arrivare nei negozi con la barca!

Se tenete così tanto alla vostra amata dose di shopping, ma la voglia di uscire ve la ritrovate sotto le pantofole o il maltempo vi inchioda a casa, potete dedicarvi a spulciare siti per gli acquisti online

 

 

Le opinioni al riguardo sono spesso discordanti, qui di seguito vi presento una lista di pro e contro:

 

PRO

 

Tranquillità : non ci sarà nessuna commessa ad incalzare la vostra scelta perché non dovrà chiudere il negozio; non vi punterà come un segugio e non vi starà nessuno fra i piedi. 

Prezzi convenienti : alcuni siti presentano una sezione di articoli a prezzi super scontati. Collezioni non più in negozio. Un continuo outlet di proposte interessanti.

Scelta completa : Non sempre i negozi che frequentiamo presentano la completa collezione. Magari un capo lo troviamo in uno store e un altro in uno dall’altra parte della città.     Risparmiamo tempo!

Reso al fornitore : E’ arrivato il capo ma non vi sta come desideravate? Rispedirlo è una soluzione. Potreste cambiare taglia o magari allo stesso prezzo comprare qualcos’altro!

Comodità : Come detto nell’introduzione, potete acquistare comodamente da casa vostra in pantofole e pigiama!  Non vi resterà nient’altro da fare che aprire al corriere!

Directly from … : Si possono comprare capi d’abbigliamento dai siti stranieri e vi assicuro che la scelta è ancora più vasta se non migliore. Si trovano articoli che nei negozi nostrani non potremmo mai trovare. Gli stili differenti colpiscono le vere fashion victimes. Proprio per essere al passo con le tendenze.

•… Cheap places : A tal proposito, sui siti stranieri, specialmente americani, i prezzi sono veramente considerevoli. 

Tempi di spedizione : dipende da dove arriva il vostro ordine, ma spesso non impiegano mai più di una settimana ad arrivare. I pacchi oltreoceano impiegano anche due settimane, in alcuni casi anche di più. Ma l’attesa vale la pena. Potete dire che il maglioncino che tutti vi invidiano viene dall’altra parte del mondo! ;)

 

CONTRO

 

Vestibilità : E’ pur vero che gli abiti vanno indossati prima di essere comprati. Nessun indumento è tanto azzeccato quanto un indumento provato! 

Al tatto : Purtroppo non c’è la possibilità di tastare e testare il capo che stiamo acquistando, perciò quello che sul sito ci sembrava un valido cappotto anti-gelo, non è nient’altro che un sintetico pezzo di nylon!

Tempi di spedizione : Dipende, come nella lista dei pro, da dove arrivano i vostri acquisti. Mettete in conto che se pensate di fare un ordine il 20 dicembre per un regalo di Natale, non vi conviene! Il corriere non è sempre preciso. Un giorno in più può rovinarvi una sorpresa!

Sfortuna : capita a volte, ahimè, che il vostro pacco arrivi privo di qualche articolo o che sia danneggiato.

Il PACCO: Nel vero senso della parola. Di questi tempi vi possono capitare le cosiddette bufale. Su un sito carino avete comprato la sciarpa che cercavate da tempo… E vi arriva il set di tazzine !!!

“Cara” spedizione, quanto mi costi… : Talvolta le spese di spedizione, nel caso abbiate preso un articolo da poco prezzo, potrebbero venirvi a costare anche più dell’articolo stesso. 

Pagamenti : Nonostante i metodi sicuri di pagamento, alcuni siti potrebbero essere ugualmente poco raccomandabili. 

Pigrizia : non è da sottovalutare. Comprare da casa potrebbe farvi perdere il gusto che c’è nell’acquistare in un negozio vero e proprio. Se siete maniache dello shopping vi ritroverete chiuse a casa davanti al pc anche quando il tempo fuori è ottimo per andare in giro in centro! 

Anche se molti di noi preferiscono ancora il contatto diretto con il venditore, gli acquisti online ci proiettano in una vera e propria avanguardia. Non c’è dubbio su come entrare nel negozio e passeggiare con le buste in mano dia un senso di soddisfazione differente, ma è pur sempre shopping. A noi donne soddisfa ugualmente, no?!

  

Vai alla seconda parte di "Shopping in pigiama e pantofole" 

 

 

Consigli utili.

Vi ho parlato, qualche giorno fa di come analizzare un probabile acquisto su internet. Quantificate i pro e i contro. Se i pro sono più numerosi dei contro non vi resta che procedere. Se i contro vi lasciano dubbiose avete due scelte: armarvi di coraggio per quella sciarpa introvabile o declinare tutto perché il rivenditore è sconosciuto e la sciarpa viene da un asiatico paesino sperduto!

Questi che posso fornirvi sono consigli, da una ragazza che ormai con gli acquisti su internet ci ha preso la mano. Almeno uno al mese; provenienti da diverse parti del mondo.

Perciò andiamo a vedere cosa sapere, cosa evitare e dove cercare:

Conoscere bene il vostro corpo : è importante sapere bene le vostre misure. Si sa che non tutte le marche hanno una uguale vestibilità. E’ proprio per questo che i siti mettono a disposizione delle “guide-taglia” a cui è consigliabile attenersi. Tenete sempre conto che le immagini dei capi in vendita sono fotografate su manichini. Per chi ha abbastanza “occhio” non c’è troppa difficoltà nel giudicarvi addosso un indumento. Ma se credete di non esserne sicure, è sconsigliato l’acquisto azzardato. Rischiereste di far diventare la “carinissima camicetta che SEMBRAVA perfetta” un cattura polvere nel cantuccio abbandonato dell’armadio! O in ogni caso, è sempre possibile un reso al fornitore!

Conoscere cosa si sta comprando : Se il vostro inglese è un po’ scarso, sarebbe da evitare un sito straniero, ma è innegabile quanto la loro merce sia più particolare. La foto dell’articolo è soltanto una foto, leggete bene la sua descrizione. Se presenti, leggete le recensioni. Diversi punti di vista potrebbero esservi utili. Se per esempio qualcuno commenta dicendo che il pantalone calza molto aderente, prendete una taglia in più!

Leggere i dettagli : Ogni qualvolta che comprate qualcosa da un sito è di fondamentale importanza leggere i termini e le condizioni della spedizione. Se non siete sicuri di una taglia e non c’è la disponibilità di cambiarlo facendolo tornare indietro al fornitore, ahimè, lasciate stare le scarpe che vi hanno conquistato alla prima occhiata! Oltre ad avere un paio di scarpe nuove e immacolate, avete soprattutto un paio di scarpe che non potete indossare!

Siti stranieri : Fidatevi sulla parola. I siti stranieri sono molto più aggiornati, vendono articoli più in voga. Stili particolari, British, punk, vintage, li trovate più spesso su siti di altre nazioni. 

Valutare l’affidabilità : Un sito, è molto più affidabile se già conosciuto da alcuni utenti ed è presentato al pubblico in maniera attenta ai particolari. Per le pagine, per esempio, di ebay date più affidamento a chi possiede un elevato numero di feedback (positivi ovviamente).

Prezzi : Spesso e volentieri per alcuni siti stranieri c’è da tener conto del cambio valuta. Prima di procedere al pagamento, convertite il prezzo finale (il più delle volte £ o $) in €. Tenete da conto il fatto che un prezzo alto in sterline è maggiorato in euro; un prezzo elevato in dollari è più basso in euro. 

Il buon mercato: State per esempio cercando di fare per regalo la mustache mug? La tazza con i baffi che adesso va tanto di moda?! Ormai, dato che è diventato un must, cercatela in più siti. Valutate su quale comprarla. Il prezzo varia spesso e volentieri da sito a sito!

Spedizione : Per quanto riguarda la spedizione, come ho detto nella lista dei pro e dei contro, è possibile che costi più dell’articolo stesso. Se possibile, condividete la spesa. Passate il sito ad una vostra amica, che potrebbe trovare qualcosa d’interessante. L’ordine sarà più alto e la spesa di spedizione converrà sia a voi che al vostro compagno di acquisti: la pagherete a metà! 

Pagamento : Questo è il passaggio che può destare più preoccupazione. Quando arriva il momento di saldare controllate che l’url (la barra dell’indirizzo web) cominci con https, così saprete che la finestra di navigazione sui cui state immettendo i dati della vostra carta è protetta e non può essere “spiata”. Per fare gli acquisti è consigliabile munirsi di una carta prepagata (tipo postepay) che ricaricate ogni tanto. Così, se siete sfortunati e fate un acquisto azzardato il cui rivenditore inaffidabile vi prosciuga 100€ , non avrete perso tutto il gruzzoletto dei 4 stipendi messo da parte con tanta parsimonia. Personalmente uso il metodo paypal. (è un sito che agisce come un vero e proprio conto corrente on-line) Tutto ciò che serve al momento del pagamento è mettere l’email e la password senza scrivere dati della carta. Quelli serve immetterli solo nel momento in cui vi registrate al sito (protetto) di paypal. 

Non prendete il vizio : Andare per negozi ci trasporta ancora quell’aria di shopping a cui siamo tanto legate e così deve rimanere. L’entrare nel negozio e interagire con l’ambiente in cui stiamo comprando è importante per noi donne. L’impatto che ha il luogo in cui facciamo acquisti è proprio uno degli aspetti che ci concede di far strisciare la carta e sfornare lo scontrino. La relazione con le vetrine dei negozi dovrebbe continuare ad assomigliare molto allo stile Hepburn in Colazione da Tiffany, perciò concedetevi gli acquisti online un po’ alla volta!

 

 

In conclusione la cosa più importante è non agire d’impulso. Bisogna leggere attentamente, analizzare il sito, il rivenditore, i feedback, la sicurezza nel pagamento, perché i dettagli sono fondamentali. Non vi resta, a questo punto, che impugnare la tazza del the e provare! Navigate sui siti e puntate ai regali di natale più ricercati. Tutto questo comodamente seduti a casa vostra… Per l’appunto in pigiama e pantofole! 

 

Potrebbe interessarti: I migliori siti per lo shopping online

 

TACCHI ALTI: AMORE/ODIO?!?

Che dilemma tremendo!!!
Io credo che la maggior parte delle donne (forse addirittura tutte) amino il mitico tacco 12!
Sto parlando del tacco a spillo, il più elegante, chic, sexy, quello che slancia la gamba, risalta la femminilità, ecc. ecc. ma........
QUANTO E' SCOMODO???????
Per fortuna, in nostro aiuto, sono arrivati i plateau ovvero i rialzi della suola, che rendono la calzatura più comoda in quanto diminuiscono l'ampiezza dell'angolo di appoggio del piede.
Grazie a questi, portare i tacchi è diventato un po' più comodo ma bisogna stare attente al portamento!!!
Come già detto il tacco slancia la figura ma se non si riesce a camminare comodamente si rischia di fare una brutta figura!!! (scusate il gioco di parole!)
Avere ai piedi splendidi tacchi aiuta a sentirsi più alte e più donne ma se il risultato è quello di sembrare giraffe che camminano sui carboni ardenti io preferisco guardare le giraffe allo zoo dall'”alto” dei miei 165 cm puliti!!!!!
Oggi la moda arriva in nostro aiuto...

 


Per questa primavera infatti il tacco si abbassa e soprattutto si “allarga”!
In estate va di moda la comodità del tacco grosso e si aggiunge anche il cinturino alla caviglia che ci aiuta ancora di più a camminare comodamente e godere al meglio i nostri amatissimi tacchi!!!!

Come sempre il mio consiglio è quello di usare la moda per valorizzarci e se, come me non siete ottime equilibriste da tacco stiletto, approfittate della moda di quest’anno... correte alla ricerca delle vostre Tangerine!!! Tacco grosso e cinturino alla caviglia!!!

 

Potrebbe interessarti anche: Scarpe: La nostra passione. Scegliamo quelle adatte a noi

 

La moda del 2013 sarà scintillante come uno smeraldo 

Secondo l’azienda Pantone e un pool di grandi esperti è stato decretato come colore del 2013: il verde smeraldo. Così dopo il rosso-arancione Tangerine Tango del 2012, dal prossimo anno il verde smeraldo spopolerà nei nostri guardaroba, beauty case e tanto altro. Sarà il colore predominante per le scelte dei nostri outfit, ma ci si chiede anche perché proprio il verde smeraldo. Tutto è riconducibile al fatto che il verde è sinonimo di speranza, rinnovamento, è il colore prevalente in natura, l’occhio umano percepisce il verde più di ogni altro colore. A livello comunicativo il verde è simbolo di ringiovanimento, lusso e sofisticatezza. Anche negli anni passati molti popoli hanno impiegato il verde nelle loro bandiere nazionali come simbolo di unione. 

Nel mondo del beauty il verde viene molto utilizzato come ombretto, in quanto dà una lucentezza particolare e sta bene sugli occhi delle donne, che siano scuri o chiari, il verde mette in risalto il loro sguardo e le linee degli occhi. E’ un colore che va bene anche per le scelte di Home Design, per l’arredamento, in quanto rilassa e rigenera, quindi possiamo trovarlo sia nelle zone living che nel bagno. Nel mondo del fashion sono tante le creazioni proposte durante le settimane della moda sulle catwalk: abiti, borse, accessori, scarpe, tutto si è tinto di verde smeraldo, lo troviamo nella collezione Burberry Prorsum che propone dei trench meravigliosi, Lavin propone delle scarpe in pelle di pitone in tonalità verde, ma colei che ha proposto maggiormente il verde sulle passerelle è stata Frida Giannini per la maison Gucci, gli outfit sono stati illuminati da dettagli scuri ma che scintillavano sulle tonalità del verde smeraldo per esaltare la lucentezza dei capi e l’eleganza che contraddistingue la griffe da sempre.

Questo 2013 si colorerà di verde smeraldo, un colore che probabilmente vuole anche riportare la speranza in questo periodo buio che il nostro Paese – e non solo - sta attraversando, un colore che dona rinnovamento e lucentezza, anche alla natura stessa che ne è rappresentata in tutte le sue forme. Ma che rappresenterà una tonalità base per le nuove creazioni nel mondo della moda, un colore che illuminerà ancora le catwalk delle principali capitali mondiali della Fashion Week.

e per il Make Up? ecco il colore di tendenza

 

La moda Primavera/Estate 2013 è qui. 

Eccoli qui, uno per uno, i look e i capi protagonisti della prossima stagione. Colori e materiali nuovi per un guardaroba sempre diverso. Gli abbinamenti in chiave 2013 che ci faranno innamorare questa primavera.

 

 Il Nuovo Militare: Hermès, Yamamoto, Marras e Sportmax hanno portato sulle passerelle il nuovo look military chic. Abbandonate il pantalone da soldato, e passate alle bluse e canotte in seta o satin ma da piglio "sergente" nelle sfumature del sabbia, del verde e del kaki. Colore pastello ma taglio deciso. Abbinate il tutto a una gonna femminile o ai pants con le pinces.

 

 Il Chiodo, ma colorato: il chiodo quest'anno inverte la marcia. Basta al solito nero con i baker boots e il mood aggressivo. Quest'anno si porta colorato, stile ladylike con gli abitini pastello o a fiori. Sì alle ballerine o ai tacchi altissimi in nuance (consigliato: l'azzurro , il bianco, il verde e il rosa baby).

 

tendenze-primavera-estate-2013


La gonna è maxi: lunga, lunghissima, con lo spacco o senza, in materiali diversi. L'importante è che sia neutra, color crema o bianca. Da abbinare con una giacca in pelle e gli stivaletti da Mary Poppins. La borsa? La busta in pelle da portare a mano.


Il jeans è Bon Ton: questa primavera sì ai classici jeans superslim con top e blazer dai colori neutri. Esagerate con gli accessori: perfette le decoltèes glitterate con tacco altissimo e maxiborsa. Preferite gli shorts? Canotta bianca basic e ballerine, ma con gilet in pelle dorato. Molto rock.

 

Grafismi pop: rombi, quadri, pois, losanghe, motivi paisley piovono su pantaloni e camicette. Molto anni 70, si abbinano con i colori neutri per un effetto molto dandy che funziona soprattutto in ufficio. Un po' elegante, un po' snob.


Kennedy style: ritorna lo stile preppy dell'America anni 50. Blu, bianco, righe, blazer alla marinara e mocassini. Quel tocco di chic americano da portare con la righe in mezzo o lo chignon altissimo.


Sottoveste per tutte: Alberta Ferretti, Pucci e Blugirl sdoganano gli abiti rubati alla lingerie: leggeri e dal taglio sottoveste, impreziositi dal pizzo o microcristalli saranno gli abiti protagonisti di stagione. E no, non si usano solo la sera: provateli di giorno, con i sandali piatti, un maxicardigan di lana leggera sopra e la sciarpa leggera e ampia intorno al collo.

 

Ferretti-primavera-estate-2013

 

E' tutto over: maximaglie, felpe dalle spalle scivolate, blouson extrasize si portano su pantaloni ampi in seta per uno stile rilassato che crea maxivolumi. Ispirazione urbana con pezzi rubati allo street style.


La Cina è vicina: basta con il classico floreale questa primavera. Porteremo fiori di loto e di pesco, con top e abiti dal taglio orientale. Bluse con colletto alla coreana, abiti dritti al ginocchio e kimono come casacche. Il tutto ricoperto da fiori orientali, grandi e quasi scenografici. Etro, Prada e Kenzo insegnano.

 

primavera-estate-2013

 

Scopri i 10 colori della Primavera/Estate 2013