Dean e Dan Caten presentano la collezione di borse Dsquared2 per quest'autunno/inverno 2013-2014, linea fashion e deliziosa dai tocchi bon ton molto ricercati. Famosi per la loro originalità, i due stilisti hanno spopolato alle ultime sfilate a Milano Moda Donna. Il loro stile eccentrico e moderno si riflette anche nella nuova collezione di borse e accessori, ideali per la stagione fredda. Come abbiamo potuto facilmente capire, uno dei trend della stagione è quello maculato. Tante sono le maison che hanno inserito borse con stampa leopardo alternandole poi a modelli in pelliccia o ecopelliccia. Dsquared2 non è da meno.
 
Dsquared2 riprende questa tendenza e di propone handbag in cavallino con manici e profili in pelle nera verniciata e pannello centrale maculato, oppure bellissime clutch da sera, chiare o scure, rese preziose da una fascia tempestata da piccoli cristalli sulla chiusura.
 
Immancabili anche le stampe rettile, che per i due stilisti sono perfette lungo bauletti in pelle dalla forma compatta con doppio manico e tracolla. Il tutto completato da piccole borchie rock glam.
 
Non mancano anche le shopper da giorno poligonali più grandi e belle tracolle dalla forma rettangolare molto piccola, con patta di chiusura e tracolla a catena davvero molto chic nei toni scuri del nero, verde, blu e bordeaux, ma anche in rosa cipria più bon ton.
Presenti in collezione anche delle splendide clutch gioiello dall’allure anni ’50. Parliamo di clutch in vernice dalla forma allungata con piccolo inserto gioiello sul lato e minaudiere quadrate.
 
Rispondono all'appello anche dei modelli casual come bauletti dalla sviluppo orizzontale con due manici in pelle, oppure handbag più grandi in pelle opaca, verniciata o con stampa rettile. Completano la collezione piccole necessaire multiuso in pelle con stampa alligatore e bracciale laterale.
 
 

Sul web spopolano fashion e food blog, alcuni davvero banali e mediocri, altri originali, creativi, impattanti e scritti molto bene.

Io ne ho trovato uno molto ma molto interessante che unisce con grande originalità e creatività il tema del fashion con quello del food. Si tratta di Taste of Runway (www.tasteofrunway.com).

Taste of Runway è la celebrazione dell’estetica e del gusto, e ogni post è il racconto di una nuova commistione tra moda e cucina, tra il fascino di un abito e la magia di un piatto. E’ un blog “sensoriale” che attiva più sensi dalla vista al gusto (si avverte un’acquolina quando si leggono i vari post) recando un piacere generale.

Il blog, nato nel 2011 dalla testa e dalle mani di Anna Marconi, classe ’83,  offre ricette di cucina ispirate agli outfit più interessanti che sfilano sulle passerelle del mondo. Il piatto è quindi ispirato ad un abito nelle forme, nella presentazione e nei colori.

 

taste-of-runway

 

Il risultato sono immagini evocative e cariche di creatività. Dietro ogni post c’è un lungo e minuzioso lavoro di ricerca, di studio delle immagini e delle fotografie, al punto che quello di Anna è un lavoro a tempo pieno che si  avvale anche del lavoro di collaboratori.

In breve tempo il blog raccoglie l'interesse  delle case di moda e di molti magazine nazionali e internazionali. Attualmente tradotto in 2 lingue (italiano e inglese) Taste of Runway viene letto in più di 70 nazioni.

Dal 21 al 23 settembre Taste of Runway sarà presente a Milano presso l'hotel Nhow, via Tortona 35, con un aperitivo all'insegna del #FashionFood. In collaborazione con Grazia e sale&pepe.

 

Ti interesserà pure: Ricette Light per preservare la linea

 

Il catalogo Replay 2014 ci offre jeans ed outfit davvero interessanti in vista della primavera/estate 2014. Tanti sono gli abiti lunghi da indossare sia in vacanza che ai party in piscina. Non mancano splendide jumpsuit, declinate in colori estivi e brillanti, nonché shorts e pantaloni di jeans che si caratterizzano per borchie ed altri elementi. I colori sono davvero di tendenza: basta pensare al verde smeraldo e al rosa salmone.
 
Spiccano i long dress asimmetrici, con lunghe gonne che si accorciano sulla parte anteriore, mentre le jumpsuit sono a tinta unita. Ampio spazio è riservato ai vestiti lunghi senza spalline, stretti sul punto vita da un nastro colorato davvero delicato.  Belli anche gli abiti in denim, che sono composizioni unite di camicie e long skirt.  
 
 
I jeans sono stati rivisitati con nuovi elementi e dettagli, per lo più sono skinny e aderenti, declinati nei colori moda della primavera/estate 2014. Presenti nella linea anche dei pantaloni felpati tipo tuta, per look decisamente più comodi, o anche harem pant, ovvero i pantaloni a cavallo basso, proposti sia in versione lunga che al ginocchio. 
 
Replay propone anche topwear, tra cui spiccano canotte a righe con scritta, t-shirt stampate che si arricchiscono di elementi brillanti e borchiette, insieme ad alcune felpe a maniche lunghe e corte e con cappuccio. Le giacche Replay sono davvero molto carine; tra esse spiccano modelli di blazer dal taglio maschile, prodotti sia in cotone che in denim.
 
Insomma amiche, non vi resta che scegliere nella gallery che vi proponiamo!
 

Care amiche, se ancora siete indecise su quale sarà il vostro bikini perfetto per l'estate, o comunque il vostro look da spiaggia, ecco per voi la collezione di bikini e outfit firmati Mara Hoffman. La famosa stilista di New York è molto amata per le sue creazioni che da sempre si presentano molto colorate e ricche di disegni geometrici che vanno a rievocare sia il misticismo che la mitologia. La linea si compone di deliziosi costumi da bagno, abiti da mare e tanti altri accessori. Tra i bikini dominano i modelli estremamente fantasiosi.

 

 

Abbiamo costumi a fascia, dritta o con coppe preformate stile bustier, ma anche quelli che si compongono di triangolini regolabili e ai quali vanno abbinati slip di ogni genere, dai modelli a vita bassissima a quelli alti e alle coulotte. Nemmeno mancano sensuali bikini brasiliani. Fanno capolino anche dei modelli interi e dei trikiny davvero molto carini.  Tra i colori utilizzati dalla designer spiccano sicuramente il rosa chiaro, il verde e il blu elettrico, l’acquamarina e il fucsia, senza dimenticare i basici bianco e nero.

 

Abbiamo poi, sulle stile dei costumi, bellissimi vestiti, sia lunghi corti che lunghi, slim e ampi, e anche una buona selezione di caftani dall’effetto trasparente. Chiude la collezione tutta una serie di borse da mare che renderanno i nostri outfit davvero speciali. 

 

C'era un tempo in cui a consacrare gli stili di tendenza, le mode realmente di moda erano le riviste patinate con le loro immagini conturbanti, piene di glamour e di fascino in grado di far sognare il pubblico.

Oggi, 2012, sono invece le foto i-Phone made, caricate su link per lo più sconosciuti ad essere investite di tale ruolo. 

Schiere di ragazzine che, appena smesso il grembiulino scolastico, amano posare nelle loro misè più stravaganti e condividere i loro diversi outfit sulla loro pagina facebook, rubando la scena alle più acclamate stylist.

Per non parlare delle fashion blogger! Con i loro blog monotematici cercano di dare un punto di vista sulla moda che è, il più delle volte, una sterile accozzaglia di accessori di tendenza.

Un banale riassunto delle ultime proposte di H&M e ZARA (senza nulla togliere a queste due mecche dello shopping, rimedio estetico ormai irrinunciabile di noi povere disoccupate!) che rischia di impoverire il senso di un abbigliamento che deve essere prima di tutto una scelta profondamente personale, in grado di raccontare agli altri qualcosa di noi.

 

E quale grado di personalità può esserci se tutte continuiamo ad attingere alle solite fonti? Se tutte continuiamo a plasmare la nostra immagine su cataloghi appena usciti? Se ognuna di noi abbandona ciclicamente la sua pelle per sostituirla con quelle cose spacciate per NEWS?

Schiere di ragazzine identiche, manichini appena usciti da una vetrina, affollano le strade, intasano i social-network, impoveriscono il senso più autentico della moda. Una moda che non vuole e non deve essere elitaria, ma il simbolo più palese del nostro essere diversi.

Quale sarà il destino della moda ai tempi di facebook?

Al coro dei “mi piace” spetta l'ardua sentenza.