Giulia Cantelmi

Giulia Cantelmi

Da sempre appassionata di scrittura creativa e onnivora lettrice di romani russi dell'800, inizio la mia carriera collaborando per alcuni giornali locali e riviste online di moda e benessere, specializzandomi in entrambi i settori. Coniugare le mie diverse passioni come la scrittura, la moda, il mondo del web e la fotografia come reporter a sfilate e shooting, è stato il passo successivo e naturale che mi ha portato a diventare una writer freelance per diverse testate giornalistiche. Queste collaborazioni online mi permettono quotidianamente di sviluppare la mia creatività e la mia curiosità sempre in continua espansione!

Non solo storie di sofferenza familiare o sfoghi legati alla difficile congiuntura economica. Sulla piattaforma di storytelling che l’Enel ha progettato all’interno della sua ultima campagna pubblicitaria Enel Guerrieri c’è spazio anche per le storie d’amore, come quella raccontata da “letiziax”. Al di là del finale triste, che tante donne probabilmente hanno già visto durante il film della propria vita, quella di “letiziax” è una storia di coraggio, determinazione e speranza che può essere presa a modello per ritrovare la forza di rialzarsi dopo le cadute e continuare a camminare.

275x402metro1

 

La campagna di Enel #Guerrieri vuole lasciare un messaggio positivo e di speranza: qualsiasi sia la battaglia che ognuno di noi è costretto ad affrontare nella vita di ogni giorno, attraverso il racconto della propria esperienza e il sostegno altrui, è possibile trovare l’energia per vincerla. Con una campagna multicanale che, assieme ad attività su web e social network, ha visto la realizzazione di uno spot televisivo che ritrae persone comuni nei contesti di lavoro e di vita quotidiana, Enel ha portato alla luce l’energia dei guerrieri di tutti i giorni: uomini e donne che, nonostante continue difficoltà e delusioni, combattono per un domani migliore. Come “letiziax”, il cui presente da donna e madre lasciata dal marito ha infranto il sogno di un futuro stabile almeno dal punto di vista affettivo.

 

"È tutto recente, troppo recente. Il dolore è una freccia appuntita che non permette al cuore di cicatrizzare. Si tocca il fondo, poi, quando questo fondo è così scivoloso per tutte le lacrime versate, allora si prova ad alzarsi in piedi. Ed è di lì che riparte il guerriero, trovando in sé tutta la forza che può. Il guerriero che è in me è piccolo, ma cresce. Tra un po' sarà un gigante". 

 

Nel suo percorso verso la serenità interiore, però, “letiziax” non nasconde di essere ancora molto fragile: «Non esistono guerrieri tutti di un pezzo – scrive – perché si spezzerebbero alla prima tempesta. Bisogna imparare a piegarsi, anche fino a terra, a diventare elastici e ad avere davanti a sé un enorme scudo fatto di affetti e di certezze».

 

Lo scudo di letizia è sua figlia, basta un abbraccio per tornare a essere felice, deporre le armi e riposare per un attimo, prima che torni la paura della solitudine e si riaffaccino gli incubi: "Avrò il tempo di condurre sino alla fine la mia lotta per una vita serena? A volte mi sembra che l'orologio corra troppo veloce. Ho, però, un'arma potente, a cui mi aggrappo con forza: è la speranza. È sottile e appuntita come una spada. La stringo tra le mani e la uso per fare a brandelli la mia infelicità. La speranza non si spezza, è forgiata dal fuoco e dalle lacrime. Quando mi sembra di averla persa, indago i labirinti del mio cuore, sino a ritrovarla...magari si nasconde bene, ma alla fine la trovo, sempre". 

 

Il tessuto sociale dell'Italia sta cambiando e, con esso, anche le abitudini di consumo, sia quelle che riguardano le spese medio-piccole, che sono poi quelle più comunemente sostenute, sia per quello che riguarda i grandi investimenti. Ovviamente, se in Italia si parla di “grande investimento”, il pensiero non può che andare all’acquisto della prima casa, il sogno nel cassetto di gran parte di tutti noi. Un sogno che la crisi e l’aumento dei costi degli immobili ha reso, in qualche modo, più difficile da raggiungere, in primo luogo per le difficoltà di accesso al credito, ovvero al mutuo.

 

Difficoltà che aumentano quando a richiedere il finanziamento sono i single; si stima che in Italia questo bacino di utenti rappresenti, ormai, un terzo dei richiedenti e pare che il dato sia destinato ad aumentare con la progressiva frammentazione del vecchio sistema famiglia, che per molti rappresenta uno status obsoleto ed impraticabile. L’aspetto positivo della faccenda è che oggi diverse banche stanno iniziando a proporre finanziamenti modulati sulle specifiche esigenze dei single.

 

Grazie all'avvento di svariati portali che permettono la comparazione di una o più agenzie per l'accensione del mutuo, come ad esempio MutuoePrimaCasa.it, diventa piàù semplice scegliere il mutuo più adatto alle proprie esigenze. Ma chi sono i single che richiedono un mutuo per l’acquisto di una prima casa? Da un’indagine svolta su base nazionale, si è visto che l’età media dei single che richiedono un mutuo è di 35 anni circa, per un importo medio di 130 mila euro spalmati su un periodo di restituzione di 25 anni. Gli importi richiesti sono maggiori nel Lazio (soprattutto nella zona di Roma) nonché nel Trentino Alto Adige, in Lombardia e in Toscana, mentre sono minori nelle Regioni meridionali e in Umbria.

 

 

 
 

 

 

E’ uno degli eventi più chiacchierati online: organizzato da EF Englishtown a Roma per il prossimo 10 agosto, ed ospitato in una location esclusiva come lo studio fotografico LostAndFoundStudio in via Arimondi 3 a Roma, si sfideranno a colpi di accessori, look e slang in inglese, British e American fan.

Due stili a confronto, specchio del British ed American English: i partecipanti, formato un team di 3 persone, si daranno battaglia a suon di originalità e outfit stravaganti. Vintage, hip-hop, rock, casual, classic, elegance, bohémien: qualsiasi cosa si indossi l'importante sarà essere fashion, unici per colpire nel segno!

 

British-american-style


Parola chiave dell'evento: divertimento e ... inglese. Il team britannico ed il team americano con lo stile più cool saranno premiati con hamper box e un tablet android, mentre tutti i partecipanti riceveranno foto professionali scattate in studio e free-trial per approfondire la lingua. Per partecipare basta iscriversi all’evento tramite facebook su facebook.com/events/588660917844597 o via mail scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Scopri tutti gli outfit più cool di Instagram


Chi, tra le fotografie dell’infanzia, non ne ha almeno una dove si rivede bambino con una maglietta a righe con àncora in mostra ricamata sul golf, sorridente nella stagione della propria infanzia?

Lo stile “marinaretto” è un must che da sempre veste i bimbi, le bimbe, ragazzi e ragazze di ogni tempo: semplice, pratico, alla moda, è perfetto per ogni occasione e disponibile in molte varianti di stile e colori.

L’estate marinara si caratterizza così, secondo le tendenze dell’ultima moda in fatto di bimbi, con
l’abbigliamento a righe più o meno grandi, àncore, stemmi e i tre colori classici: bianco, rosso e blu.

Ci sono molti negozi online di abbigliamento che si prendono cura del tuo bimbo, come nel caso del marchio di Original Marines, artisti della qualità e sull’onda delle mode emergenti, che quest’anno propone un catalogo ricco per chi vuole vestire alla “marinaretta” i propri figli.

Online puoi trovare abbigliamento per tutte le età sia al maschile che al femminile, dal neonato 0 – 18 mesi fino al ragazzo di 16 anni, e una varietà di prodotti per tutte le stagioni.

 

stile-marinaro-bambini

 

Per questa estate puoi adottare lo stile di ispirazione sailor abbinando per la tua piccola lei dei pratici leggins in cotone rosso, con cui potrà tranquillamente correre e giocare, con una canottiera bianca a righe rosse e una piccola cinta in vita, sempre rossa, come accessorio al femminile.

Per il tuo piccolo lui puoi scegliere uno stile più elegante, per un qualche evento, con una camicia bianca a piccole righe blu e taschino, o un maglioncino in cotone con scollo a “V” a righe bianche e blu da abbinare ad un pratico pantalone con le pence ed espadrillas in cotone.

Ultimo consiglio: divertiti anche con i vari accessori disponibili, dalle pratiche sacche a righe colorate dove riporre i giochi fino agli stivali in gomma da coordinare.

 

Potrebbe interessarti pure: Sole si ma con le dovute accortenze per il tuo bambino