03 Set

Tendenze autunno/inverno 2014/15, ecco le più belle scarpe animalier (FOTO)

Scritto da  |

L'animalier ha sfilato per la prima volta in passerella nel 1947 con una creazione firmata Christian Dior. Da allora il successo è stat sempre crescente e tale tendenza è stata ciclicamente riproposta nella moda e visibile su scarpe, borse e vestiti. Anche il prossimo autunno/inverno 2014/15 vedrà dominare, in questo caso sulle scarpe, la tendenza animalier, in chiave rivisitate a quelli che sono i look più moderni e a seconda delle caratteristiche di ogni singola griffe.

 

C'è chi ripropone l'animalier più semplice e tradizionale e chi, invece, ad esso accosta anche inserti in pizzo, piume e vati disegni floreali. Per quanto riguarda i colori, invece, abbiamo stampe animalier declinate in colori decisamente eccentrici come giallo, turchese o fucsia. Le pumps animalier di Alberto Moretti prevedono il disegno old school di una rosa rossa, mentre quelle di Tom Ford sono attualizzate da una zip centrale color oro. 

 

Sergio Rossi prevede un sofisticato animalier declinato in colore verde oliva, mentre le creazioni di Jerome C. Rousseau sono realizzate in materiale lucido e monocolore. La tendenza animalier domina anche su stivali e stivaletti, modelli di punta della stagione fredda. Dreyfuss presenta uno stivale flat, caldo e avvolgente per le stagioni più fredde, mentre le amanti dei look sporty chis indosseranno delle bellissime stringate, mocassini, slipper e sneakers: Charles Philip Shangai sceglie invece il maculato e la stampa rettile mentre Cole Haan regala alle sue slipper un'interessante fantasia black & white zebrata.

 

Potete ammirare i modelli più belli delle scarpe animalier nella foto-gallery presente di seguito:

 

 

LEGGI ANCHE -> CAPPE E PIUME, TENDENZE AUTUNNO INVERNO 2014 2015

 

Letto 1558 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Simona Vitale

Nata a Napoli nel 1982, amo la cultura, la legge e il giornalismo. Laureanda in Giurisprudenza, mi divido fra le mie grandi passioni sia nel lavoro che nella vita. 

 

Facebook: Simona Vitale