27 Ott

Skincare: l'importanza dell'idratazione cutanea

Scritto da  |

Prendersi cura della propria pelle è un passo fondamentale, al fine di attuare una perfetta skincare, che si adatti anche le esigenze specifiche del nostro viso. La cura della pelle è uno step che non può mancare nella nostra routine di bellezza. Vediamo insieme come idratare la pelle nella maniera corretta.

Cos’è l’idratazione cutanea

 

Perché l'idratazione del viso è così importante? Ve lo spieghiamo subito. Forse non tutti sanno che la pelle è composta all'80% di acqua e ci protegge da microrganismi esterni. Essa è composta dall'epidermide, che è lo strato più esterno, dal derma e dall'ipoderma, ossia il tessuto adiposo. Quando l'idratazione non c'è o viene a mancare, l'epidermide inizia a perdere elasticità e vitalità: a seguito di questo processo, iniziano ad insorgere diversi problemi, quali la comparsa di rughe, iper sensibilità, arrossamenti, bruciori e pizzicori che derivano, sostanzialmente, dalla disidratazione.

 

L’importanza dell’idratazione a seconda della tipologia di pelle

 

Come identificare la propria tipologia di pelle? Per capire che tipo di pelle avete, dovete osservarla per capirne le caratteristiche principali ed attuare, così, la migliore routine di skincare, senza sbagliare nessuno step:

· Pelle normale: con questa definizione, ci si riferisce a una pelle ben equilibrata. La zona T – fronte, mento, naso – può risultare leggermente grassa, anche se la secrezione di sebo non è eccessiva e la pelle non risulta né eccessivamente grassa, né troppo secca. Questa tipologia di pelle presenta una buona circolazione sanguigna, una texture morbida, pori fini, un colorito sano e roseo e nessuna imperfezione;

· Pelle secca e molto secca: produce meno sebo della pelle normale e tende a trattenere l'idratazione. Ciò significa che la barriera protettiva si danneggiata e la pelle inizia a desquamarsi. Pertanto, perde acqua e risulta più arida e ruvida, con rughe e rughette sparse su diverse zone, alcune anche molto pronunciate; screpolature e macchie, soprattutto in età matura. Tutto ciò può comportare pruriti e tagli, soprattutto in alcune zone del corpo, come i talloni;

· Pelle grassa: la pelle, in questo caso, produce un'elevata quantità di sebo. Ci sono diverse cause che rendono grassa la pelle: predisposizione genetica, disfunzioni o squilibri ormonali, stress, cosmetici aggressivi. Punti neri, pori dilatati, brufoli ed imperfezioni caratterizzano tali pelli, che hanno anche un aspetto lucido, arrossamenti ed infiammazioni. In alcuni casi, c'è anche la presenza di acne che può essere più o meno grave.

· Pelle mista: le guance tendono ad essere più secche o normali, mentre la zona T soggetta a maggiore fuoriuscita di sebo e, quindi, ad apparire più lucida. I pori tendono ad essere più dilatati e c'è la presenza di qualche impurità sparse;

· Pelle copparosica e sensibile: questa tipologia di pelle vede la presenza di couperose. I capillari sottopeidermici risultano più dilatati e si sfibrano, formando una rete violacea, particolarmente visibile sulle guance. Questa condizione è presente, in particolare, nei soggetti che soffrono di fragilità capillare: la couperose, infatti, è presente su pelle sottile, secca, delicata, sensibile, reattiva, allergica e facilmente irritabile.

 

Come idratare la pelle del viso

A questo punto, ci si può chiedere: come idratare il viso in base alla tipologia della propria pelle? Per prima cosa, esfoliate la pelle una volta a settimana, con un buon scrub, in modo da liberarla da cellule morte e sebo in eccesso. Fatto ciò, optare per una maschera idratante, che va rigenerare la pelle: è preferibile scegliere prodotti non a base di oli, poiché, in particolare per le pelli grasse e miste, potrebbero portare alla fuoriuscita di punti neri e brufoli. Una volta attuate queste importanti coccole per la pelle, dobbiamo passare all'applicazione di un prodotto idratante efficace, che vada a fortificarla e a curarla, al fine di aiutare l'epidermide nel suo naturale processo di rinnovamento cellulare. La scelta dei prodotti è fondamentale ed è sempre meglio affidarsi a prodotti di qualità. La selezione di una crema idratante per il viso non può prescindere da un’attenta valutazione degli ingredienti e dei principi attivi contenti , che dovranno assicurare una idratazione suprema ed essere un valido aiuto per la pelle del viso, del collo e del décolleté, parti del corpo maggiormente esposte all'invecchiamento e alla comparsa di rughe più o meno visibili e profonde.

 

Buone abitudini per una pelle idratata

 

Per mantenere la pelle idrata e contribuire al suo ringiovanimento, dovete far respirare la pelle: lavate il viso in modo adeguato tutte le sere prima di mettervi a letto: ciò permette di eliminare tutti i residui di sporco e le impurità presenti nei pori. Se questo passo non viene attuato, la pelle sarà più soggetta ad acne e rughe, per via dei pori occlusi che bloccheranno la formazione di collagene nella pelle. Idratare la pelle prima di coricarsi, in modo da dissetarla durante le ore notturne, durante le quali tende maggiormente a seccarsi. In questo modo, la pelle sarà radiosa e luminosa il mattino seguente. Non dimenticatevi della crema per il contorno occhi, cosmetico importante per eliminare rughe sotto gli occhi e le tanto temute borse. Non dormite a pancia sotto, poiché poggiare il viso sul cuscino incentiva la comparsa di rughe e accelera il processo di invecchiamento. Anche l'esfoliazione delicata è un passo molto importante da attuare di sera, però, se non avete tempo di mettere in pratica tutti questi consigli, potete optare per una maschera facciale che idrati la pelle e favorisca l'apertura dei pori.

 

Vantaggi e benefici dell’idratazione cutanea

 

Individuando la propria tipologia di pelle e utilizzando un cosmetico dai benefici tangibili, sarete in grado di contrastare l'invecchiamento cutaneo del viso, che può essere tenuto sotto controllo già a partire dai 25 anni, in maniera preventiva, anche se la pelle è ancora giovane, ma comunque esposta agli agenti atmosferici, ai raggi solari, nonché a una diminuzione della capacità proliferativa delle cellule dell'epidermide che, quindi, comincia ad assottigliarsi e ad essere maggiormente esposta a scottature, in particolare nel periodo estivo. Anche l'ambiente incide sul tono e sull'elasticità della pelle. Pertanto, armatevi di uno specchio e iniziate a scrutare la vostra pelle e a prendervene cura, a qualsiasi età. Provvedere al fabbisogno di acqua giornaliero della pelle, infatti, permette di attuare il processo naturale e fisiologico di idratazione cutanea.

 

IMG: greenbsn.com

 

Letto 179 volte Ultima modifica il Venerdì, 27 Ottobre 2017 13:15
Vota questo articolo
(0 Voti)
LeiDonnaWeb

LeiDonnaWeb è il portale dedicato alla Donna, con tutte le ultime notizie riguardanti il mondo femminile dall’Abbigliamento al Gossip, dall’essere Mamma alla voglia di Benessere, dal Cinema alla Tv, dal Make up alla cura dei Capelli e tanto altro ancora

Sito web: www.leidonnaweb.it