28 Gen

Coccole da celebrity: la cupping therapy o coppettazione

Scritto da  |

Cosa è la cupping therapy? 


Qualche volta vi sarà capitato di vedere qualche celebrità (come Gwyneth Paltrow) appena uscite dalla beauty farm con delle vistose macchie tonde sulla pelle. A tal proposito, avete sentito parlare del massaggio denominato “coppettazione” o “cupping therapy” ? E’ proprio quello l’artefice delle macchie livide sulla pelle dei vip!
La coppettazione è un'antica pratica terapeutica della medicina tradizionale cinese la cui finalità è quella di alterare i flussi energetici del corpo e di ristabilire l'equilibrio fisico. L'azione terapeutica viene svolta mediante la stimolazione della circolazione sanguigna e linfatica nell'area di intervento che spesso corrisponde ai punti dove viene esercitata l’agopuntura. In queste zone “strategiche” vengono applicate delle coppette (da cui appunto proviene il nome) del tutto simili ai vasetti degli yogurt, di materiale vetroso, di bambù, di bachelite o di plastica.
Una volta scelto il punto sul quale applicare la coppetta, rigorosamente rasato, si deve fare in modo che questa aderisca alla cute con il meccanismo di vuoto.
Ed è possibile tramite due modalità:
Introducendo nella coppetta, per pochi decimi di secondo, un fiammifero acceso per far fuoriuscire, grazie a una veloce dilatazione, l'aria contenuta nella coppetta, creando quindi i presupposti per la costituzione del vuoto; o inserendo all'interno della coppetta un piccolo batuffolo di cotone intriso d'alcol etilico al quale viene dato fuoco. Il calore generato dal fuoco farà espandere l'aria creando una ridotta pressione potendo così creare il vuoto.
Fatto ciò si procede, rapidissimamente, ad applicare la coppetta sulla cute osservando che questa si rigonfi all'interno della coppetta per azione del vuoto, rimanendo attaccata tenacemente e valutando se in modo accettabile o eccessivo così da evitare edemi.

 

coppettazione

 

Ideale per combattere malattie e non solo. 

La coppettazione è indicata per il trattamento di svariate sindromi dolorose, gastro-intestinali, malattie polmonari, tosse, asma, e anche per sindromi depressive e ansiose. Per ciascuna tipologia di malattia, la coppettazione interviene su delle specifiche aree del corpo. Per le malattie respiratorie viene considerata la regione dorsale alta.
Per le malattie dell'apparato digestivo come gastrite e diarrea quelle della regione dorsale meridiana, nonché alla regione addominale periombelicale.
Per sindromi dolorose come cefalee, emicrania e lombalgie le applicazioni la pratica viene effettuata sulla regione parietale e occipitale e sulla regione dorsale bassa e lombare.
La coppettazione si pensa riesca addirittura a trattare anche disturbi ginecologici come l’infertilità e i mestrui irregolari, leucorrea e crampi uterini. Recentemente viene utilizzata anche per contrastare problemi di cellulite, smagliature e obesità. In questo ultimo caso i massaggiatori si avvalgono della tecnica di scorrimento delle coppette applicando degli oli per appunto farle scorrere meglio in più zone della pelle. L’effetto ventosa che si ottiene ha il potere di rimuovere i ristagni di liquidi e tossine, di riattivare la circolazione sanguigna e di ridare una salutare energia vitale a tutto l’organismo. La trazione del muscolo, inoltre, assicura un’ efficace azione di rimodellamento del corpo.
Ricordatevi che la scelta di questo trattamento non può essere generalizzata. Dipende sempre dall’entità del vostro problema e non è detto che se funzioni per qualcuno possa funzionare anche per voi. Ognuno ha una risposta individuale a determinate terapie.
Se siete curiose di provarlo, il suo prezzo può variare dai 20 ai 60 euro e assicuratevi che il massaggiatore sia qualificato!

 

Letto 7037 volte Ultima modifica il Martedì, 29 Gennaio 2013 10:34
Vota questo articolo
(2 Voti)
Federica Pocaterra

"Ho il carattere tipo delle donne. Lo sono nella mia totalità: insieme alle debolezze alterno gli alti e bassi, dettati dalla lunatica predisposizione femminile! Le mie passioni sono pressoché quelle stereotipate di noi donne: shopping, scarpe, make-up, outfits, gossip, tendenze, cucina, cura della persona e tanto altro. Praticamente gli ingredienti di contorno della dieta della femminilità. 

Mi piace scoprire cose nuove, ed è per questo che i viaggi mi appassionano anche solo immaginarli. 

Adoro scrivere. Qualsiasi cosa - E come adolescente DOC tenevo dei diari, ancora ben custoditi nel cassetto, dove incameravo piano piano le passioni odierne. 

A scuola sono sempre stata la sarcastica di turno e a tal proposito, infatti, faccio uso spropositato di stupefacenti quali l’umorismo in pillole. Grandi dosi che però non provocano mai assuefazione. 

Mi definisco divertente; alla mano; solare e un buono scrigno di consigli di qualsiasi genere!

Cerco nelle persone e nelle esperienze di tutti i giorni le schegge mancanti del mio bicchiere, scagliato per terra dalla mia totale mancanza di pazienza nel capire se era mezzo vuoto o mezzo pieno… Sintomatica reazione a un carattere lunatico di una donna!

In generale sono prima di tutto questo: una donna. Il che contiene di per sé tante mille sfaccettature "