Sin dal primo giorno di vita, durante l’arco della  propria giornata, la mamma e il suo dolce angioletto devono imparare a ritagliarsi una piccola parte di tempo, dove in tutta tranquillità, scambiarsi l’amore che provano l’uno per l’altro, i sensi sono infatti il primo modo di comunicare tra mamma e bebè e il tatto il primo modo del nostro bimbetto di conoscere la propria mamma, il suo corpo, oltre che a sentire tutto l’amore che lei prova per lui.

Importante è scegliere con estrema cura ogni piccolo particolare per rendere il tutto il più piacevole possibile, la temperatura della stanza per esempio: non deve essere fresca, il bimbetto non deve percepire nessuno stress e il fresco è uno stress per il nostro piccolo amore, se invece siamo in estate e abbiamo un bel giardino… perché non fargli un bel massaggino all’ombra di qualche alberello con il canto di qualche bellissimo uccellino a fare da contorno al tutto?

Altrettanto importante è l’orario, mai scegliere di eseguire il massaggio nelle ore legate alla pappa e tanto meno quelle legate al post pappa. Questo perché le ore legate al pre-pappa sono un po’ tormentate dal pancino che chiede la pappa e non vede l’ora di essere saziato e il post … be avete mai visto un bambino piccolo dopo una scorpacciata di buona pappa? E’ in pratica rimbambito dal cibo e la digestione lo spossa talmente tanto da desiderare poi solo una sana nannona.

Una volta scelta l’ora e il posto, armiamoci di tanti asciugamani morbidissimi e di un buon olio da massaggio per i bimbetti: ottimo e quello della Mustela, che idrata e protegge la pelle del bimbo ed è adatta a lui sin dal primo giorno di vita, usata dopo il bagnetto o per un massaggio pomeridiano rilassante, un consiglio per le mamme è quello di provarla anche loro, lascia la pelle meravigliosamente vellutata a qualsiasi età: io la uso sempre sia per Matti sia per me.

Bisogna anche ricordarsi che nell’arco del primo mese di vita il massaggio deve essere veramente delicato come semplici carezze e che la zona del pancino non bisogna mai toccarla per via dell’ombelico che piano piano va cicatrizzandosi.

E se poi vogliamo qualcosa di particolarmente intimo e speciale perché non proviamo il massaggio shantala? Il massaggio indiano per bambini, che è una delle più antiche e tradizionali arti indiane , tramandata da madre a figlia durante il periodo della gravidanza. 

E per terminare: un buon massaggio oltre che rilassare, aiuta a eliminare i cattivissimi gas intestinali che poi sono le cause delle colichette gassose.

 

Il massaggio per comunicare il proprio amore. 

Per la nascita della mia prima figlia ho scelto di seguire una linea generale incentrata sulla natura, volevo che lei arrivasse in questo mondo e fosse accompagnata nei suoi giorni nella maniera più dolce e armoniosa possibile: scelsi di partorire in casa, preparare la sua cameretta o di vestirla con tessuti naturali, di usare specifici prodotti per la cura del corpo o per l’alimentazione.
Seguivo corsi di yoga per le mamme in dolce attesa e proprio durante uno di questi corsi mi suggerirono di leggere due libri:
Per una nascita senza violenza e Shantala, entrambi di Fredrerick Leboyer.
Libri meravigliosi e che consiglio a ogni mamma in dolce attesa.
Mi sono da subito innamorata del libro sul massaggio shantala, della sua meravigliosa storia: basta pensare che questa bellissima tecnica indiana è tramandata da madre a figlia nel momento della gravidanza.
E possibile imparare la tecnica seguendo proprio il libro stesso dove è spiegata benissimo: io ho potuto iniziare in pratica a farlo da subito alla mia bimba che oggi ha diciassette anni e ancora oggi quando è particolarmente tesa mi chiede di fargli un massaggio.

 

massaggio-shantala


Leboyer nel libro parla anche dell’importanza del massaggio e indipendentemente dai percorsi che ognuno decide di fare, ogni mamma dovrebbe tenere presente che i nostri bimbi hanno la necessità di questo tipo di contatto fisico: mezzo meraviglioso per comunicare tutto l’amore che abbiamo per loro, fino a poco tempo prima i due corpi erano un tutt'uno dopo il parto avviene una sorta di separazione pesante sia per il bambino sia per la mamma.
Un rapporto intimo che con il massaggio si può ricostruire rimettendo i ponti interrotti.
Importante anche sapere e tenere presente che il massaggio aiuta a prevenire anche la formazione dei gas nel pancino che poi sono la causa delle dolorosissime colichette.
Insomma non vi resta che prova questo bellissimo gesto d’amore.

Qui trovi altre tecniche di massaggio per il tuo bambino