Scegliere il nome del proprio bambino, è una tappa importante per la coppia che si prepara a diventare genitori! Molto spesso questi esplodono in tutta la loro fantasia e creatività, affibiando ai propri figli nomi che potremmo definire alquanto eccentrici! Ma come si suol dire "de gustibus non disputandum est"! Scopriamo ora insieme i nomi più strani al mondo dati dai genitori ai propri figli.

Non sapete disegnare? Bhè, allora forse non siete poi così intelligenti. O non c'è correlazione. Non possiamo di certo dirlo noi, ma Il Centro di Psichiatria Genetica e dello Sviluppo del King's College di Londra che ha pubblicato sulla rivista Psychological Science i risultati di una ricerca che mette in mostra quella che sarebbe una corrispondenza genetica nei bambini tra la capacità di disegnare e l'intelligenza.
 
Se in Italia esistono dei bonus per le neomamme (che in molte poi non percepiscono o perché non ne fanno domanda o perché hanno superato il reddito massimo per poterlo percepire), in altri Paesi d'Europa, ci sono anche altre forme di solidarietà che intervengono in aiuto delle nuove mamme. In Finlandia, per esempio, dal 1930, lo Stato (il Kela, in realtà, che corrisponde alla nostra INPS) invia a tutte le neomamme, attraverso il servizio postale, una scatola di cartone abbastanza grande da farci dormire dentro il proprio bimbo appena nato. Ebbene, in questa scatola di cartone c'è tutto il necessario per prendersi cura del proprio neonato, oltre ad essere un lettino. Parliamo di un regalo che, all'inizio, era stato pensato solo per le famiglie più indigenti ma che poi, dal 1949, è stato esteso a tutti i bambini appena nati, senza distinzione di ceto sociale. 
Il momento in cui a casa arriva un bambino, frutto dell'amore di un uomo e di una donna che hanno deciso di metter su famiglia, è davvero speciale. Tuttavia, spesso, l'ansia di dovergli dare il meglio possibile induce i neo mamma e papà a cadere vittime dei tranelli del marketing e della pubblicità e inducendoli dunque ad acquistare spesso delle cose inutili, delle quali realmente non si ha bisogno e che vanno ad incidere, dunque, non solo sul bilancio familiare, ma anche sull'ambiente.

In vista del prossimo Natale 2014, Trudi, che quest'anno compie 60 anni, ha deciso di creare una splendida collezione di peluche perfetti per essere regalati a tutte le persone care che amiamo profondamente.