Come tutte noi sappiamo amiche, le feste natalizie rappresentano non solo il periodo dell'anno in cui ci proponiamo di essere più buone, di volerci più bene nel quale ci scambiano regali con amici e parenti. Natale rappresenta anche il momento dell'anno in cui è più facile ingrassare. Troppe le delizie che popolano le nostre tavole: fritture, antipasti, primi deliziosi, panettoni, pandori e dolci ipercalorici di ogni tipo. Inutile crucciarci, durante le festività natalizie è inevitabile dunque prendere qualche etto, ragion per la quale se non si è osservato un regime ipocalorico prima di Natale, si possono comunque limitare i danni in vario modo.
 
Sicuramente è inutile saltare la colazione. Bisogna cercare di favorire i cereali integrali preparati senza aggiungere cioccolato o zuccheri e abbinandoli a latte, caffè o tè poco zuccherati. Possiamo dire sì a tutto per quanto riguarda il pranzo. L'importante è non eccedere nelle quantità ed assaggiare tutte le pietanze sebbene in piccole porzioni e con i giusti abbinamenti. Se, ad esempio, desiderate una fetta di pandoro con gelato occorrerebbe rinunciare ad un primo composto da carboidrati. Uno stratagemma sicuramente molto più efficace è quello di concedersi un po’ più di attività fisica, anche lunghe passeggiate, per controbilanciare le calorie in più che assumiamo durante le feste fatidiche. Non eccedete nel consumo di bevande alcoliche. Lo sappiamo, la tentazione è forte. 
 

All'incirca un bicchiere di vino o di spumante fornisce intorno alle 100 calorie. Un errore che commettiamo spesso è poi quello di pensare che l'amaro post pranzo aiuti la digestione. Difatti non c’è cosa peggiore che affaticare ancora di più il fegato nel corso della digestione di alimenti più calorici rispetto a quelli assunti normalmente. Il pancreas produce più insulina dal momento che abbiamo ingerito un maggiore quantitativo di zuccheri (tra dolci, pasta, pane, patate, vino o alcolici). Il fegato poi, oltre a digerire macromolecole (quelle delle proteine, dei carboidrati) deve digerire anche l’alcool, che richiedendo un maggiore consumo di acqua rallenta il processo di digestione. 

 

Nei giorni successivi a grandi pasti e cenoni, il consiglio è comunque quello di evitare il digiuno. Accumulerete solo un appetito esagerato che potrebbe essere colmato solo con un'altra grande abbuffata. Anche la colazione non va saltata, cercando però di limitarsi magari a tè e biscotti integrali. Non bisogna neppure pensare di poter dimagrire ricorrendo ai menù liquidi fatti di yogurt e frullati. Meglio mangiare frutta, verdura e carboidrati (sebbene questi ultimi in quantità moderate), oppure pensare di sottoporsi a stressanti sedute di fitness. Meglio 20 minuti al giorno da fare per circa un mesetto.

 

 

Natale e Capodanno sono alle porte, con tutti gli eventi di rito: cene coi parenti, feste aziendali, aperitivi con gli amici, cenoni e pranzoni. E ogni anno lo stesso dilemma: come vestirsi per tutti questi eventi? Come scalzare la concorrenza delle colleghe super- glamour? E come stupire cugine, cognate, suocere e parenti varie? Ne parliamo con Francesca Fiorentini, consulente d’immagine e body language coach.

 

Francesca, l’outfit giusto per le festività cambia in base al tipo di evento a cui partecipiamo. Facciamo qualche esempio pratico per: una festa aziendale, una serata con gli amici e un cenone coi parenti.

 

Partirei dall’occasione meno formale: il cenone in famiglia. Posto che, in un ambiente famigliare, sarebbe meglio scegliere un look rassicurante, per non sconvolgere la cara zia ottuagenaria, tutto dipende dal livello di confidenza tra i presenti: se le persone care ci conoscono per una certa personalità, non vedo perché cambiarla. D’altra parte, se è vero che non ci sono in gioco posti di lavoro o promozioni si tratta pur sempre di una festa che merita più cura del solito. Boccio quindi senza eccezioni sneakers, jeans sdruciti e capi sportivi, così come scollature, trasparenze o minigonne. A che servono in famiglia?

Per gli amici possiamo essere decisamente più femminili: sì a scollature profonde o vedo non vedo, oppure capi fitted (dove fitted non vuol dire strizzati) e sottolineo O, non E! Puntiamo su un solo dettaglio sexy per non sembrare volgari. Ben vengano tacchi vertiginosi e un trucco più marcato per la sera. La parola d’ordine rimane comunque: equilibrio.

L’evento aziendale è quello che rischia di avere conseguenze più impattanti sul nostro futuro, quindi chiediamoci quale messaggio vogliamo lanciare: che siamo professionali? attente ai dettagli? disposte a tutto? Il rischio fraintendimento è sempre in agguato e di sicuro non vogliamo attirare l’ira delle colleghe con le quali dovremo condividere l’ufficio ogni giorno. Per suscitare una sana ammirazione, valorizziamo la figura e puntiamo sul colore che ci dona di più; scegliamo capi e accessori di ottima fattura, senza però esibirne i marchi. Il tono e lo stile dipenderanno dall’azienda e dal proprio settore di riferimento.

 

FATTI IL REGALO GIUSTO PER IL TUO NATALE, clicca QUI

 

Qualche consiglio per avere quel tocco in più che sbaraglia la concorrenza femminile?

 

Finirei col dare un consiglio diverso per ogni donna, perché, se è vero che esistono delle regole universali, è altrettanto vero che tutte le leggi dello stile possono essere sovvertite da una forte personalità. In generale bisogna capire qual è il proprio punto di forza e valorizzarlo, sapendo che basta poco per esagerare e commettere passi falsi. Facciamo in modo che tutti si girino a guardare noi e non l’abito che indossiamo.

 

Tagli, lunghezze e colori degli abiti: cosa scegliere se siamo alte e magre, oppure piccoline e proporzionate, oppure mediterranee e morbide?

Per le ragazze più mignon, cerchiamo un effetto slanciante evitando di creare linee orizzontali che taglino la figura a metà e cerchiamo di attirare l’attenzione verso il viso. Per il fisico più mediterraneo, puntiamo sulla parte alta del corpo per valorizzarla. Mentre se siamo molto magre, indossiamo colori chiari e più strati insieme per creare volume. Dedichiamo un po’ di tempo alla scelta della lunghezza di abiti e gonne: l’orlo può essere determinante, quindi facciamo diversi tentativi per trovare quello giusto.

 

Tu sei anche esperta di body language. Diamo qualche consiglio alle lettrici su come destreggiarsi in una delle situazioni più temute: l’evento aziendale.

 

L’arma vincente in ogni situazione è il sorriso, abbinato a un contatto visivo attento. In un contesto professionale, seppur di festa, sarà meglio controllare i propri gesti, tenendo le braccia piuttosto vicine al corpo, ma con le mani rilassate. Allenarsi in anticipo a posture e gesti di apertura ci renderà più disinvolte e gradevoli nella conversazione. Non nascondiamoci negli angoli e se ci sentiamo a disagio, un bicchiere o la nostra nuova pochette a coprirci un fianco o il punto vita, ci faranno sentire meno in imbarazzo.

 

Come possono le nostre lettrici rimanedere in contatto con te?

 

Attraverso il mio sito www.francescafiorentini.it o via email a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. 

 

Care amiche, tra poco meno di una settimana daremo il benvenuto al 2014, e non potrete di certo farvi trovare impreparate! Ecco quindi qualche consiglio last-minute per brillare la sera Capodanno. 

 

Il Rosso - Partiamo dal colore per eccellenza di queste feste. Caldo, iperfemminile e mai banale. La tradizione vuole che si indossi almeno un accessorio rosso fuoco, ma per cambiare, declinatelo nelle altre sue nuànces, come il bordeaux. La parola d'ordine è "osare" con un total look da abbinare ad accessori gold: vi trasformerete nelle regine della serata.

 

Il Nero - Come dimenticare un grande classico. Questo autunno/inverno si è guadagnato le vetrine dei negozi, ed è stato riadattato per ogni tipo di look. Stupirete tutti con un "little black dress"... in pelle! In alternativa, le più romantiche, saranno elegantissime in un morbido tubino, che lascia scollata la schiena. Da provare!

 

Le Pailettes - A chi, invece, non può rinunciare ai giochi di luce, propongo uno stile giovane e sexy. Non passerete inosservate, indossando un mini-dress tempestato di pailettes. Oro o argento? Siete libere di scegliere. Sopra, però, una giacca nera. Che chic!

 

 

La Camicia - Per gli stilisti è la protagonista dei vostri guardaroba. Rigorosamente bianca, non dimenticatevi i bijoux da abbinare, come preziose maxi-collane dai colori forti. Super glamour!

 

Mini o Longuette - Con i dettagli in pizzo è perfetta. Oppure, impalpabile con tanti strati di tulle o plissettata. Optate per il nero, il grigio, l'argento o il rosso, ma se volete seguire il trend di stagione, via libera al tartan! E mi raccomando, fatela vostra, con dècolletès metal o ankle boots. Fa-vo-lo-se! 

 

Non vorrei avervi confuso le idee, ma la moda oggi propone davvero moltissimi look, il vostro compito è quello di scegliere quello più adatto a voi: libero sfogo alla fantasia e siate uniche! Buon anno!