15 Apr

Tiramisù ai frutti rossi

Pubblicato in Cucina

Per questo fine settimana volevo preparare un dolcino buono ma leggero cosi mi sono imbattuta in questo tiramisù ai frutti rossi... Cosa ne pensate???


Ingredienti :
250 g di yogurt al naturale
200 g di ricotta light
100 ml di panna
biscotti q.b
100 ml di succo d'arancia
1 cucchiaino di aroma alla vaniglia
50 g di zucchero a velo oppure 2 cucchiaini di stevia granulare

 

 

 


Preparazione:
Per prima cosa montiamo la panna e teniamola in frigo. Ora mescoliamo lo zucchero, lo yogurt e la ricotta, aggiungiamo l'aroma di vaniglia e incorporiamo la panna montata.
I frutti rossi vanno frullati grossolanamente, se sono freschi e maturi non hanno bisogno di zucchero, altrimenti aggiungetene lo zucchero a vostro piacere.
Ora componiamo gli strati:
Mettiamo sul fondo un po' di crema, poi uno stato di biscotti immersi nel succo d'arancia e copriamo con la crema continuiamo fino alla terminazione degli ingredienti.
Decoriamo la superficie con i frutti rossi e delle scaglie di cioccolato fondente.
Questa preparazione si presta benissimo per delle mini porzioni.


Possiamo usare la frutta che più ci piace, come ad esempio dell'ananas cotta prima un po' in padella con un cucchiaio di zucchero e sfumata al rum.

 

Potrebbe interessarti anche: Variante siciliana del classico Tiramisù: Il Tiramisù al pistacchio

 

‘Ciao ciao’ ghiaccio marino. Tre milioni di firme a 4 km di profondità per salvare l’Artico.

Il ghiaccio che ricopre il Polo Nord, nel 2050, non ci sarà più. Secondo studi effettuati dai ricercatori della NOAA e dell’Università di Washington, il momento esatto in cui il bianco mantello artico si scioglierà, a partire dai periodi estivi e per sempre, è databile nel decennio compreso tra il 2025 il 2035. Quindi, contando la capacità che ha il tempo di correre velocissimo verso il futuro, nell’imminente domani il Polo nord potrebbe perdere il suo spettacolare aspetto glaciale e trasformarsi in qualcos’altro. I cambiamenti climatici e lo sconsiderato agire umano sono la causa dello scioglimento artico, una trasformazione eco-sistemica e ambientale di proporzioni gigantesche. Da anni, ormai, si sente parlare della necessità, “vitale e improrogabile”, di fare qualcosa per impedire un simile evento. Eppure, come se niente fosse, alcune tra le più grosse compagnie petrolifere, senza troppi scrupoli, sono già tutte in file per sfruttare l’opportunità offerta dal continuo scioglimento dei ghiacci artici che, assottigliandosi, permetterebbero di trivellare con più facilità il terreno alla ricerca di petrolio. Ma oggi, per fortuna, l’umanità può farsi sentire, dire la sua e schierarsi nel tentativo di far capire ‘meglio’ ai governi leader che la necessità di ‘cambiare’ e di vietare lo sfruttamento del territorio artico non è più prorogabile. Gli interessi non devono più essere solo e sempre economici. “ … L’Artico non appartiene né a governi né a multinazionali, è patrimonio comune dell’umanità e le compagnie petrolifere non possono metterlo in pericolo”. Sono queste le parole di Ezra Miller, l’attore statunitense della spedizione Aurora che, insieme a Renny, Kiera, Josefina, alle guide polari, ai tecnici informatici e ai fotografi, ha raggiunto il punto più a nord del Pianeta per piantare la Bandiera del Futuro e la capsula con i nomi dei “Difensori Artici”, di quanti cioè hanno messo il loro nome a sostegno della creazione di un Santuario Globale per difendere l’Artico dalla pesca industriale, dalla guerra e dalle esplorazioni petrolifere. Dopo otto giorni di cammino sui ghiacci, sostenuti dalle firme dei tre milioni di persone che si sono schierate a favore di SaveTheArctic, il team Aurora ha lasciato cadere bandiera e capsula a 4 km di profondità, sul fondo dell’Oceano, per reclamare I’Artico patrimonio di tutta l’umanità. “Piantando questa bandiera – Sostiene ancora Ezra Miller – Speriamo di ispirare all’azione i giovani di tutto il mondo, così come i loro governi, affinché proteggano l’ultimo paradiso incontaminato del Pianeta”.
La spedizione Aurora è finita, ma la campagna a difesa dell’ecosistema artico, da parte dell’umanità, continua su www.savethearctic.org.

 

ricetta-fave-lattuga-mentuccia

 

MercoledìVeg con Fave Fresche, Lattuga e Mentuccia.

Ingredienti per 4 persone:
- 500 gr di fave fresche sbucciate;
- 6 foglie di lattuga romana;
- 1 mazzetto di mentuccia;
-1/2 cipolla;
- olio extravergine d’oliva, sale e pepe.
Preparazione:
Affettate finemente la cipolla e ponetela a rosolare con l’olio in un tegame. Lavate bene e poi asciugate la lattuga, tagliatela a listarelle e unitela alla cipolla. Lasciate appassire la lattuga a fuoco basso, quindi aggiungete le fave e le foglie di mentuccia. Ora salate, pepate e continuate a cuocere a fuoco basso e a recipiente coperto unendo, ogni tanto, qualche cucchiaio di acqua bollente. Assaggiate e finite la cottura secondo il vostro gusto personale.

 

Leggi tutti gli articoli e le ricette del Mercoledì Veg

 

19 Apr

Strudel di verdure

Pubblicato in Cucina

Ci stiamo avvicinando al 25 aprile “festa della liberazione” e come di consueto ci si prepara per le gite fuori porta e per i miei adorati picnic... Oggi vi propongo una ricetta perfetta per essere portata all'aperto lo Strudel di verdure... Se vi interessa qualche altra ricetta per l'occasione chiedete pure, ne ho tantissime...

 

Ingredienti:
1 rotolo di pasta sfoglia o brisè

1 Melanzane
1 Carota
1 Zucchina
1 Peperone
1 Cipolla
1 uovo
50 g emmental
30 g di grana
Olio di oliva q.b.
Sale, pepe

 


Iniziamo preparando il ripieno: tritiamo la cipolla, le zucchine, le carote, il peperone e la melanzana (privata di parte della polpa, per evitare che tiri fuori troppa acqua) a listarelle. Facciamo soffriggere la cipolla con un filo d'olio e aggiungiamo le verdure in base al loro tempo di cottura, quindi prima le carote, poi il peperone ed infine la zucchina e la melanzana. Se necessario per aiutare la cottura possiamo aggiungere un mestolino di brodo o dell'acqua, saliamo e pepiamo.
Una volta cotte le verdure se ci dovesse essere del liquido in eccesso lo togliamo e le lasciamo raffreddare.
Ora stendiamo la pasta che ricopriamo con le verdure, avendo cura di lasciare 5cm su ogni lato, spolverizziamo con l'emmental e il grana. A questo punto arrotoliamo lo strudel aiutandoci con la carta forno e chiudiamo il pacchetto alle due estremità in modo che non fuoriesca il ripieno. Spennelliamo con l'uovo e cuociamo in forno caldo a 180° per circa 40 minuti.

 

Potrebbe interessarti anche: Crocchette di pollo come nei fast food

 

Oggi vi presento un ottimo dolce... Senza bisogno di accendere il forno avremo una fantastica crostata alla crema con frutta fresca. Sono sicura che una volta provata diventerà il vostro cavallo di battaglia...


Per la base


350 g di biscotti secchi

60 g di burro morbido

 

Per la crema


400 g di formaggio spalmabile a temperatura ambiente

240 g di lemon curd *
frutta a piacere (in questa stagione fragole e kiwi)

 

Ricetta-crostata-crema-frutta

 

Per prima cosa mettiamo i biscotti nel robot da cucina e tritiamoli finemente, dopodiché aggiungiamo il burro praticamente sciolto. Riavviamo le lame fino ad avere un composto sabbioso. Con il composto ottenuto modelliamo una base omogenea su una teglia da crostata, possibilmente con un fondo removibile o a cerniera. Ricordandoci di fare bene anche i bordi.


Mettiamo in freezer per almeno 40 minuti.


Mentre la nostra crostata è in freezer prepariamo la crema. Amalgamiamo con delle fruste, meglio se elettriche, il formaggio spalmabile con il lemon curd fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo.
* Il lemon curd è una crema a base di limone molto usata in Inghilterra, può essere sostituita con una crema pasticcera bella densa aromatizzata con buccia e succo di limone.
Tiriamo fuori la base dal freezer e sformiamola subito sul piatto da portata mentre è ancora ben fredda e solida, versiamoci sopra tutta la crema preparata e decoriamo la superficie con la frutta lavata e ben asciutta.
Potete preparare la torta il anticipo ma vi consiglio di mettere la frutta solo all'ultimo per evitare che si annerisca, potete decorare la torta anche con delle fette di limone caramellate o di arancia se sostituite la crema al limone con una all'arancia.

 

Potrebbe interessarti anche: Tiramisù ai frutti rossi

 

04 Mag

Dessert light

Pubblicato in Cucina

Finalmente inizia la bella stagione e si avvicina sempre più la temutissima prova costume così iniziamo a preparare delle ricettine gustose ma che non ci facciano ingrassare... Iniziamo con un gustosissimo dessert light che conosciamo bene con veramente poche calorie...

 

Ecco gli ingredienti:

125 ml di yogurt naturale 0,1% di grassi 1 cucchiaino di miele
2 cucchiai di cereali integrali
2 cucchiai di panna senza zucchero
frutta 

 


Prendiamo le ciotoline in cui intendiamo comporre il dolce, mettiamo sulla loro base 1 cucchiaio di cereali mescolati al miele. Ora prepariamo la crema mescolando lo yogurt, che può essere del nostro gusto preferito, con della panna montata possibilmente senza zucchero, cercando di ottenere una crema vellutata. Creiamo la copertura con della frutta tagliata a dadini che può essere utilizzata così oppure sciolta in padella con un cucchiaino d'acqua e un pizzico di zucchero.
Ora componiamo il dolce: prendiamo la base ai cereali, versiamoci sopra la crema allo yogurt ed infine il topping alla frutta. Mettiamo in freezer per almeno 50 minuti.
Il quantitativo degli ingredienti è per 2 ciotoline.
Il dolce cosi composto devrebbe avere all'incirca 140 cal, se vogliamo abbassarle ulteriormente possiamo togliere il miele dai cereali. Il topping può essere composto dalla frutta che più ci piace e se volessimo leggermente esagerare al posto della frutta possiamo mettere qualche scaglietta di cioccolato fondente.
Non vi ricorda un famoso gelato di qualche anno fa???

 

Potrebbe interessarti anche: Crostata alla crema con frutta fresca