19 Mar

Ricettine veloci per la colazione o gli spuntini dei bimbi

Scritto da  |

La colazione, lo spuntino di metà mattina, così come la merenda, sono pasti fondamentali per i bimbetti e non solo; per restare in buona salute e forma non bisognerebbe mai saltarli.

Ho sempre pensato che alternare i sapori e i cibi sia un modo per aiutare i bimbi a non annoiarsi, grande problema di noi mamme che spesso li vediamo davanti alla tazza di latte con i biscotti o alla solita frutta, non avere voglia di mangiare .
Capita anche a me, nonostante Mattia sia un mangione, che non abbia voglia del latte, quindi mi sono messa alla ricerca di ricette per poter alternare i suoi pasti.
Ho trovato delle ricettine buonissime e ho pensato di scrivervele qui, sono velocissime da fare e sono sicura che saranno molto gradite da tutti i bimbi e, se per caso amano di più il salato del dolce, si possono dare tranquillamente anche a colazione accompagnati da un bicchiere di latte.

 

Mini cornetti al prosciutto

 

Mettete in una terrina 100 grammi di farina, 100 grammi di fontina grattugiata, un tuorlo d’uovo, due cucchiaini di lievito in polvere, sessanta grammi di burro ammorbidito a temperatura ambiente e una presa di sale.
Lavorate gli ingredienti con un cucchiaio di legno e in seguito con le mani fino a ottenere un composto sodo e liscio, dopodiché stendete la sfoglia e con una rotella o un coltello ritagliate dei quadrati più o meno di otto centimetri.
Tritate 100 grammi di prosciutto cotto e appoggiate sull’angolo di ogni quadratino di sfoglia, un cucchiaino di prosciutto, dopodiché, partendo proprio dall’angolo con il prosciutto arrotolate la sfoglia su se stessa fino a ottenere un cornetto.
Imburrate e infarinate (cosa importantissima perché così non si attaccheranno) una piastra da forno, metteteli sopra tenendoli distanti un paio di centimetri uno dall’altro e fate cuocere per circa quindici minuti con il forno a temperatura di 160 gradi.
Si ottengono una decina di cornetti che possono essere tenuti in frigo, per poi essere consumati nei due giorni successivi per la colazione di tutta la famiglia…

I bambini ne vanno matti ma anche gli adulti eh.

 

 

Torta salata


Come la torta, tra l’altro buonissima, sette vasetti, per preparare questa torta salata si usa il vasetto dello yogurt per calcolare la quantità degli ingredienti necessari: è tutto quindi molto più semplice.
Mettere in una terrina tre vasetti di farina bianca, tre uova medie, un vasetto di yogurt bianco intero preferibilmente non zuccherato, un vasetto di olio di semi, un vasetto di parmigiano grattugiato, una presa di sale, se si vuole un cucchiaio di erbe aromatiche a piacere (io uso l’origano e l’erba cipollina) e una bustina di lievito in polvere per torte salate.
Amalgamate bene tutto e quando il composto è ben omogeneo, uniamo anche 150 grammi di prosciutto cotto tagliato a cubetti piccoli.
Versate poi tutto in uno stampo da dolce in precedenza imburrato e infarinato e cuocere in forno a 180 gradi per quaranta minuti circa.
Si può mangiare calda, intiepidita nel fornetto o fredda.


Non mi resta che dirvi : “ BUONA PAPPA A TUTTI”.

 

Potrebbe interessarti anche: Ciambella morbida yogurt e limone

 

Letto 3134 volte Ultima modifica il Mercoledì, 20 Marzo 2013 16:31
Vota questo articolo
(4 Voti)
Suyien Assandri

Palare di se stessi non è facile, a chi lo chiede solitamente rispondo "Sono semplicemente io" ma questa formula magica ovviamente ad un estraneo non dice proprio nulla quindi direi che:

  • ho 36 anni, chiacchierona, sensibile, testarda, estremamente sincera...
  • sono mamma  del mio bellissimo Mattia nato nel 2010 che adoro, non so se sono una buona mamma io però lo spero e faccio di tutto per crescere il mio bimbo circondato di amore e armonia.
  • felicissima compagna del mio amore da 8 anni.
  • animalista stra-convinta...

Amo scrivere, un paio di anni fa sono riuscita a realizzare il mio sogno di vedere pubblicati due miei racconti brevi.

Concluderei dicendo che sono sempre pronta a nuove sfide per scoprire nuovi mondi e far crescere la mia persona sempre di più.