24 Apr

MercoledìVeg. I comportamenti per salvare il pianeta e la ricetta delle Cabiette

Scritto da  |

Earth Day 2013, Salviamo il Pianeta. 

Nel 1970, 20 milioni di americani scesero in piazza e diedero vita alla prima manifestazione in difesa della Terra. Oggi, le persone in piazza sono diventate più di un miliardo e non sono solo americani. 175 le nazioni che hanno partecipato, il 22 aprile 2013, all’Earth Day, la quarantatreesima mobilitazione mondiale in difesa della Terra. Un evento importante che si propone di incentivare e diffondere comportamenti adeguati per sostenere il pianeta. “Lo scopo dell’Earth Day è di ispirare consapevolezza e apprezzamento per l’ambiente. Difficile pensare a un obiettivo più meritevole di questo” – Così si è espresso Eduardo Rojas Briales, vicedirettore generale del dipartimento Foreste della Fao. Noi tutti, di certo, siamo ben consapevoli di quanto il pianeta Terra abbia bisogno del nostro supporto. Dovunque volgiamo lo sguardo, ahimè! è molto facile vedere o intravedere qualcosa “fatto male e che arreca danno”. Earth Day Italia, che dal 2007 partecipa all’Earth Day mondiale, suggerisce quest’anno diverse semplici azioni green per provare a cambiare, risanandoli, i risultati di quelle cose fatte male relative ad alcuni nostri comportamenti abitudinari.

Allora, prima cosa da fare, chiudere bene tutti i rubinetti, non solamente quando usciamo da casa, ma anche mentre ci insaponiamo sotto la doccia e ci laviamo i denti; cambiamo poi quelli che gocciolano, in soli 4 minuti se ne vanno via, goccia dopo goccia, 50 litri d’acqua. Abituiamoci a spegnere gli standby degli apparecchi elettronici e a staccare i caricabatterie dalle prese. Se 100 di noi spegnessero i propri PC, ad esempio durante la pausa pranzo, eviterebbero a 8 kg di CO2 di andare a inquinare l’aria. Mangiamo più frutta e molta più verdura, così da incoraggiare le produzioni che hanno un impatto inferiore sull’ambiente, ricicliamo gli pneumatici, facciamo la raccolta differenziata dei farmaci e portiamo l’olio delle fritture alle isole ecologiche, un litro di quest’olio, infatti, disperso nell’ambiente, degrada 1000 metri cubi d’acqua. Ricicliamo anche la carta, così diamo una mano agli alberi, ricicliamo il vetro, che ci permette di economizzare 400 tonnellate di petrolio, e ricicliamo pure la plastica, ognuno di noi ne produce circa 30 kg ogni anno. Andiamo più spesso a piedi e in bicicletta, che ci fa pure bene alla salute, e serviamoci dei mezzi pubblici, anche se dovrebbero essere, al fine di incrementarne l’uso, migliorati. E, ultima cosa, durante l’estate proviamo ad accendere meno i condizionatori, qualche ora di caldo da sopportare è sempre meno dannosa è più naturale di una malsana boccata di anidride carbonica.

 

 

ricetta-cabiette-gnocchetti

 

MercoledìVeg con le CABIETTE

Ingredienti per 4 persone:

- 800 gr di patate;
- 800 gr di cipolle;
- 200 gr di farina di segale;
- 150 gr di ortiche;
- burro di soia;
- pane di segale grattugiato;
- sale;

Lavate, strizzate e tritate finemente le ortiche. A parte, lessate le patate, sbucciatele e schiacciatele. Il ricavato, poi, ponetelo in una terrina, aggiungete le ortiche, la farina di segale e impastate il tutto. Fate a pezzettini la cipolla e mettetela a soffriggere in 50 gr di burro. Preparate degli gnocchetti con il composto di patate e fateli bollire in acqua salata. Scolateli e ponetene un primo strato sul fondo di un recipiente da forno, poi, spandeteci sopra le cipolle fritte e irrorate con il burro fuso. Fate quindi un secondo strato di gnocchetti e così via fino alla fine degli ingredienti. L’ultimo strato ricordatevi di spolverizzarlo con il pane grattugiato. Alla fine, ponete il recipiente in forno e lasciate cuocere a 180° per circa 3/4 d’ora. Questo piatto va servito caldo.

 

Scopri gli altri articoli e ricette del MercolediVeg

 

Letto 2304 volte Ultima modifica il Mercoledì, 24 Aprile 2013 11:10
Vota questo articolo
(5 Voti)
Alessandra Verducci

Nata a Roma, è regista e autrice televisiva e teatrale. Ha lavorato anche nella redazione del telegiornale "Dentro la Notizia" e dei programmi Anni ’80; "Miti, Mode e Rock'n Roll" e "Accadde Domani". Ha scritto e messo in scena un monologo dedicato a Gino Paoli, realizzato reportages per RAI 1 e vari documentari industriali.

Nel 2011 ha pubblicato con Edizioni Progetto Cultura il libro "Dietro il buio" una fiaba che prosegue ed evolve in "Chiron nel regno di Darkan" il secondo libro pubblicato a dicembre 2012.