18 Ott

Sesso e prevenzione: cosa sono le malattie veneree e come proteggersi

Scritto da  |

Nonostante siano in crescente aumento l’educazione sessuale nelle scuole e le campagne di prevenzione contro le malattie sessualmente trasmissibili, sempre più ragazzi scelgono il sesso non protetto incuranti dei rischi e delle conseguenze. Studi recentissimi, hanno registrato in Europa un aumento della diffusione di malattie veneree del 9% nei ragazzi tra i 15 e i 24 anni, nell’arco di questo ultimo anno. Tra queste la sifilide, la clamidia e la gonorrea sono ai primi posti.

 

Cosa sono e cosa comportano?

La sifilide è una delle mallattie sessualmente trasmissibili più gravi, poiché può condurre alla morte se non diagnosticata in tempo. Questa malattia è causata dal batterio “Treponema pallidum”, il quale si riproduce facilmente all’interno della cavità orale e delle mucose genitali.

Il contagio avviene, in seguito, a rapporti sessuali non protetti, sia genitali che orali con una persona infetta. Essa si manifesta attraverso delle lesioni che spesso vengono sottovalutate poiché indolori. Infatti la sifilide, come anche altre malattie sessualmente trasmesse, è nella sua prima fase asintomatica. Questa malattia però se non curata può avere conseguenze gravi sulla persona, come problemi cardiaci, demenza, paralisi, cecità, sino alla morte.

 

La clamidia, invece, è causata da un batterio il Chlamydia trachomatis. È una malattia molto diffusa sia tra i ragazzi che gli adulti, che spesso non si sa di avere poiché molte persone non presentano alcun sintomo, ma questi si manifestano in una fase più avanzata della malattia. Può essere trasmessa attraverso rapporti sessuali non protetti sia vaginali che anali. La clamidia può essere curata attraverso dei semplici antibiotici, ma se trascurata può facilitare la trasmissione o acquisizione dell’ HIV, ovvero il virus che provoca l’AIDS e comportare problemi di fertilità.

 

La gonorrea, infine, è un’infezione causata dai batteri Neisseria Gonorrhoeae, che causano infezioni all’uretra, della cervice, del retto e della gola. Come la clamidia anche la gonorrea nella sua prima fase è asintomatica, dunque molte persone pur avendola non sanno di essere infetti. Può essere trasmessa attraverso rapporti sessuali non protetti, sia genitali che orali. Se non curata la gonorrea può aumentare il rischio di acquisire il virus HIV, e provocare danni permanenti all’apparato riproduttivo femminile, sterilità, dolori pelvici cronici. Inoltre l’infezione può essere trasmessa da madre a figlio durante il parto, durante il quale possono essere infettati gli occhi del bambino, che se non curati immediatamente possono riportare danni seri e permanenti.

 

Per evitare di contrarre una malattia venerea basta avere del semplice buon senso e soprattutto usare precauzioni adeguate, il preservativo. Il preservativo è l’unico metodo contraccettivo che può proteggerci non solo dalle gravidanze indesiderate ma anche dalle malattie sessualmente trasmissibili. Usatelo SEMPRE, soprattutto se siete soggetti a rapporti occasionali con persone sempre diverse. Siate intelligenti, usate il cervello, indossate il “cappello”.

 

Letto 3764 volte
Vota questo articolo
(4 Voti)
Speranza Capotortora

Studentessa di Scienze del Servizio Sociale all'Univerisità Federico II, coltivo la passione de giornalismo e, in particolare, mi tengo aggiornata sul mondo femminile e su argomenti che oscillano dalla moda, al make-up, dal benessere agli accessori più trendy.

 

Facebook: Speranza Capotortora