Superato lo scoglio della “stravaganza” di Marzo e dei primi periodi d’Aprile, tocca fare il conto con scatoloni da riempire con voluminosi capi. A sostituire sciarpe e cappelli di lana colorati compariranno sulle crucce degli armadi più esigenti di must, sete delicate e camicette di cotone leggerissimo. Colori moda della stagione Primavera/Estate 2013 saranno 10 secondo il Fashion Color Report di Pantone.

A proclamarsi tra le vincitrici tonalità di verdi, di blu, nuance pastello e qualche tinta intensa, tutte da abbinare con estrema cura e attenzione, per esattezza il Monaco Blue, il Dusk Blue, l’Emerald, il Grayed Jade, il Linen, il Poppy Red, l’African Violets, il Tender Shoots, il Lemon Zest e il Nectarine.
A farla da padrone però è il verde smeraldo, proclamato colore del 2013.

 


S’affianca il Grayed Jade, una variante caratterizzata da un velo di giallo, in pratica un meraviglioso color giada, delicato e affascinante.
Bellissime le varianti di blu proposte per i mesi caldi. La prima si chiama Monaco Blue, intensa e regale, vista su diverse passerelle come quella di Giorgio Armani. Più delicato il Dusk Blue, fumoso, ricorda moltissimo il cielo.

 

 

Tra pizzi floreali a proporlo è Max Mara che lo usa per gonne e bluse. Delicatissimo e molto femminile anche l’African Violets, una nuance molto vicina al lilla. Il Linen è sicuramente il colore più neutro, a metà tra il beige e il cipria, visto sfilare in numerosissime collezioni tra le quali quella della maison Valentino.

 


Preparatevi ad accogliere nuovamente l’arancione, che sarà uno dei grandi protagonisti anche della prossima stagione calda.
Volete dare un tocco fresco e super estivo al vostro guardaroba? Allora ospitate nel vostro armadio il Lemon Zest, un intensissimo giallo limone, e il Tender Shoots, una variante di verde chiaro fluo. Infine, per serate chic e romantiche, provate con il Poppy Red, un meraviglioso rosso intenso, che ci ha incantate soprattutto sulle passerelle.
Tutte stampe e colori che vanno dal discreto pastello all’acceso colore, su abiti asimmetrici e pressoché trasparenti accostanti a tessuti jeans e cotoni freschi. Bandito il lino, troppo casual e informale per lasciare il posto a skin vita alta tutte forme che disegnano curve sinuose.
Insomma la moda si fa più donna formosa accostata a casacche asimmetriche.
Pronte oltretutto al caldo, chignon e occhialoni per proteggerci dal sole?
Buona Primavera a tutte le Donne e non solo.

 

Potrebbe interessarti anche: Make Up. I colori di tendenza del 2013

 

Come tutte le donne anche io, guardandomi allo specchio, non sono mai contenta... Però ho imparato dei piccoli segreti che mi aiutano a non essere più così negativa!
Mi sono dunque prefissata di divulgare tutti i piccoli segreti imparati negli anni per sfruttare la moda ed essere trendy ma sempre e comunque a proprio agio!!!
Ogni donna è unica, diversa dalle altre, con caratteristiche fisiche differenti... allora mi chiedo come possano tutte queste donne stare bene con gli stessi capi considerati “alla moda” stagione dopo stagione?

E' questo il punto! Essere alla moda significa seguire il gusto e gli usi predominanti di un determinato periodo ma mai sottostare ad essi! Mai diventare una FASHION VICTIM! Secondo Gianni Versace una donna diventa una fashion victim, quando altera esageratamente il proprio look ad ogni cambio di stagione.
L'abilità della donna che ama la moda e vuole essere sempre al passo con le nuove tendenze è quella di saper adattare questi dettami al proprio modo di essere e di vestire senza mai farsi travolgere!

 


Non vorrei fare la “maestrina” ma credo che un piccolo cenno storico possa aiutare a capire meglio il concetto.
La moda – detta anche storicamente costume - nasce in parte dalla necessità di coprirsi con tessuti e materiali lavorati per essere indossati.
La verità è che l'abito assunse quasi subito precise funzioni sociali atte a distinguere le varie classi e le mansioni sacerdotali, amministrative e militari.
Questo per quanto riguarda l'emisfero maschile.... e le donne???
Le donne, che erano escluse dalle funzioni sociali, non per questo rinunciavano a vestirsi con cura estrema. I loro motivi erano più legati alla psicologia del mascheramento. Gli abiti venivano usati per nascondere lati che non si volevano mostrare o, viceversa, per mostrare lati che dovevano essere valorizzati!

Ed eccoci giunte al nocciolo della questione... La moda, ieri come oggi, deve essere usata e sfruttata per il nostro tornaconto personale!!! Impariamo a conoscere e riconoscere con obiettività i nostri pregi e difetti fisici... Solo così riusciremo a valorizzare al meglio i nostri punti di forza!!!

 

Potrebbe interessarti anche: Scarpe: Come sceglierle?

 

Le tracolle e le postine saranno l'accessorio must have della bella stagione. Pratiche, comode, lasciano le mani libere e si possono usare 24 ore su 24, di giorno e di sera, con qualsiasi outfit. La grandezza è media, la catena extralunga. L'unica regola? Deve essere coloratissima! Prendete ispirazione dai due marchi che le hanno proposte in chiave moderna e rieditate dai modelli del passato che hanno fatto la storia: Celine ed Hermes. Se per quasi tutte resta un sogno, puntate ai modelli proposti dalle catene low cost: da Zara, Mango e Pull&Bear ne troverete di davvero interessanti a prezzi accessibili. Non potrete davvero farne a meno: di giorno scegliete un colore che spazia dal sabbia al beige, fino al marrone, e abbinateli a jeans, sneakers e tshirt per un look supersportivo. Oppure, sì al verde smeraldo: con pants pastello e blazer colorati trasforma qualsiasi look in un outfit glamour.

 

 

Per la sera potete staccare la tracolla e trasformare la borsa da giorno in una clutch da party, abbinandola a tacchi altissimi e tuxedo maschili per un look androgino ma sofisticato. Oppure, scegliete una tracolla preziosa, magari dorata, da abbinare a miniabiti e sandali flat. Di notte optate per materiali ricercati, come il rettile o il coccodrillo.

 

 

 I colori? Blu, arancione e giallo ravvivano anche il più semplice little black dress.

Se invece indossate un abito colorato, sì al nero, ma in pelle shine. Effetto diva d'altri tempi.

Date un'occhiata allo shop online di Asos: a breve usciranno i nuovi accessori!

 

Potrebbe interessarti anche: I gioielli della primavera 2013

 

Lavorare nella moda è sicuramente stimolante. Una delle mie giornate preferite è sicuramente la giornata degli shooting. Preparare un lookbook è sempre la prova del nove: capire come stanno gli abiti, azzeccare gli abbinamenti e il make up. Scegliere la modella perfetta per la collezione.

Divertimento a mille, si, e litri di caffè. Qualche chiacchera, gli scatti, gli occhi puntati sulla macchina fotografica. Si corre e gli stand sono pieni di abiti per gli outfit. La mia giornata tipo in questi casi prevede la sveglia alle 6, un outfit composto da abito semplice e stivali bassi, maxibag e l'agenda sempre alla mano, per appuntarsi proprio tutto. E sul set? Si sceglie il make up abbinandolo ai capelli in base all'effetto che si vuole dare: si passa dal maxiraccolto con rossetto rosso sofisticato a capelli a onde e smokey eyes rock nel giro di mezz'ora (un trucco del mestiere: se la mattina non avete voglia di stendere il fondotinta basta una passata di terra e fissare il tutto con la cipria trasparente). I cambi d'abito durante la giornata possono essere anche 150 (immaginate la modella!).

Il momento dello shooting è circondato da surreale silenzio. Si scelgono le pose con il fotografo e cessa qualsiasi rumore. Altro tips rubato alla make-up artist: per avere capelli voluminosi per tutto il giorno, basta passare una passata di borotalco alla radice, a testa in giù, e fissare con un velo di lacca. Poi la scelta delle foto, il momento forse più critico e pesante. Ma anche dopo 8 ore passate su photoshop, quando vediamo il lookbook finito si tira un sospiro. Anche per oggi ce l'abbiamo fatta. Qui trovate il reportage della mia giornata, per curiosare dietro le quinte: http://themilanstoryteller.wordpress.com/2013/04/02/tuesday-seen-by-me/ 

 

Scopri gli outfit più belli di Instagram

 

È ritornato di moda il caro e vecchio cappello con la visiera ormai conservato nel luogo più nascosto del nostro guardaroba perché convinte di non poterlo più indossare.
Ovviamente, come qualsiasi cosa, prima o poi tutto ritorna e anche il cappello da baseball è ritornato alla ribalta come non mai!


Richiestissimo da ogni fashion victim che si rispetti, questo nuovo trend è indossabile sia d'inverno che d'estate e abbinabile ad outfits sportivi ed eleganti.
Ormai sapete tutte, che non è più necessario coordinare perfettamente ogni tipo di accessorio al look, l'importante è che l'impatto visivo sia gradevole ed armonioso.

 


Detto questo è suggeribile scegliere il vostro cappello da baseball di un colore unico così da poterlo accostare anche ad abitini romantici ed eleganti e avere il potere di sdrammatizzarli con successo.
Sarete perfette con mini-dress, bianco e di un tessuto leggero e fluttuante, abbinato a cappellino e sneakers colorate in modo tale da conferire al look quel tocco di carattere ed allegria adatti alla stagione che sta per arrivare!

 


Se invece amate essere notate, promuovo i cappellini con maxi-logo sulla parte anteriore idonei a personalità più eccentriche e decise.
Favolose le versioni luxury proposte da Kenzo e Burberry, ma ancor più strepitose sono le versioni low cost del cappello da baseball che potrete trovare nei negozi più noti di articoli a basso costo.

 


Che ne dite del modello con panda lanciato da Bershka? Lo trovo semplicemente adorabile e adatto ad essere indossato sia con micro shorts che con jeans e running shoes; Se amate osare, promuovo anche l'abbinamento con fantasie optical, magari potrete completare il look con i favolosi calzini, sempre con panda, che troverete in vendita nello stesso negozio. Tenere, trendy e soprattutto pronte ad uscire ricordando che ogni strada è una passerella su cui sfilare la vostra creatività.
Al prossimo articolo.

 

Potrebbe interessarti anche: La it bag della primavera 2013