Care amiche, non sappiamo se tutte voi conoscono Federica Vaccaro. Parliamo di una giovane designer di origini siciliane, la quale dopo la laurea alla Central Saint Martins di Londra ed uno stage da Vivienne Westwood, ha deciso di creare una sua linea di borse. Reallizzando un design dalla forma trapezoidale e dagli elementi dorati, le sue borse sono simili a quelle classiche Kelly di Hermès, sebbene esse appiano molto più giovani e moderne grazie all’uso del PVC.

 

Le Bibi Bag rivelano il loro contenuto grazie alla trasparenza del materiale usato per realizzarle e mostrano tutta una serie di accessori fashion che portiamo con noi quotidianamente. Parliamo di cover per il cellulare o della bustina firmata per i trucchi, giusto per fare un esempio. Senza contare che sarà anche più semplice trovare le chiavi che di solito si annidano sul fondo della borse e sepolte da decine di altre cose. 

 

Le borse sono disponibili sia nella versione classica che nella variante maxi da portare in spalla o a tracolla. Le Bibi Bag sono realizzate in diverse varianti di colore che, in maniera più o meno evidente, svelano il loro contenuto. Ammiratele nella gallery qui sotto:

 

 

Hermes presenta per la stagione fredda 2014-2015 la sua nuova collezione di fourlard dalle stampe brillanti, divertenti e audaci, un'accessorio che non potrà assolutamente mancare nel vostro armadio. Scopriamo insieme tutte le nuove proposte della maison francese.

Prosegue il nostro viaggio tra i profumi per donna che hanno fatto la storia.

 

MISS DIOR (Original), Christian Dior 1947
E’ la prima fragranza della casa di moda francese Dior e deve il suo nome a un’esclamazione di Mitzah Bricard, musa dello stilista, che vedendo entrare nell’atelier la sorella minore di Christian Dior disse: “Oh, ecco Miss Dior!”. Il profumo arrivò nei negozi insieme alla linea di abbigliamento legata al concetto di New Look. Perfetta incarnazione della donna Dior, di classe ma impertinente, Miss Dior è stato reinterpretato, con una leggera variazione nelle note d’apertura, da François Demachy.
Note di testa: bergamotto, gardenia, galbano, slavia sclarea
Note di cuore: gelsomino, rosa damascena turca, neroli, narciso
Note di fondo: patchouli, muschio di quercia, cisto labdano, sandalo

 

EAU D’HERMÈS, Hermès 1951
Creata da Edmond Roudnitska, noto profumiere francese, questa fragranza concepita intorno ad un aroma speziato, evoca un odore meravigliosamente delicato: l’interno di una borsa Hermès con il suo profumo di pelle pregiata avvolta da note agrumate e spezie. Completano la piramide olfattiva le note di ambra, bergamotto, cannella, cardamomo, geranio e cumino.

 

OPIUM, Yves Saint Laurent 1977
Il profumo più rappresentativo di Yves Saint Laurent, un classico della trasgressione. Si ispira ai misteri della Cina Imperiale e nonostante le polemiche legate alla scelta del nome (oppio in latino), Opium in Francia ottenne un gran successo e nel giro di un anno venne esportato in tutto il mondo. Un invito all’ebrezza, alla spensieratezza e alla trasgressione. Un profumo esotico e seducente come la donna di Yves Saint Laurent.
Note di testa: bergamotto, mandarino
Note di cuore: chiodi di garofano, cannella, gelsomino, ylang-ylang
Note di fondo: patchouli, mirra, incenso, labdanum

 

CK ONE, Calvin Klein 1994
Un tocco fresco che interpreta perfettamente lo stile degli anni Novanta e che ha reso celebri le fragranze unisex. Il profumo venne ideato dallo stilista ispirato dai giovani dell’era grunge e dalla loro cultura politicamente impegnata interprete della parità sessuale: da queste premesse nasce l’interesse per i profumi unisex e il successo di CK One.
Note di testa: bergamotto, cardamomo, ananas, papaia
Note di cuore: violetta, noce moscata, rosa, Hédione
Note di fondo: Ambroxan, Galaxolide

 

 

J’ADORE, Christian Dior 1999
E’ il profumo più nominato e premiato dell’ultimo decennio, J’adore è l’espressione divertente che Christian Dior si lasciava sfuggire di fronte a un abito perfetto. Le linee sensuali e le curve del flacone ad anfora ne fanno un profumo leggendario: l’essenza della femminilità assoluta in un ricco bouquet fruttato e floreale.
Note di testa: edera, mandarino, champaca
Note di cuore: rosa, violetta, orchidea
Note di fondo: pruno, legno di amaranto, muschio della mora

 

Questi qui sopra elencati sono i profumi senza tempo. In un certo senso immortali per cui rischieremmo di sprecare il vocabolo “vintage” nel descriverli.
Il profumo accompagna il nostro stile e rappresenta un po’ un’icona riconducibile alla nostra personalità. Veniamo ricordate per quella fragranza che a qualcuno diventa talvolta irresistibile ed indimenticabile. Ci rimane così impresso un profumo che spesso se lo incrociamo sotto il naso ci ricollega a una persona e a correlati ricordi.
Inoltre, come dice Patrick Süskind, autore de “il profumo”:
Il profumo ha una forza di persuasione più convincente delle parole, dell'apparenza, del sentimento e della volontà. Non si può rifiutare la forza di persuasione del profumo, essa penetra in noi come l'aria che respiriamo penetra nei nostri polmoni, ci riempie, ci domina totalmente, non c'è modo di opporvisi.

 

L'abito non fa il monaco, ma il profumo che si indossa si.

Eh già i profumi che noi scegliamo, in quanto personali, dicono all'altro quello che siamo.

La fragranza, l'essenza che scegliamo più adatta secondo in nostri gusti, rivelano all'altro un pò di noi. Prendete un uomo che solitamente indossa un profumo sportivo come Hugo Boss e Tommy Hilfiger, mostra uno spirito giovane, dinamico, mentre guida la sua auto decisamente sportiva, e programma la sua serata partita e birretta tra amici.

Ideale per le donne che amano le serate alla buona e le cose semplici.

 

Decisamente l'opposto di quello che per i suoi galanti appuntamenti sfoggia un Grigio Perla o un Gucci amante del classico, la precisione di stile, la puntualità. Giunto sotto casa, accosta la sua auto e aspetta in stile impeccabile che la sua lei oltremodo elegante si avvicini alla portiera per aprirgliela.

 

Sofisticato poi è l'uomo Armani. Un uomo pronto a tutto. Egocentrico, narcisista di classe e con classe. Deciso si muove padroneggiando la sua auto, la strada e il mondo.

Se amate le serate al chiaro di luna dal sedile di una berlina reclinato e gli occhi immersi nel cielo avete trovato chi fa al caso vostro.

 

 

I Dolce e Gabbana invece sono dell' uomo che non cresce mai, cronico Peter Panico. Il suo motto è il divertimento, e le serate insieme al lui sanno sempre di un giro sull'otto volante. L'uomo giusto per chi ama la spensieratezza, la leggerezza, e il gusto della vita.

 

Chanel regala poi all'uomo che lo sceglie quel tocco di femminilità che a certe donne può non dispiacere. L'uomo Chanel ama distinguersi dalla massa e gli riesce sempre al meglio. Uscire con lui è come organizzare una cenetta a lume di candele con il genio della lampada, sa come esaudire ogni vostro desiderio. E' il tipo perfetto per le donne che sanno cosa vogliono.

 

Jean Paul Gaultier e Prada la scelta preferita dell'uomo introverso, nascosto nei meandri dei suoi casini mentali. Se amate il mistero, l'oscurità, o i casi irrisolti, è quello che più si adatta a voi.

Se chiedeste poi all'uomo che predilige un Paco Rabanne se è pronto rsponderebbe che è nato pronto.

Hermes e Farenight caratterizzano l'uomo dalle mille e un notte, l'uomo che sa come agire difronte all'imprevedibile, quello che ha sempre la risposta giusta, l'asso nella manica, e che asso...

 

Infine Chapeau e dico Chapeau ai Signori Cartier. Se esistono dei profumi che espressamente danno di uomo e fanno uomo quelli sono i Cartier. E l'uomo che l'indossa è tremendamente convinto e sicuro di sè. Aggressivo, seduttivo ma con eleganza e classe. L'uomo Cartier conosce bene il suo ruolo e lo fa diligentemente. L'uomo Cartier vi trascinerà e coinvolgerà come un tango, accenderà tutti i vostri sensi. Vi assaporerà e gusterà come foste il vino che con sconfinata cura vi ha appena versato.

L'uomo Cartier sa cosa vuole una donna. L'uomo Cartier è un uomo, uno di quegli uomini che non chiedono mai...

post scriptum naturalmente vale anche per le donne, ma da donna...

 

Potrebbe interessarti anche: Viaggio tra i grandi classici del profumo