Saper riutilizzare gli avanzi è un’arte che tutte le donne dovrebbero conoscere. Questo perché porta con sé due grandi vantaggi nella gestione familiare: permette di risparmiare soldi e tempo.

Perché? Ecco alcune valide MOTIVAZIONI:

•ogni volta che buttiamo via qualcosa, gettiamo nel cestino anche i nostri soldi;

•più riusciamo a riciclare gli avanzi per i nostri pasti, meno roba dovremo comprare al supermercato;

•riscaldare qualcosa che è già stato preparato in precedenza richiede molto meno tempo e fatica rispetto a preparare un piatto da zero;

•hai meno piatti e pentole da lavare;

•se sei stanca o di corsa, avere già la cena pronta (perché riciclata) può farti senz’altro piacere;

•se ricicli gli avanzi come pranzo per il giorno dopo al lavoro, potrai evitarti di spendere soldi al bar o al ristorante.

Per questi e per altri motivi... gli avanzi devono avere un ruolo di tutto rispetto in cucina.

Ma come gestirli? Ecco poche semplici dritte. 

 

1. ABBONDA. Cucinare è un’attività che richiede tempo ed energie. Per cui, quando lo fai, prepara porzioni più abbondanti rispetto a quelle che ti servirebbero per un singolo pasto. Quello che avanza mettilo in frigo o in freezer, sarà già pronto per un’altra occasione. Potrai riciclarlo così com’è o reinventarlo in qualcosa di leggermente diverso.  

 

2. ORGANIZZA gli avanzi. Prevedi già a inizio settimana in quali giorni potrai usarli per preparare un pasto. Magari, se sai già di avere una serata in cui tornerai a casa dal lavoro particolarmente tardi, potrebbe essere una buona occasione.

 

3. SCRIVI un ricettario ad hoc. Prendi un quaderno e annota una serie di tue ricette tipiche con le quali ricicli gli avanzi. Ad esempio: le verdure grigliate della sera prima possono diventare un ottimo condimento per un’insalata di pasta, le patate bollite possono trasformarsi in uno sformato, l’arrosto di ieri può essere tagliato sottile sottile per farcire un panino. Annota tutte le tue idee man mano che ti vengono, ti tornerà senza dubbio molto utile in tante occasioni. Per semplicità, puoi organizzare il tuo quaderno in sezioni: “Come riciclare le verdure”, “Come riciclare la carne”, “Come riciclare la pasta”, e così via.

 

Naturalmente, tutte queste accortezze puoi usarle anche per gli alimenti in scadenza. Tira fuori dalle tue credenze quello che sta per scadere (i prodotti già scaduti è meglio che li elimini). Metti tutto sul tavolo e cerca qualche soluzione creativa per riciclare questi vari elementi. Fai finta di essere uno di quei cuochi dei programmi televisivi a cui vengono dati degli ingredienti misti dai quali tirar fuori dei piatti. 

Ti sembrano consigli “fuori dal mondo”? Allora pensa a tutte le volte che compri qualcosa che è già preparato (ad esempio insalatone, pizze, lasagne, bistecche impanate). Di fatto, anche queste sono cose pre-cucinate, e oltretutto fatte da mani che non sono le tue (più spesso da macchine). Oppure, se inorridisci all’idea di tritare gli avanzi e di farne un ripieno per il polpettone, sappi che al supermercato è pieno di cose riciclate così. Nell’industria alimentare si butta via ben poco e si cerca di sfruttare tutto ciò che si ha (ovviamente nel pieno rispetto delle norme sanitarie!). 

E la stessa cosa vale al ristorante.

Convinta? Prova un paio di settimane a vedrai il risultato.

Buon riciclo!

 

Care amiche, se state cercando di eliminare quei fastidiosi chili di troppo, potreste avere il desiderio di conoscere l'elenco dei gadget da cucina che vi aiuteranno effettivamente a perdere peso. Forse suona strano, ma i gadget da cucina giusti possono effettivamente rendere più facile il taglio delle calorie e, di conseguenza, favorire la vostra dieta facendovi dimagrire. Scopriamo di quali utensili parliamo.

1. Cucchiai come misurini

Quando si cerca di perdere peso, i misurini sono un must. Di solito questi cucchiai non vengono usati ogni giorno, ma comunque sono estremamente utili. Ad esempio, i misurini si rivelano utili quando dovete dosare l'olio per l'insalata o il condimento per la pasta. Sviluppare l'abitudine di usare dei misurini ogni giorno vi aiuterà sicuramente.

2. Tazze come misurini

Un altro gadget da cucina che può aiutarvi a perdere peso può essere rappresentato dalle tazze. Avere tali misurini nella vostra cucina vi aiuterà ad ottenere le giuste porzioni da servire, garantendo il taglio delle calorie indesiderate. 

3. Una teglia per muffin

Una teglia per muffin è un gadget da cucina davvero must-have, soprattutto se si sta cercando di attenersi a una dieta sana. Ci sono diversi modi per utilizzare una teglia per muffin, realizzando grazie ad essa delle ricette davvero sane. Una teglia per muffin può servire cuocere tortine, di dimensioni inferiori rispetto ad una normale torta.

4. Piccoli piatti

Può essere difficile evitare di mangiare troppo quando si utilizzano grandi stoviglie. I piccoli piatti sono un gadget da cucina che vi aiuterà ad evitare di mangiare troppo e quindi vi consentirà di tagliare le calorie indesiderate. La grande notizia è che servire il cibo su un piatto più piccolo vi aiuterà a mangiare meno, senza che nemmeno ve ne accorgiate.

5. Fogli di alluminio

Forse sarete sorprese nel vedere un foglio di alluminio sulla lista dei gadget da cucina essenziali che possono aiutare a perdere peso. Ma quando si sta cercando di perdere qualche chilo, un foglio di alluminio può effettivamente tornare utile. Esso vi aiuterà a cuocere i cibi al forno, evitando le fritture. Inoltre, un foglio di alluminio può essere usato per i pacchetti monodose per i pasti.

6. Bilance

Questo incredibile gadget da cucina può fare miracoli. Non si può avere una giusta misura, se non si pesano i prodotti. Le bilance sono uno strumento necessario per coloro che spesso cucinano a casa e che vogliono mantenere il loro peso sotto controllo. Esse aiutano a conoscere la giusta quantità di cibo che si mangia e possono aiutare la perdita di peso.

7. Borse con chiusura lampo monodose

Potrebbe sembrare ovvio, ma spesso dimentichiamo i sacchetti con la chiusura lampo. Essi funzionano incredibilmente per realizzare degli spuntini sani. Questo significa che si mangerà una sola porzione di cibo, senza eccedere nelle quantità. Invece di prendere qualcosa di delizioso da un distributore automatico, prendete il vostro spuntino dalla borsa e tagliate le calorie indesiderate.

 

Kitchen-sutra: che posizione prendere in cucina?

Che la cucina sia da sempre terreno di sperimentazione e inventiva è ben noto a tutti. Profumi, spezie, ingredienti afrodisiaci e fantasia permettono di spaziare con l’immaginazione e dare vita a idee sempre nuove e piccanti. JUST EAT, il colosso mondiale della consegna a domicilio, ha realizzato un’indagine per sondare gli usi alternativi di questa area della casa.

Quasi l’80% degli italiani ha dichiarato che tra pentole e fornelli si sono consumati incontri “speziati” con il proprio partner. Sorprendentemente, ad amare la cucina sono più gli uomini (82%) che le donne (73%), forse perché l’universo femminile associa questo luogo più al dovere che al piacere?

Sarà per l’atmosfera accogliente e i tanti spunti afrodisiaci e giocosi, ma quasi il 25% del campione afferma di scegliere la cucina come terreno della propria passione ben una o due volte al mese. Discreto anche il numero dei “kitchen-addicted” che intensifica questa tendenza a una o due volte alla settimana. La cucina “alternativa” in linea di massima rimane un territorio piuttosto esplorato dagli italiani che, almeno una volta nella vita, l’hanno sperimentata in versione hard (29%). Piuttosto scarsa, invece, la percentuale dei tradizionalisti che varcano la soglia di questo luogo solo per mangiare (17%).

 

Sondaggio-abitudini-sessuali-cucina

 

Seguendo questo trend, JUST EAT ha chiesto ai propri utenti quali siano le posizioni preferite cui si dedicherebbero in cucina e ha stilato la simpatica classifica del kitchen-sutra . Medaglia d’oro alla posizione dello chef (26,5%) - con una predilezione particolare da parte dei cromosomi X (29%) - per una ricetta nuova ogni sera. In seconda posizione l’impastatore, perché un uso consapevole delle mani è sempre ben gradito. Sul terzo gradino del podio la posizione del lavapiatti, perché il lavello può offrire molteplici spunti creativi. Seguono il salumiere, il pizzaiolo, l’aiuto-cuoco e il fattorino.

“Gli italiani, si sa, amano molto la cucina. Ci siamo divertiti con questa curiosa indagine a scoprirne nuovi usi.Al di là dei dati più immediati, è emerso comeil cibo abbia svariate e molteplici implicazioni sulla vita quotidiana e quanto sappia stimolare tutti i nostri sensi”, ha dichiarato Benvolio Panzarella, Direttore Generale di JUST EAT. “Mangiare insieme crea intesa e complicità e, laddove dovessero mancare tempo o doti culinarie, il nostro servizio permette di ovviare al problema in pochi semplici click”, ha concluso Panzarella.

 

Potrebbe interessarti pure: Il sesso come medicina per tutti i mali


Rosso, bianco, rosato, liquoroso: il vino arricchisce le nostre tavole dalla notte dei tempi. La più antica e pregiata delle voluttà ci accompagna negli eventi più importanti della nostra vita, ma anche nel quotidiano, quando non si rinuncia al piacere e alla voglia di viziarsi, spendersi e abbandonarsi ai calici di nettare degli Dei.

Hai mai pensato di scrivere un “diario della cucina”? No? Allora dammi qualche minuto per mostrarti per quali motivi potrebbe essere un ottimo alleato per il tuo tempo e la tua gestione familiare.

Innanzitutto, possiamo dire che, essendo la cucina un posto dove passiamo molto tempo, avere un supporto che ci aiuti nel gestirla non sarebbe una brutta idea. 

E questo supporto deve essere pratico, facile da usare e fatto a misura della tua famiglia. Per iniziare, ti basta prendere un diario, o un’agenda o un quaderno, come preferisci. (Se hai tempo e voglia puoi anche decorarlo e personalizzarlo come ti piace ).

 

Quindi, cosa scriverci? E perché?

Quello che andrai ad annotare sono tutte le informazioni che devi ricordare in cucina e che ti permetteranno di risparmiare tempo ed energia, facendo scorrere tutto liscio come l’olio (e nel tran tran di tutti i giorni, avere qualcosa che scorre liscio come l’olio aiuta... eccome!). 

 

Ecco cosa puoi scriverci:

•il PLANNING DEI PASTI della settimana: quello che andrai a cucinare nei prossimi 7 giorni. Questo ti eviterà di trovarti senza idee alle 8 di sera o con avanzi inutilizzati che bisogna a malincuore buttar via. Ti aiuterà anche ad organizzare meglio la spesa, individuando di cosa hai bisogno;

•le tue RICETTE: quelle che hai inventato tu, le tue preferite, le tue variazioni alle ricette ufficiali, le ricette che hai trovato in giro e che vuoi provare. Non solo questo ti permetterà di ricordartele, ma sarà anche un’ottima arma di scorta nel caso rimanessi senza “ispirazione culinaria”;

•una SCHEDA per ogni membro della tua famiglia (marito, figli, ecc): cosa gli piace, cosa odia, se ha allergie o intolleranze. Queste sono cose importanti da ricordare! Anche perché i gusti possono cambiare, soprattutto coi figli, e tenere a mente tutto…è davvero difficile. Puoi prendere anche appunti su gusti e allergie di eventuali amici o parenti che ospiti spesso, per evitare spiacevoli inconvenienti;

•una TABELLA con frutta e verdura di STAGIONE: con questo aiuterai sia l’ambiente (sai che comprare prodotti fuori stagione inquina tantissimo?) che il portafoglio (le cose di stagione costano decisamente meno, ed è più probabile che vengano da coltivazioni italiane);

•una pagina del RISPARMIO: qui puoi scrivere i tuoi trucchi per risparmiare sulla spesa. Quali tagli di carne o quali pesci costano meno? Quali supermercati hanno i migliori prezzi? Cosa posso comprare al discount o nei mercati rionali? Quali trucchetti ho scoperto per risparmiare in cucina?

•E qualsiasi altra cosa ti possa tornar UTILE appuntare per gestire la tua cucina.

 

So che fino a questo momento hai tenuto tutte queste cose a mente, ma "come ben sai" la vita frenetica di oggi gioca alla nostra memoria brutti scherzi. Abbiamo talmente tante cose per la testa, che il black out è all’ordine del giorno. Il diario può aiutarti proprio per questo motivo. Diventerà il tuo registratore di tutto ciò che è importante ricordare in cucina.

E poi pensa, quando i tuoi figli saranno grandi glielo potrai “passare” come una preziosa eredità casalinga! 

 

Cerca di prendere l’abitudine di usare il tuo diario della cucina REGOLARMENTE. In questo modo potrà darti il massimo aiuto e diventerà quasi un divertimento!