Chi di noi non è in costante diatriba con gli inestetismi della pelle? Persino le Top Model più famose al mondo (alcune) ammettono di essere vittime del fastidioso effetto buccia d’arancia.
Una nuova scoperta: a favorire l’insorgenza della cellulite sembra contribuiscano degli agenti, Ages (Advanced glycation end products), ovvero sostanze tossiche che si generano durante un’eccessiva cottura degli alimenti e che provocano danni ai tessuti connettivi. Il tutto ufficialmente e scientificamente discusso e studiato nel corso del congresso nazionale della SIME (Società Italiana di Medicina Estetica).
Vi faccio alcuni esempi:
la pasta, la crosta del pane bianco, la carne arrosto e il latte UHT (sia fresco che bollito), i dolci al forno, le bevande light e i dolcificanti sono i cibi in cui questi agenti Ages sono maggiormente presenti.
Al contrario, i vegetali, i cibi cotti al vapore o a fuoco lento e il latte fresco pastorizzato ne sono privi.
Il tutto a causa dei trattamenti tecnologici a cui la preparazione industriale dei cibi sottopone i prodotti stessi.
Afferma Luigi Rossi, docente di scienza dell’alimentazione e medicina preventiva all’Università di Bologna: “Si tratta di composti molecolari aggressivi che agiscono sui recettori delle membrane cellulari dei fibroblasti, le cellule della pelle, sul collagene e sugli adipociti alterando il tessuto connettivo, il sistema venoso, arterioso e linfatico. Sono i prodotti finali dei processi di glicazione, dovuti all'unione del glucosio con il collagene che rendono i tessuti rigidi e fragili. Non è possibile azzerare l'introito di Ages, ma è possibile ridurlo seguendo una dieta a basso contenuto di zuccheri, privilegiando cibi crudi o cotti al vapore, riducendo il consumo di bevande zuccherate e cibi industriali.”

 

alimentazione-per-combattere-la-cellulite

 

Quindi non soltanto uno stile di vita attento e misurato, l’attività fisica e le creme vi aiuteranno ad eliminare il fastidioso effetto antiestetico. Noi siamo ciò che mangiamo, il nostro corpo è il riflesso diretto di come noi lo curiamo e nutriamo.
Quindi fare attenzione nella scelta degli alimenti, per non essere superficiali, non ci aiuterà soltanto ad apparire più belle e pronte alla prova costume (che tra l’altro è alle porte), ma è un dovere che noi abbiamo verso noi stesse.
Del resto, care donne, se non siamo noi le prime che ci amiamo e ci curiamo, come possiamo pretendere che possano farlo gli altri poi?
quindi

Ti interesserà pure: Se bella vuoi apparire, ti devi nutrire

 

Sappiamo quanto le Barbie, con la loro statuaria bellezza, rappresentino un mito per tutte le ragazzine che, spesso, tentano di assomigliare, talvolta esagerando, al loro mito.

Oggi vi parlo di un prodotto eccezionale per combattere gli inestetismi della pelle. Mi riferisco al Fango Multi Intensivo di Green Energy Organics. 

Madre natura? Con qualche aiutino, magari, e non mi riferisco al bisturi. Il segreto di bellezza di top model e celebrità si chiama Ildi Pekar, un’estetista specializzata in trattamenti all’avanguardia per viso e corpo. Nel suo centro, a Manhattan (New York), Ildi propone terapie non invasive utilizzando prodotti puri e organici che promettono risultati strabilianti.
Esempi?
Il Platinum Cell-Stem Cell è un trattamento per il viso in cinque tappe, che associa cellule staminali e platino, specifico per ridurre a vista d’occhio rughe e altri segni di invecchiamento, proteggere dai radicali liberi e rigenerare la struttura della cellula ripristinandone le condizioni ottimali. La combinazione di cellule staminali e platino (convertito in miniparticelle) promuove la crescita di cellule sane della pelle. Successivamente la cute viene raffreddata a -4° per lenirla, lisciare le rughe e chiudere i pori e, infine, si applica una maschera con aminoacidi, camomilla e ingredienti idratanti. (375$ per 90 minuti)

Il Trio-lift è per una terapia veloce ed efficace contro la cellulite, che agisce modellando i tessuti e diminuendo il grasso del corpo e del viso con la radiofrequenza: dopo aver applicato una crema protettiva, viene utilizzata un’apparecchiatura che rilascia correnti elettriche e trasmette a intermittenza calore (prima 39° poi 42°) per riscaldare le cellule adipose e accelerarne il metabolismo, permettendo a esso di rilasciare acidi grassi “buoni” nel sistema circolatorio. (100$ da 10 a 20 minuti per il viso, da 100$ in su per il corpo, 90 minuti)

 

 

Per tonificare invece zone come stomaco, cosce, glutei e seno viene impiegato il B.E.A.M., un apparecchio che punta al rassodamento rilasciando scariche elettriche in grado di riprodurre il processo bio-elettrico del corpo. (200$ per un’ora)

Ci si avvale della Maschera di Ferro (non quella del film con Leonardo di Caprio, ovviamente!) per pulire a fondo il viso, sulla base del potere magnetico del ferro per purificare la pelle. La maschera è termomagnetica e viene applicata sul volto massaggiandola, per catturare cellule morte e impurità attraverso appunto microsfere di ferro, passando poi una speciale calamita che rimuove il ferro assieme a ciò che ha fagocitato. (200$ per 75 minuti)

La vera chicca, però, è il Therama-Slim, ideale per le occasioni speciali: si applica una miscela di olii essenziali che inducono la traspirazione, e si copre il corpo con una coperta calda. Un sistema perfetto per disintossicarsi e perdere centimetri di punto vita, già a partire dalla prima seduta. (150$ per un’ora)
Che dite, vi sottoporreste a trattamenti simili?

 

Questo è un articolo per sole donne.
Quindi, uomini di passaggio, o voi che buttate sempre un occhio perché è sempre meglio tenersi informati, fate il piacere, andate altrove, che qui si parla di cose di femmine.


La storia è complessa, e ha un antefatto.
Ho lavorato per trent'anni in pubblicità, sono cresciuta a pane pubblicità e Jack Lemmon che andava a dipingere i manifesti per le strade di New York, conosco alla perfezione i meccanismi della suddetta e so, quindi, molto bene, che il copywriter, banalmente per i non addetti "quello che scrive i testi", è innanzitutto un bugiardo bene informato, cioè uno che ha la funzione di venderti qualcosa e farti credere che quel qualcosa sia assolutamente il meglio del settore, che quello che c'è scritto nell'etichetta (ci avviciniamo pian pianino al centro del discorso) è la vera verità, che soltanto così, acquistando quel prodotto, potrai risolvere tutti i tuoi problemi di donna, fuochino, e fra quei tutti il principale, la cellulite. Ancora fuochino, però.
Eppure io ci credo, tutte le volte che un nuovo portentoso ritrovato della cosmesi viene lanciato sul mercato, o, peggio ancora, uno vecchio viene rilanciato con una "nuova formula" ancora più efficace, io ci credo e lo compro.
E lo so come funziona, so che quelle parole e quelle frasi tanto accattivanti possono benissimo essere state scritte da mio marito (ehm, ho il nemico in casa) che non ha la più pallida idea di cosa sia la cellulite, ma che ha letto un papier di cartacce che gli ha fornito il cliente, che ha studiato quel tanto che basta ricerche di mercato e plus di prodotto per metterlo in italiano pubblicitariese, che si "è fidato" dei dati e dei numeri che gli hanno fornito (certo che si è fidato, mica fa il ricercatore o il chimico in un'azienda cosmetica) che ha fatto in modo di trovare le parole giuste per evitare che il prodotto, e con lui l'azienda, possano essere denunciati per pubblicità ingannevole. Che ha creato, insomma, insieme all'art director e a tutto lo staff di un'agenzia di pubblicità, quell'aurea di prodigio che aleggia intorno allo straordinario ritrovato.
Eppure io ci credo, e insieme ad altri milioni di donne acquisto prodotti snellenti che ti fanno diventare come Barbie, creme rassodanti che ti trasformano nella Venere di Milo incluso il marmo, fanghi serali dopo i quali, al risveglio, niente sarà più come prima: sarai senza cellulite, tonica, soda, e naturalmente magrissima ma piena di curve al posto giusto.
Ma vengo al dunque, eh già, ancora non eravamo al dunque.
Ieri decido di mettere in ordine i miei campioncini di creme, quelli avuti in dono nella mia farmacia di fiducia e nell'erboristeria dove faccio i miei acquisti, il mio tessssoroooro.
Inizio a dividerli: bagnoschiuma con bagnoschiuma, crema corpo con crema corpo, contorno occhi con contorno occhi, volumizzante seno con voluminizzante sen… ma che accidenti è questo? VOLUMINIZZANTE SENO?
(Fuoco!)
Prima di tutto vorrei sapere chi me l'ha dato, visto che questa marca (Io adoro questa marca, soprattutto per il fatto che sembra essere cosi "scientifica", così seria, così…efficace!) ce l'hanno entrambi. Chi è dunque il colpevole, l'erborista che assomiglia a Charlie Brown o la farmacista che sotto sotto nasconde un animo da Lucy Van Pelt?
Va bene, sorvoliamo pure su questo, mi sento buona, su chi dei due abbia deciso che possa averne bisogno (non lo sanno che se c'è una cosa che non temo è l'effetto di gravità?), quello su cui non riesco a sorvolare è altro: ma a cosa serve un campioncino da 8 ml di Voluminizzante seno (titolo) Push up + Effetto Tensore (sottotitolo)?
Facciamo finta che io riesca a farci due applicazioni, 4 ml oggi e 4 ml domani, la superficie è quello che è e dunque dovrei riuscire nell'intento, ma i risultati? Cosa mai potrei vedere in due giorni? Un aumento di taglia tale da farmi decidere di buttare il Wonderbra o necessario al riassortimento di tutti i reggiseni che possiedo? Cosa dovrebbe convincermi all'acquisto?

 


Qualcuno potrà obiettare che in fondo è così per tutti i campioncini: antirughe, contorno occhi, anticellulite, rassodanti… Eh no, mi si consenta, qui si promette un miracolo, negli altri casi ci si limita a valutare la texture, la profumazione, l'assorbimento, l'attenuazione… Qui mi si prende in giro senza ritegno!
D'altra parte, che mi si prenda in giro senza ritegno lo so, sono quasi due mesi che uso una crema per uomo Addominali Perfetti trovata in casa e mai utilizzata dal consorte - non si butta via niente che è peccato - e naturalmente di tartarughe nemmeno l'ombra, ma questa volta si esagera, cari i miei voluminizzatori di tette.
Che qualcuno mi illumini - forse non ve ne siete mai accorti ma in homepage in alto a destra dell'articolo è possibile lasciare un messaggio e a me piacerebbe davvero molto conoscere le vostre debolezze e il vostro parere sul campioncino in questione - io vado a massaggiarmi i piedi con quella crema balsamica che dovrebbe farmi diventare alta e bionda.
(Naturalmente userò il campioncino, nella peggiore delle ipotesi è sicuramente un ottimo idratante!)

 

Potrebbe interessarti anche: Guida ai migliori prodotti di bellezza