Il progetto ZUMA nasce per caso, come spesso accade. Incontri fortuiti, stima dell'altro, bisogni comuni di espressione. La sete di "essere suono" attraverso i suoni. La sala prove come tempio assoluto, lavorare con lentezza. Tre uomini e il loro silenzio, forse timidi, forse ammaliati da quell’idea di suono. Sette brani che nascono immediatamente, dopo sole 3 ore. Come fiori nel deserto. Non li cercavamo. Tre uomini diventano cinque. Diversi e identici. Affinità umane e chimica assoluta. Meno è più, lo scopriamo svuotando i brani fino a portarli al nucleo di ciò che vogliono comunicare. Ecco la nostra privatissima orchestra della polvere.
 
 
LESS IS MORE (Viceversa Records/Audioglobe)
 

La storia di Less is more è parallela a quella degli Zuma. Anzi, probabilmente decidiamo di suonare insieme proprio per dare vita a questo disco, dato che all'origine l'attività live non è stata per niente presa in considerazione. Crediamo che questo sia accaduto perché le nostre esperienze discografiche erano state quasi tutte dei "live in studio", una trasposizione in disco dei pezzi che avevano prima suonato dal vivo.

Le composizioni di Less is more invece, anche se nate comunque in sala prova, in questa sede restano solo degli appunti da completare poi in fase di registrazione ed ascolto.

La sede di Zen Arcade, lo studio di Marcello Caudullo, che all'inizio avevamo chiamato solo in veste di produttore e fonico è stata la sede dove le canzoni hanno assunto la loro forma attuale. I brani, rimasti a lungo delle bozze, sono maturati man mano con la collaborazione di Marcello che per primo ha imbracciato i suoi strumenti per colorare alcuna parti, di Tony del Mastro che ci ha regalato la sua tromba in "son of a beach" e di una quantità industriale di lapsteel che Carlo Natoli ci ha lasciato in regalo dicendoci "usate quelle che volete, scegliete le migliori".

 

Anche il lavoro sulle voci è stato completato man mano. La gestazione così lunga non è stata dovuta alla ricerca di chissà quale perfezione: le sezioni di registrazione, i missaggi, gli ascolti sono stati piacevolmente dilatati nel tempo, messi quasi a decantare in attesa del momento giusto per essere assaporati. Rain song e Ourselves hanno una storia diversa. Il primo brano è nato da un appunto registrato nel bagno di casa di Giuseppe durante una piovosa notte insonne, editato da Marcello e cantato da Dino. Il secondo è una lunga introduzione che abbiamo utilizzato come brano di apertura dei live. La sua registrazione ci è stata donata da Luca Recupero, incaricato tecnico del suono del live alla Lomax.

 

Il titolo del disco è una massima di Mies Van Der Rohe da lui riferita al design, una frase che usiamo spesso, sia in fase di composizione che riferita alle nostre vite: meglio poco ma di buona qualità.

 

Per seguire gli ZUMA potete collegarvi sul sito ufficiale www.zumamusic.it o sulla pagina Facebook: MoonTheZooma

 

Per ascoltare i brani collegatevi QUI

 

[a cura di Giuseppe Lombardo]

 

Il 2014 appena inaugurato si rivelerà ben presto come un anno musicalmente ricco di novità. In questi lunghi dodici mesi saremo letteralmente invasi da tanti nuovi artisti che stanno via via emergendo nell'ambito discografico, mentre le nostre piazze si illumineranno delle decine e decine di concerti già programmati per i giorni a venire.

 

Ecco dunque quali saranno i migliori concerti a cui sarà impossibile sottrarsi! A cominciare dagli Aerosmith, che nella data del 25 giugno prossimo presenzieranno in quel di Rho (Mi) per esbirire al grande pubblico i loro brani più recenti; pochi giorni prima saranno però preceduti dai Black Sabbath, il cui concerto fissato per il 18 giugno all'Unipol Arena di Casalecchio di Reno (Bo) si pone sin da ora come tra i più attesi dell'anno.

 

Con una tonalità un po' più bassa, ma comunque forte di una voce che sa essere dolce e potente nello stesso momento, tornerà alla ribalta la grande Elisa pronta a trascinare per l'Italia intera il suo "L'anima vola Tour": tra le principali occasioni la vedremo nella giornata del 5 marzo prossimo in quel di Rimini, il 10 marzo al Palaolimpico di Torino, il 15 al Palalottomatica di Roma, il 16 a Bari, mentre il 24 e il 25 marzo si presenterà dinanzi al pubblico del forum di Assago (Mi). Sulla stessa lunghezza d'onda in quanto a simbolo della musica italiana è lei, Giorgia, tornata in auge con un duo di canzoni ("Mentre una stella muore" e "Pregherò") che stanno riempiendo di sole queste nostre buie giornate d'inverno: il tour di Giorgia vede attualmente incluse le date del 3 maggio prossimo, in occasione della quale sarà presente a Padova, il 7 a Bologna, il 10 ad Assago (Mi), il 17 a Roma, il 20 al PalaPartenope di Napoli e il 25 all'Arena di Verona.

 

Rimanendo nell'ambito della musica made in Italy scorgiamo il volto di Ligabue, che dopo una chiacchieratissima esibizione sul palco dell'Ariston è pronto per calcare la scena attraverso una fitta serie di date dal sapore estivo: il 30 e 31 maggio sarà allo Stadio Olimpico di Roma, il 6 e 7 giugno allo Stadio San Siro di Milano, l'11 e 12 giugno a Catania. Di più antica memoria ma non per questo meno valida è invece la sua voce, quella di Loredana Bertè, che reduce dal concerto del 17 febbraio scorso tenutosi in quel di Milano si sta già preparando per la data del 3 marzo prossimo nell'ambito della quale si esibirà al Teatro Europauditorium di Bologna.

 

Rock e Metal troveranno concretezza nel concerto dei Linkin Park programmato per il 10 giugno prossimo all'Ippodromo City Sound di Milano; ma questi due generi musicali si paleseranno con ancor più impeto in occasione della data del 1 luglio, giornata nella quale i Metallica scateneranno il pubblico romano accorso al Postepay Rock. Per la gioia delle ragazzine italiane, ecco che nel bel mezzo dell'estate 2014 anche i One Direction approderanno in Italia e più in particolare lo faranno attraverso un duo di date: il 28 e 29 giugno a Milano (Stadio San Siro) ed il 6 luglio a Torino (Stadio Olimpico).

 

Torniamo a celebrare la musica italiana, e quale miglior modo per farlo se non accogliendo il ritorno del Blasco nazionale? Vasco Rossi si esibirà il 25, 26 e 30 giugno a Roma; il 4, 5, 9 e 10 luglio al San Siro di Milano. Samuele Bersani (altro volto noto della musica nostrana) sarà invece il 14 marzo al Teatro Colosseo di Torino, il 21 a Roma, il 28 a Bologna e il 10 aprile a Milano.

 

E concludiamo la carrellata dei principali concerti del 2014 attraverso due grandi gruppi di calibro internazionale: a partire dai Thirty Seconds to Mars (il 19 giugno al Palaolimpico di Torino ed il giorno dopo all'Ippodromo di Roma), per poi proseguire con i Skunk Anansie (il 19 marzo a Roma, il 20 a Bologna, il 22 al Gran Teatro Geox di Padova). Per maggiori informazioni su tutti i concerti Nazionali è possibile visitare il sito www.onstageweb.com

 

Oggi parliamo di un artista emergente, che si sta facendo pian piano strada nel mondo del rap, genere molto gettonato negli ultimi tempi in Italia. Il ragazzo che vi presentiamo si chiama Claudio Cacace, in arte Luxor. Scopriamo insieme la sua storia e la sua musica.
Il 1° Novembre al Medimex di Bari è stato presentato l’album “Prendi Fiato” , il nuovo lavoro di Molla con l’etichetta Auand Songs e il sostegno di Puglia Sound. Dopo il successo di Barbie ‘83, Molla torna con il nuovo singolo “Via Brioschi 62” che vede la straordinaria partecipazione di Erica Mou; il videoclip è già in rotazione su Mtv. "Brioschi 62 è una via di Milano - spiega l'artista - è il ritrovarsi di fronte alle scelte, è la voglia di rischiare e buttarsi nelle cose". E come spesso accade nelle sue canzoni, ancora una volta ci si trova di fronte agli interrogativi della crescita: "Una valutazione dei sentimenti, tra quello che si ha e quello che si potrebbe avere cambiando casa, città o colori di capelli".

Finalmente la musica supera le barriere generazionali in questa nuova era 3.0 per la musica che naviga su iTunes, YouTube, Deezer e raggiunge la dimensione delle accoppiate vincenti con duetti misti e spesso apparentemente improbabili (vedi Club Dogo con nuova versione “dark lady” di Arisa). La realtà è che proprio il rap ha sdoganato i duetti “trend” anche in Italia, fino a vent’anni fa prerogativa della musica leggera italiana (Eros Ramazzotti, Laura Pausini e Andrea Bocelli, che hanno duettato con star del calibro di Tina Turner, Céline Dion, Ray Charles, James Blunt, Michael Bublè e Kylie Minogue).