22 Nov

Il segreto per non arrabbiarsi più (davvero)

Scritto da  |

Mini-sondaggio: alzi la mano chi si arrabbia almeno una volta al giorno. Quante donne provano quella BRUTTISSIMA sensazione che sale dallo stomaco e ti fa quasi venir voglia di gridare? Immagino già quante mani alzate.

Bene, la prima buona notizia è che siamo in tante a stare così, per cui... mal comune mezzo gaudio! La seconda buona notizia è che esiste il modo per non arrabbiarsi più. 

In realtà, arrabbiarsi e innervosirsi sono abitudini. Sono risposte automatiche che il nostro cervello fornisce in determinate situazioni. Ma quali situazioni? Beh, quelle che noi indichiamo al nostro cervello come situazioni “fastidiose”. Quindi, da una parte possiamo cambiare l’abitudine, cioè il tipo di risposta che automaticamente diamo a questi stimoli, e dall’altra possiamo cambiare il nostro filtro che ci fa giudicare le cose fastidiose, rendendolo magari meno rigido. 

Come fare questo? Ecco alcune semplici SOLUZIONI.

 

Ogni volta che senti che ti stai arrabbiando, pensa a questo: “tra 1 settimana / 1 mese / 1 anno, quanto sarà ancora importante questa cosa per me?”.

Pensaci, la maggior parte delle volte, ti arrabbi per motivi di cui tra una settimana neanche ti ricorderai più. E visto che arrabbiarti di solito non risolve molto e in più ti fa venire il mal di pancia, allora sarebbe meglio riservare le nostre arrabbiature per cose davvero importanti. 

Questo perché, siamo oneste, non arrabbiarsi mai è impossibile! Ma selezionare le cose per cui vale la pena prendersi un mal di pancia si può, e come.

 

 

Un fenomeno che è in preoccupante crescita è “l’arrabbiatura sociale”, cioè innervosirsi a causa della gente SGARBATA. Persone che ti tagliano la strada in auto, o che ti spintonano sui mezzi pubblici, che ti tirano spallate passando in mezzo alla folla o che ti passano davanti quando sei in coda a uno sportello: uno stress! E capita SPESSISSIMO. Ma anche qui vale la regola di prima: non ti arrabbiare, perché di questa cosa tra una settimana neanche ti ricorderai e la tua arrabbiatura non farà certo migliorare la situazione. Piuttosto puoi rivolgerti alla persona interessata facendole notare il gesto sgarbato in modo educato. Magari non risolverai molto, ma almeno avrai avuto la soddisfazione di aver detto la tua. Per arginare questo fenomeno dobbiamo fare un po’ tutti uno sforzo: e cioè cercare di tornare ad essere EDUCATI con gli altri e non reagire male quando subiamo una sgarbatezza. Perché purtroppo questo è un circolo vizioso, tanto più vediamo gente sgarbata in giro tanto più ci sentiamo legittimati ad esserlo anche noi, ma sappiamo bene che questo non porterà a nulla di buono.

 

Letto 42277 volte Ultima modifica il Lunedì, 28 Gennaio 2013 16:11
Vota questo articolo
(7 Voti)
Eleonora Mauri

Studiosa da tempo delle tematiche di crescita e miglioramento personale, i miei primi scritti li dedico al mondo femminile.

Unendo la mia esperienza personale a quella di altre donne intorno a me, coltivo il sogno di realizzare una serie di ebook per aiutare le donne di oggi: divise tra casa, lavoro, marito e figli, con pochi aiuti e tante responsabilità.

Ho sviluppato negli ultimi anni grazie anche all’esperienza lavorativa un’ottima capacità comunicativa, che viene rispecchiata nel mio stile di scrittura: semplice, chiaro e diretto.

Sai che esiste finalmente un sistema di Gestione del Tempo studiato apposta per le Donne?! Un metodo per organizzare il LAVORO, la CASA e la FAMIGLIA in modo da avere PIU’ TEMPO PER TE STESSA e per le cose che ami.

Clicca qui per saperne di più

Sito web: www.macrolibrarsi.it/ebooks/ebook-la-gestione-del-tempo-per-la-donna-impegnata-pdf.php