28 Nov

Il coraggio d'ogni donna

Scritto da  |

“Per una donna uno dei momenti più belli della vita è quel trascorso che parte dalla consapevolezza d'essere incinta all'ultima spinta prima di diventare mamma”.

Questa è la regola generale che il silente senso comune tramanda da generazione a generazione.

Il diventare mamma è sempre stato quel momento catartico nel quale la realizzazione e i sogni da bambine d'ogni donna, trovano la massima realizzazione emotiva e personale. 

Ma abbiamo mai pensato, però a tutte coloro che questo “semplice” momento purtroppo, non riescono a viverlo? 

A quante donne bisognerebbe dare voce, per tutte quelle volte che occhi delusi e colmi di lacrime hanno fissato test di gravidanza negativi

La disperazione spesso dà speranze fragili in una doppia sfumatura rosa leggera, all'interno di quel secondo quadratino. 

Non è difficile raccogliere testimonianze di decine e decine di donne, che pur d'accendere un ulteriore augurio di essere mamme, come dovrebbe essere giusto e normale per ogni donna, sono disposte a soffrire, a sottoporsi a test invasivi, pur di riuscire a capire come e cosa minaccia un desiderio naturale d'amore di genitori felici e non solo.

Donne, soldatesse di una guerra più grande e dolorosa, che lascia dubbi o risposte insicure, in un cammino burrascoso. 

Eroine senza corazza, vincitrici verso destini e fato. 

Donne piene di forza, anche con gli occhi gonfi e la schiene dolorante, amanti della vita nella speranza di un futuro felice, che renda giustizia ad un desiderio forte a volte incolmabile. 

 

 

Non bisogna andare tanto lontano, per ritrovare famiglie che commettono peripezie pur di riuscirci. 

Donne “come noi”, vicine di casa o commesse del supermercato di fiducia, che nel loro privato, spesso con vergogna nascondono il desiderio di donare amore incondizionatamente.

Da giorni, riviste, mass media e social network scrivono di donne che forse in tarda età “decidono” di colorare d'azzurro o rosa la loro vita, ma ci siamo mai chieste prima di un facile giudizio, anche silente o fatto tra noi e noi, cosa c'è dietro a tanta fierezza e sicurezza nell'annunciare l'arrivo di una nuova vita? 

Forse, proprio lì, di fianco a voi, care mamme, ci sono occhi sofferti di donne, che non riescono ad essere “complete” come voi...  Allora io direi “Il divenire mamma è la possibilità di raggiungere l'apice della più alto della gioia e della felicità, ma il desiderio di volerlo essere è in sé il gesto più eroico e coraggioso che una donna possa commettere”.

 

Letto 3339 volte Ultima modifica il Lunedì, 07 Gennaio 2013 14:49
Vota questo articolo
(7 Voti)
Chiara Ambroselli

Amo la dinamicità, il sorriso curativo delle persone, ma più di tutto adoro quell'impeto magico che mi travolge l'anima quando incomincio a scrivere. 

Ho amato la scrittura e la letteratura, da quando ho scoperto, cosa l'inchiostro di una biro potesse comporre su un foglio bianco. 

Mia madre racconta che da piccola ho parlato e camminato tardi, io sostengo che fomentavo il lungo cammino, da condurre e cosa scrivere sul diario di bordo.

Il merito d'aver avuto coraggio nel cimentarmi nella scrittura, lo devo a mia madre, che non ha mai smesso di ripermi, che avevo delle qualità nascoste, non smetterò mai di ringraziarla.

Amo leggere e scambiare opinioni su qualsivoglia argomento. Credo che la bellezza del giornalismo stia nel riportare, durante gli articoli, la voce delle persone e le reali problematiche, della gente che scende in piazza.

Mi auguro che i miei articoli possano piacere a tutti indipendentemente dal sesso o dall'età.

Grazie comunque per ogni condivisione e replica costruttiva al mio personalissimo pensiero, contenuto in ogni articolo.

Auguro a tutti buona lettura

Sito web: twitter.com/Chiarettayubi