11 Set

Via le rughe con il make up! Sette mosse per minimizzare le odiose zampe di gallina

Scritto da  |

Uno svantaggio dell’abbronzatura estiva è l’accentuarsi delle rughette al margine degli occhi, poiché la pelle nei solchi non si abbronza e lascia un’antiestetica linea pallida.

Oltre all'applicazione di trattamenti antietà e a una corretta idratazione e reidratazione della pelle, il make up può rivelarsi un ottimo alleato per smorzare lo sgradevole effetto delle rughe.

 

Consigli-per-nascondere-zampe-di-gallina 

 

Ecco sette mosse per ovviare al problema zampe di gallina avvalendoci del make up: 

1. Non usiamo ombretti madreperlati: invecchiano e risaltano ogni minima imperfezione.

2. Preferiamo le polveri satinate: danno un risultato semi- trasparente molto naturale.

3. Optiamo per i toni caldi (beige, tortora, marrone) in tutte le sfumature, e i toni freddi (blu, viola, grigio) purché in tonalità pacate, mai squillanti. 

4. Perfetta una sottile linea di matita al posto dell’eyeliner, per un effetto più morbido che non indurisca l’espressione. Meglio però non evidenziare la linea di attaccatura delle ciglia, se la palpebra superiore tende a cedere: il difetto verrebbe accentuato. 

5. Ottimo il mascara nero a effetto incurvante; applicato solo sulle ciglia superiori, per aprire lo sguardo (leggi la recensione delle Matite Long lasting di Kiko)

6. Sfoltiamo e definiamo le sopracciglia: un’arcata ben accentuata regala l’illusione di palpebre toniche e sollevate, e lo sguardo apparirà ringiovanito.

7. No al trucco sulla palpebra inferiore: borse, occhiaie e linee di disidratazione sarebbero subito al centro dell’attenzione: basta un velo di correttore e, per chi ha le ciglia rade, un tratto di matita.

 

Ti interesserà pure: L'estate è finita, è ora di cambiare MakeUp

 

Letto 7964 volte Ultima modifica il Mercoledì, 11 Settembre 2013 12:15
Vota questo articolo
(5 Voti)
Martina Vecchi

È difficilissimo definirmi, ho un carattere confuso e contraddittorio, faticoso da gestire perché spesso impenetrabile. Forse perché sono dei gemelli? Una spada di Damocle che mi accompagna da sempre!

Quel che so è che amo scrivere, tantissimo, e leggere, e camminare e camminare per ore e chilometri. Amo tutta l’arte, sono una persona molto (troppo!) mentale e riflessiva, mi piace la comunicazione, e, ahimè… Lo shopping! Dovrei aprire una succursale perché il mio armadio comincia a scricchiolare…

Non sono una nottambula, amo le serate casalinghe in compagnia di un buon libro o di un film, e del mio orsacchiotto preferito. Sono una coccolona e mi lego profondamente a tutto e tutti, cose, persone, situazioni, profumi. Amo perdermi nella quotidianità delle piccole cose rassicuranti, e questa è la mia vera ambizione, trovare la serenità qui e ora.