30 Nov

La ricetta dei tartufi, i deliziosi dolcetti da regalare a Natale

Scritto da  |

In vista delle feste che inesorabilmente si avvicinano, care amiche, potremmo puntare a qualcosa di diverso dai soliti regali di Natale mirando a colpire la "gola" delle persone a noi più care, realizzando dei gustosissimi dolcetti. Parliamo deideliziosi tartufi, praline tanto deliziose quanto semplici da preparare anche per coloro che non hanno molta dimestichezza con i fornelli.

 
Vediamo dunque come preparare questo regalo semplice ed economico, ma decisamente amorevole perché realizzato con le proprie mani. 
 
Gli ingredienti che occorrono sono i seguenti:
 
  • 150 ml di panna fresca 
  • 150 gr di cioccolato al latte
  • 150 gr di cioccolato fondente
  • Pistacchio, granella, cocco e codette di cioccolato per decorare le praline
 
Occorre mettere la panna in un pentolino e scaldarla fino quasi a portarla all'ebollizione. Nel frattempo occorre sminuzzare i pezzi di cioccolata (che sia con il mixer o anche con il coltello) al fine di facilitare il loro scioglimento. Occorre poi versare il cioccolato al latte e quello fondente, una volta sminuzzati, nella panna bollente, mescolando fino ad ottenere un composto cremoso e omogeneo. Ora si può scegliere di personalizzare quelli che saranno i vostri tartufi con delle spezie (vaniglia, cannella, scorza d'arancia) o anche con del liquore.
 
Occorre poi mettere il pentolino in frigo per far raffreddare il composto. Una volta rassodato occorre prelevare delle piccole porzioni di composto e realizzare delle palline da decorare con granella di cocco, nocciole tritate, pistacchio, mandorle o quello che più vi piace. I tartufi così realizzati si mantengono nel frigo per 3-4 giorni, anche se data la loro bontà immaginiamo che vi resteranno per molto meno tempo.
 

Letto 2168 volte
Vota questo articolo
(3 Voti)
Simona Vitale

Nata a Napoli nel 1982, amo la cultura, la legge e il giornalismo. Laureanda in Giurisprudenza, mi divido fra le mie grandi passioni sia nel lavoro che nella vita. 

 

Facebook: Simona Vitale