15 Set

I neonati della Finlandia dormono nelle scatole di cartone, ecco perché

Scritto da  |
Se in Italia esistono dei bonus per le neomamme (che in molte poi non percepiscono o perché non ne fanno domanda o perché hanno superato il reddito massimo per poterlo percepire), in altri Paesi d'Europa, ci sono anche altre forme di solidarietà che intervengono in aiuto delle nuove mamme. In Finlandia, per esempio, dal 1930, lo Stato (il Kela, in realtà, che corrisponde alla nostra INPS) invia a tutte le neomamme, attraverso il servizio postale, una scatola di cartone abbastanza grande da farci dormire dentro il proprio bimbo appena nato. Ebbene, in questa scatola di cartone c'è tutto il necessario per prendersi cura del proprio neonato, oltre ad essere un lettino. Parliamo di un regalo che, all'inizio, era stato pensato solo per le famiglie più indigenti ma che poi, dal 1949, è stato esteso a tutti i bambini appena nati, senza distinzione di ceto sociale. 
 
Con la spedizione del pacco, chiamato in lingua autoctona “äitiyspakkaus", il tasso di mortalità infantile è sceso drasticamente. Per poterlo ricevere, le future mamme, al quarto mese di gravidanza, devono sottoporsi ad una visita prenatale presso una struttura medica che orienta tutte le mamme verso l’assistenza sanitaria anche dopo il parto, prendendo poi contatti sin da subito con medici ed infermieri della struttura medica.
 
 
Il pacco prenatale contiene: 
 
  • Materasso, copri materasso, lenzuolo di sotto, copripiumino, coperta, sacco a pelo / trapunta
  • Tuta da neve, cappello, guanti e stivaletti impermeabili
  • Abito con cappuccio e una tuta leggera fatta a maglia
  • Calze e guanti, cappello e passamontagna
  • Body, tutine e leggings in colori e modelli unisex
  • Asciugamano con cappuccio da bagno, forbicine per le unghie, spazzola per capelli, spazzolino da denti, termometro da bagno, crema, salviettine igieniche
  • Pannolini di stoffa 
  • Libro illustrato e giocattolo dentizione
  • Coppette lavabili per il reggiseno, preservativi
 
Le mamme possono scegliere, in alternativa al pacco, un bonus in soldi di circa 140 euro, sebbene le mamme sembrino preferire il pacco in quanto il suo contenuto vale molto di più. 
 
 
 
 

Letto 1698 volte
Vota questo articolo
(9 Voti)
Simona Vitale

Nata a Napoli nel 1982, amo la cultura, la legge e il giornalismo. Laureanda in Giurisprudenza, mi divido fra le mie grandi passioni sia nel lavoro che nella vita. 

 

Facebook: Simona Vitale