Sembrava un tragico caso di tentato suicidio quello che ha come protagonista Alice Cavrioli, oggi 17 anni, di Roverbella, provincia di Mantova. Sembrava quasi impossibile pensare che una ragazzina di 13 anni decidesse all'improvviso di farla finita gettandosi da una finestra della sua casa. Ed, in effetti, era impossibile. Alice, dopo 4 anni di coma, sta un po' meglio, ma si esprime con grande fatica, dopo essersi risvegliata dal coma

 
La giovanissima è riuscita a disegnare delle auto e la procura di Mantova ha riaperto il caso. Alice, infatti, potrebbe essere stata investita con conseguente omissione di soccorso e lesioni gravissime da parte del guidatore. La madre di Alice èMonia Manerba, 43 anni, separata dal padre di sua figlia, non ha mai pensato che lei potesse essersi suicidata. Una relazione medica è stata utilizzata per fare chiarezza ed è stata consegnata alla polizia. Si ipotizza, ora che la studentessa comincia a ricordare dopo il suo lungo coma, che possa essere stata investita da un'auto davanti alla sua casa, per poi essere lasciata abbandonata in strada. Sarebbe stato fatto anche il nome di una persona sospettata sulla quale sono in corso degli accertamenti.
 
 
La strada per Alice è lunghissima. Tante saranno le sedute di logopedia e fisioterapia necessarie per tornare ad una vita normale. Ma potrà farcela, dopo che il 3 maggio 2010, quando a 13 anni, appena tornata da scuola, fu trovata a terra in un lago di sangue, nel cortile comune su cui affaccia la sua abitazione. Sembrava tutto finito. Il caso immediatamente venne archiviato come tentato suicidio.
 
Costretta a stare su una sedia a rotelle, Alice ha cominciato ad esprimersi grazie al linguaggio dei segni in modo da rispondere alle domande degli specialisti che cercavano di riportarla ad una vita normale. La 17enne continuava a disegnare delle forme tondeggianti che assomigliavano al retro di un'automobile e sempre colorate di nero. I segni sono diventati sempre più precisi, fino a quando tutto è stato chiaro alla madre durante le passeggiate per il paese in compagnia della figlia.La donna ha dichiarato che la ragazza appena vedeva un'auto sfiorarla si irrigidiva, mostrando grande paura. La madre si è poi rivolta ai medici per una serie di perizie e ha raccolto la cartella clinica della figlia, in cui vengono evidenziate delle lesioni incompatibili con quelle causate da una caduta e compatibili, invece, con quelle causate da una vettura. 
 
Il caso è stato affidato al sostituto procuratore Silvia Bertuzzi che mantiene riserbo assoluto sulla vicenda. La madre di Alice ha dichiarato:
 
"Non ho mai creduto che volesse suicidarsi e quando glielo abbiamo detto Alice si è messa a piangere. Lei continua a ripetere che è stata investita, lo faceva prima disegnando e adesso anche con le parole".
 

Burlesque è sinonimo di Dita Von Teese. Questo è il nome d'arte della show girl statunitense famosa in tutto il mondo non solo per il suo matrimonio con l'ambigua star Marylin Manson, ma principalmente per aver fatto del vintage il suo stile di vita. All'anagrafe Heather Renée Sweet, classe '72, circa centosessanta centimetri di altezza, capelli nero corvino, pelle bianchissima e labbra rosso scarlatto, è l'antitesi della bellezza classica che, in poco tempo, è diventata la massima icona delle riviste fetish. Indossa solamente abiti e persino biancheria in puro stile anni Quaranta. Nel 2008, disegna una linea di intimo per Wonderbra senza uscire dai canoni che la definiscono.

 

Perennemente circondata da oggetti datati, ama in maniera particolare, le auto d'epoca. Ha acquistato il primo modello quando era poco più che ventenne ma già famosa. Nel corso degli anni ha comprato e venduto molte automobili. Ultimamente ha destato interesse la Packard 120 del 1939 che ha messo in vendita sul sito eBay, accompagnata da foto molto sensuali della stessa Dita con abiti anni Trenta, usate per illustrare i particolari della macchina.

 

La storica auto è in condizioni perfette, dal motore alla carrozzeria e gli interni sono intatti e tenuti in maniera curata. Non a caso l'attuale proprietaria è un'appassionata di auto d'epoca. Se anche voi, come la fortunata acquirente dell'auto di Dita, siete degli amanti di queste perle da collezionismo, potreste avere bisogno di una buona assicurazione per il vostro veicolo d'epoca, e come ormai è risaputo, le migliori e più economiche assicurazioni si acquistano online, in siti specializzati nel confronto tra le varie polizze assicurative per il proprio veicolo storico, come ad esempio nel sito Assicurazioni-Storiche.it.

 

La diva acquista e vende le sue auto regolarmente, facendo attenzione a non perdere nemmeno un dollaro nella differenza di vendita e di acquisto. Per chi volesse vedere la Packard One Twenty messa in vendita, potrà godere della visione dei due soggetti immortalati. L'annuncio, infatti, è accompagnato da un set fotografico sull'auto d'epoca e della diva erotica Dita Von Teese, confermando lo stile seducente di entrambe.

 

Ecco la gallery: