Uno degli stati e dei momenti più felici di una donna è sicuramente la maternità.

In questo meraviglioso periodo della vita di una donna, tutte le attenzioni sono catalizzate sul bebè: poppate ogni tre ore, cambi di pannolini, faccende domestiche e commissioni varie da sbrigare, shopping per il nascituro, visite di parenti ed amici. Insomma, migliaia di impegni tutti insieme e tutti prioritari sommergono la vita della neomamma che, ahimè sembra essersi trasformata in una wonder woman in grado di fare tremila cose insieme e contemporaneamente.

Ma come si fa a non essere sopraffatte dalla stanchezza?

Nonostante l’aiuto della mamma, della suocera, dell’amica, la stanchezza sembra dominare nella vita delle neomamme, al punto da non riuscire più a trovare un momento per se stesse neanche un minuto per chiacchierare con la propria amica del cuore! Per non parlare della remise en forme dopo il parto, che, seppur rappresenti uno dei pensieri dominanti della donna-mamma, diventa un aspetto secondario rispetto alle mille priorità che le si presentano. Come sarebbe bello riuscire a dedicare un po’ di tempo a sè senza però dover trascurare il proprio bambino! Sembrerebbe un sogno! Eppure, da qualche anno a questa parte, il sogno è diventato realtà, grazie a MammaFit. 

MammaFit è un programma di allenamento dedicato alle neo-mamme che possono esercitarsi in compagnia dei propri bambini. E' una ginnastica basata su esercizi di allungamento e tonificazione con l'ausilio della carrozzina, passeggino o marsupio che diventa parte integrante della lezione. Così tra un affondo e uno squat, le mamme oltre a pensare alla remise en forme, possono godersi il proprio bimbo, incontrare, confrontarsi con altre mamme e perché no, fare nuove amicizie.

 

 

Ideatrici e di questo programma “geniale” di remise en forme, sono Elaine Barbosa e Monica Taranto, due amiche, istruttrici di fitness e soprattutto mamme! Due donne creative che hanno saputo cogliere i problemi principali delle donne-neomamme e tradurli, in modo geniale, con grande tenacia e coraggio, in un’attività del tutto innovativa.

“Innamorate dello sport e anche un po' pazze, ci siamo lanciate in questo progetto che ci è sembrato da subito originale e divertente!” – dichiarano sul sito MammaFit

Elaine e Monica – “Le mamme, si sa, sono super attente alle esigenze dei propri piccolini, ma è giusto anche trovare qualcosa che faccia bene a tutti, che sia utile sia nel corpo che nello spirito, come testimoniano le numerose mamme che hanno frequentato e frequentano tutt'ora i nostri corsi. E' bello ritrovare le amiche del corso, fare un po' di movimento per sentirsi di nuovo "quelle di prima", raccontarsi, confrontarsi e ascoltare quello che gli altri hanno da dire!”


I corsi da Milano si sono diffusi in tutta Italia nel giro di poco tempo, grazie ai programmi di formazione che le due Wonder Woman (è il caso di dirlo) hanno predisposto. I corsi, tenuti da istruttori certificati MammaFit, si tengono sia al chiuso, in strutture dedicate o all’aperto, nei parchi, a contatto con la natura, circondati dal verde, in un’atmosfera di relax e benessere sia per la mamma che per il bimbo. I corsi variano da città a città, e hanno dei nomi davvero simpatici: Passeggino Workout, Gravidanza Workout, per le mamme col pancione, Marsupio Workout, che prevede l’uso del marsupio al posto del passeggino, Water Workout.


MammaFit è davvero un progetto geniale, positivo e di grande utilità sia dal punto di vista fisico perchè migliora la circolazione sanguigna, tonifica il corpo e aiuta a controllare il peso, e poi perché diminuisce lo stress e consente di aprirsi e confrontarsi con altre persone che condividono gli stessi problemi ed esigenze.
E allora neomamme siete pronte ad allenarvi con il vostro bambino? MammaFit vi aspetta con i nuovi corsi. Ecco il link alla pagina dei corsi.
Per maggiori info consiglio di visitare il sito

 

Potrebbe interessarti anche: Lo yoga in gravidanza

 

Pelle poco tonica, elasticità perduta, caviglie gonfie, cellulite, seno cadente: con quanti nemici dobbiamo combattere noi donne! E come se non bastasse, nel periodo post gravidanza o di menopausa le cose si complicano ulteriormente.  

Cerchiamo soluzioni in farmacia, nei supermercati e nelle profumerie, ma come districarsi nella jungla di marche e prodotti dedicati al mondo femminile? Diamo una risposta a tutto questo con la nostra intervistata speciale, Sonia Rovesti, chimica cosmetologa e fondatrice della Sonia Rovesti Cosmetics, un’azienda innovativa che formula soluzioni rivoluzionarie per noi donne.

 

E: Pelle poco tonica ed elastica. Tante di noi ne soffrono, specie dopo una gravidanza o una dieta. Che fare?

 

S: La pelle che ha bisogno di essere tonificata è una pelle invecchiata a causa del cedimento naturale dei tessuti (di solito braccia o interno cosce) o che ha subito notevoli sollecitazioni (come appunto gravidanza, dieta dimagrante o interventi chirurgici). In tutti questi casi, si ha un cedimento del tessuto e una degenerazione dell’elastina, che provoca flaccidità. I principi attivi che funzionano meglio su questo tipo di problema sono i PEPTIDI, piccole molecole in grado di mandare alle nostre cellule il messaggio di sintetizzare quello che manca (in questo caso elastina e collagene). Molto efficaci sono anche gli estratti di EQUISETO o ECHINACEA, piante conosciute nella fitocosmesi per le loro proprietà rassodanti ed elasticizzati. E’ molto importante che il cosmetico contenga olii naturali (come mandorla e vinaccioli) e non paraffina liquida che impedisce la traspirazione della pelle e la penetrazione dei principi attivi.

 

 

 

E: I bagnodoccia sono i prodotti che sembrano essere maggiormente influenzati dal tema della tonificazione. Sai dirci perché? C'è un motivo scientifico o è solo marketing?

 

S: Sappiamo che i prodotti da risciacquo non permettono la penetrazione di alcun attivo (a meno che non si stia in ammollo un’ora in una vasca satura di sali minerali), ma quando facciamo il bagno o la doccia possiamo comunque fare qualcosa per la nostra pelle. Ad esempio, un massaggio con un guanto di crine sotto un getto di acqua prima molto calda e poi molto fredda porta un grande beneficio alla circolazione, a cui fa seguito una riattivazione delle funzioni cellulari. Molti bagnodoccia, inoltre, hanno una profumazione stimolante (note di agrumi o menta) che per i principi di aromaterapia, inviano al cervello segnali di stimolo e ripresa delle attività vitali. Quindi SI ai prodotti da bagno, stando attenti però alla loro delicatezza sulla pelle.

 

E: Parliamo invece dei prodotti per scolpire e modellare il corpo. Quali sono gli attivi più indicati?

 

S: Gli attivi più indicati per scolpire il corpo sono i lipolitici (brucia-grassi) come la CAFFEINA, l’estratto di CACAO o la CARNITINA. Da pochi anni, è stata scoperta l’attività della GLAUCINA, una molecola in grado di svolgere una doppia azione: lipolitica e inibitoria della sintesi di nuove cellule adipose. In parole semplici, un principio attivo che trasforma l’adipe in tonicità. Per ottenere dei risultati bisogna applicare le creme con costanza seguendo le indicazioni del produttore.

 

L’intervista con Sonia continua. Nel prossimo articolo parleremo delle soluzioni per 4 punti critici: caviglie gonfie, ginocchia e gomiti secchi, seno cadente e cellulite. Rimanete sintonizzate! E se volete visitare il sito di Sonia Rovesti.

 

La vita di tutti i giorni ti costringe a essere sempre di corsa? Ti piacerebbe avere il tempo per curarti di più del tuo aspetto? Se vuoi ritagliarti ogni giorno il tempo che desideri per occuparti della tua salute e del tuo benessere, prova questo metodo.

Clicca qui per saperne di più

 

Continua l’intervista con Sonia Rovesti (Leggi qui la prima parte), chimica cosmetologa e fondatrice della Sonia Rovesti Cosmetics, che da anni si occupa di studiare le migliori soluzioni per i punti critici con cui noi donne combattiamo ogni giorno. 

 

E: Sonia, riprendiamo l’intervista vedendo i 4 punti critici anticipati nella prima parte. Punto critico numero uno: caviglie gonfie.

 

S: Le caviglie gonfie sono sintomo di cattiva circolazione, spesso dovuta a un lavoro in cui si passano tante ore consecutive in piedi (penso a chi lavora in negozio o in un ristorante) o, al contrario, si sta troppo tempo sedute (tipo in ufficio, o al computer). Altre volte capita a chi si sottopone a interventi angiologici. In ogni caso, MAI usare creme rinfrescanti contenenti Mentolo. MAI usare gel che seccano la pelle, che è già sottile e spesso squamosa per il ristagno di liquidi. Preferire creme con estratti vegetali di MIRTILLO, IPPOCASTANO, RUSCO o CENTELLA ASIATICA: tutte piante dalle note proprietà drenanti e vasoprotettrici.

 

E: Punto critico numero due: ginocchia, talloni e gomiti "rugosi”.

 

S: Ginocchia, talloni e gomiti secchi sono dovuti a un rallentato ricambio cellulare, quindi consiglio  - sotto la doccia - di passare queste zone a giorni alterni col guanto di crine o con un buono scrub. Applicare poi una ricca crema rassodante. È importante curare queste zone perché col tempo il problema può peggiorare e la pelle può lacerarsi creando tagli e spaccature dolorose. Se posso permettermi, darei una ricetta casalinga molto semplice, ma molto efficace: miscelate una manciata di sale o zucchero molto fino con un cucchiaio di olio di semi di arachide (o di oliva) e una spruzzata del vostro profumo preferito. Massaggiate ginocchia, gomiti e talloni con questo composto e sciacquate. Con un solo gesto avrete ottenuto ricambio cellulare, elasticità e gradevole profumazione.

 

 

 

E: Punto critico numero tre: seno cadente, poco tonico.

 

S: Il seno cadente va rassodato, tonificato ed elasticizzato, quindi PEPTIDI, estratto di EQUISETO e di KIGELIA AFRICANA sono da preferire. Da pochi anni, è stato scoperto che gli estratti di COMMIPHORA MUKUL e di ANEMARREA ASPHELOIDES migliorano l’aspetto del seno “vuoto” o piccolo perché aiutano a sviluppare nuove cellule adipose e ad aumentarne il volume.

  

E: Punto critico numero quattro: cellulite.

 

S: Quasi tutte le creme anticellulite contengono methylnicotinate, un principio attivo che crea rossore molto intenso e spesso dannoso, perché chi ha la cellulite soffre solitamente di cattiva circolazione periferica. I capillari in evidenza non vanno aggrediti, ma stimolati delicatamente. Un nuovo attivo biotecnologico, che sostituisce i sopra citati, è il mentylnicotinate (nel nome cambia solo una N, ma nella sostanza cambia tutto). Questa molecola unisce le proprietà stimolanti e vasodilatatrici dell’acido nicotinico a quelle rinfrescanti del mentolo naturale. Per questo non causa rossori né fastidiose irritazioni, bensì rinfresca ed esercita un micro-massaggio cutaneo associato a un piacevole senso di benessere, grazie all’effetto “freddo-caldo”. Buoni anche i principi attivi drenanti e decongestionanti degli estratti di RUSCO, CENTELLA e VITE ROSSA. 

 

E: Sonia, per chiudere, puoi parlarci di come e perché è nata la Sonia Rovesti Cosmetics e in cosa i tuoi prodotti sono diversi da quanto c’è in commercio?

 

S: La mia società è nata per dare consulenza ai terzisti che producono per le grandi case cosmetiche. Questo significa che in laboratorio creiamo le formule delle creme che poi vengono commercializzate con i marchi conosciuti come Sephora, Kiko, Planters. Quando si lavora con questi clienti però bisogna sempre rispettare un grande numero di paletti imposti dal marketing e dalla direzione per quanto riguarda il costo formula e la scelta dei principi attivi. 

Il marchio SONIA ROVESTI COSMETICS è nato per essere libero dai paletti e per avere una formulazione basata unicamente sulla funzionalità, cioè finalmente un prodotto che fa quello che dice. Questa  linea cosmetica è nata per esigenza interna nostra (la mia pelle acneica andava curata, così come i capillari delle gambe della mia collega) e non per essere commercializzata. Poi il passaparola ha fatto la sua parte, per cui abbiamo deciso di dare un “vestito” ai prodotti e di collaborare con medici estetici e chirurghi plastici per creare formule sempre più efficaci e prodotti che davvero rispondano alle esigenze delle pelli con problemi.

 

La vita di tutti i giorni ti costringe a essere sempre di corsa? Ti piacerebbe avere il tempo per curarti di più del tuo aspetto? Se vuoi ritagliarti ogni giorno il tempo che desideri per occuparti della tua salute e del tuo benessere, prova questo metodo. 

Clicca qui per saperne di più

 

Noi donne siamo così preoccupate da gambe, addominali e glutei che spesso dimentichiamo di pensare alla altre parti del nostro corpo.

Anche se la nostra attenzione è catalizzata dalla pancia e dai glutei, non bisogna scordare che una figura armoniosa è sicuramente apprezzabile e che la sproporzione tra tonicità del corpo e flaccidità delle braccia di certo non appaga gli occhi.

Perchè.
Quando al muscolo non viene chiesto movimento, si assottiglia e viene sostituito con il grasso. Se la quantità delle cellule grasse è in continuo aumento, gli scambi intracellulari rallentano e il sangue scorre con molta difficoltà.
Non solo le cicciottelle si lamentano della cellulite sulle braccia ma anche le donne magre, che vorrebbero avere le braccia scolpite con la pelle liscia e tonica.
Il decadimento dei tessuti del braccio, quell'antiestetica flaccidità e quei depositi di grasso intorno all'ascella hanno diverse cause:

- l'avanzare dell'età (chronoaging). Provoca, a carico della cute, alterazioni di tipo ipotrofico con alterazione di tutte le componenti e delle funzioni della pelle.

- l’alterazione del flusso sanguigno, che è spesso provocata dall’alimentazione sbagliata, vita con poca attività fisica…

- lo scombussolamento ormonale (medicinali, pillole contracettive, menopausa, gravidanza e l’aborto), malattie della tiroide ecc.

Se bloccare questo processo è impossibile, molto si può fare, però, per ritardarlo o attenuarne gli effetti.

Come? 

Prima di tutto cercando di mantenere la pelle elastica massaggiandola ogni giorno con creme, gel o sieri.

Cosa fare.

In realtà i consigli e i rimedi che normalmente ci vengono suggeriti si riducono a due cose: esercizi fisici in palestra con dei pesi che andranno inesorabilmente a sviluppare il muscolo delle braccia rendendolo molto poco femminile, o una soluzione più estrema ed invasiva come un intervento estetico.

 

come-tonificare-le-braccia-ali-pipistrello

 

Il nostro consiglio: un inestetismo multifattoriale ha bisogno di un approccio globale e deciso, utilizzando la sinergia di più metodi con l'ausilio di tecnologie che lavorano su diversi livelli.
Un esclusivo trattamento è disponibile solo nei Centri o Istituti che usano il Sistema Integrato EXA per una tonificazione, su tutti i piani tissutali, specifica ed efficace. Le braccia risulteranno molto più definite nei contorni con la conseguente riduzione della lassità della pelle.
In particolare l'EDP , l'ElettroDermoPorazione, un metodo assolutamente non invasivo, per veicolare le sostanze funzionali più adatte in profondità, con risultati efficaci e visibili sin dal primo trattamento

Un consiglio in più.
Se avete il tempo di praticare uno sport, il nuoto o il tennis sono i più adatti. In caso contrario, eccovi degli esercizi da fare ogni mattina davanti allo specchio!
L'importante è farli con costanza. Non basta certo portare la spesa a piedi dal supermercato a casa per avere braccia toniche!
In bagno, la mattina, appoggiatevi braccia tese al lavandino e spostate le gambe tese all'indietro in modo da fare una tavola col proprio corpo. Alzate i talloni e tenete la pancia in dentro. Ora piegate le braccia ispirando e, con il corpo sempre dritto, avvicinate il petto al lavandino il più possibile. Poi, ritornate nella posizione iniziale. Ripetete l'esercizio 10 volte. Appena vi sarete abituate, fate 3 serie di 10 flessioni.
Insieme ai trattamenti, di sicuro vi regaleranno braccia toniche e sode.

 

Ti interesserà pure: Il rimedio anti-smagliature più efficace

 

Non c'è momento migliore di una doccia per calmare le tensioni alla fine di una dura giornata o per ritrovare il giusto vigore per iniziarne una. La cromoterapia in doccia aggiunge nuove benefici grazie a semplici quanto efficaci accorgimenti.

In cosa consiste la cromoterapia in doccia? Quali sono i colori ideali?

 

  • Cromoterapia in doccia

Il bagno di vapore sotto la doccia rappresenta un naturale toccasana per la nostra pelle: dilata i pori, idrata l'epidermide, depura, nutre e decongestiona le vie respiratorie. Migliora la circolazione, favorendo il ripristino del tono muscolare. Aiuta il blocco che si crea a livello cervicale. E, soprattutto, rilassa. Ma qual'è lo scopo della cromoterapia in doccia?

La cromoterapia è un catalizzatore per stimolare i naturali processi di auto guarigione dell’organismo. È esperienza comune che la luce influenzi, in alcuni soggetti più che in altri, almeno gli stati d’animo. Innegabilmente, la luce rappresenta una sorta di sveglia inserita nell’organismo.Alla base della cromoterapia vi è la convinzione che determinati colori possano influenzare il corpo e la mente di un soggetto, al fine di ripristinare e favorire l’equilibrio o controllare addirittura alcuni disturbi. Ma come funziona? Questo metodo terapeutico sfrutta le vibrazioni cromatiche per ristabilire un equilibrio energetico alterato. L’irradiazione colorata provoca l’assorbimento di onde elettromagnetiche con una frequenza oscillatoria, che varia da colore a colore, stimolando la risonanza vibratoria degli atomi contenuti nelle cellule. E nella doccia?

 

  • I colori della doccia

I benefici della doccia stringono un sodalizio di benessere con quelli apportati dalla cromoterapia dando luogo a specifici prodotti largamente pubblicizzati da numerose aziende d'arredo e non solo. Tralasciando la cromoterapia per idromassaggio e bagno turco, ci concentriamo qui sulla cromoterapia in doccia, precisamente nella cabina o box doccia. Per poter usufruire dei vantaggi consentiti dalla cromoterapia, la cromoterapia in doccia utilizza solitamente dei led integrati nel soffione della doccia, in grado di trasformare il getto d'acqua in un veicolo di luce e colore, basato su precise scelte cromatiche. L'idoneità della scelta, della programmazione tra acqua, luce e colore, unita alla temperatura dell'acqua, può essere elaborata da un software o dall'utente in base al momento. Di norma, ci sono diversi programmi di cromoterapia in doccia. Il sistema tonificante utilizza colori caldi, a partire dal giallo al rosso, fino a giungere al verde. Il sistema rilassante esordisce con il blu e arriva al verde neutrale. Il sistema energizzante insiste sul rosso e sul giallo, seguiti dal verde e dal bianco. Infine, vi può essere un sistema che comprende tutti i colori dell'arcobaleno e le relative sfumature.

Al mattino, dunque, meglio impostare un programma rigenerante, pregno di rosso e giallo per la circolazione sanguigna, per ritrovare il giusto vigore per affrontare la giornata dopo il sonno. Alla sera, dopo una dura giornata, ci si può rilassare con il viola e soprattutto con il blu, che favorisce la corretta respirazione e allontana stress e insonnia. Per ritrovare l'armonia, il verde che dona serenità e il bianco che contrasta debolezza e depressione.