06 Set

All'inseguimento della bellezza

Scritto da  Vanessa Rizza

Non a caso lo stesso Kahlil Gibran in un aforisma spiegava esaurientemente quanto appena detto “La bellezza è l’eternità che si mira in uno specchio”.

 

Nonostante questa nostra condizione di incapacità nel non saper cogliere ciò che gli è più proprio, il desiderio di inseguire e di raggiungere quest’affascinante meta è insito nello spirito umano.

 

Ed ecco quindi, materializzarsi volti e figure del passato degne di citazione e annoverate tra le icone di bellezza e stile perfetto che possiamo sintetizzare semplicemente in due parole: intramontabili dive.

 

Sto parlando di personaggi femminili quali Audrey Hepburn con la sua esile fisicità e la sua immagine di eterna ragazzina ha inaugurato lo stile del cosidetto bon ton; oppure simbolo della femminilità il cui sex appeal unico e inimitabile la imprimono nelle menti di tutto il pianeta; o ancora per citare una diva tutta nostra, Sophia Loren sensuale, elegante accogliente come solo una donna italiana sa essere.

 

 

 

Naturalmente ogni una di loro possiede caratteristiche diverse che colmano i canoni di bellezza dettati dal periodo storico che stavano vivendo. Questi ultimi in quanto non immutabili, hanno subito un sostanziale mutamento tale che oggi si confondono con quelli proposti dalla moda.

 

Altissima, sottilissima ed elegantissima la modella odierna diventa il sogno di tutte le ragazze, l’ideale da raggiungere anche con l’ausilio delle più disparate diete.

 

In verità esiste ben altro per riuscire ad ottenere successo nella vita, come ad esempio donne che hanno lasciato un segno indelebile della loro esistenza caratterizzate da una personalità travolgente ma talvolta da poca eleganza.

 

In definitiva, “la bellezza sta negli occhi di chi guarda”, senza condizionamenti esterni ma semplicemente per il piacere che ne trae.

Letto 2441 volte Ultima modifica il Lunedì, 07 Gennaio 2013 15:03
Vota questo articolo
(6 Voti)