25 Feb

Rimedi naturali anti doppie punte

Scritto da  |

Maschere casalinghe per i nostri capelli.

 

E’ inverno, fa freddo, siamo stanche e stressate e le nostre difese immunitarie sono a terra come la nostra energia: tutti questi fattori non possono che influire anche sulla nostra chioma.
Specialmente se abbiamo i capelli lunghi, dobbiamo troppo spesso fare i conti con le odiate doppie punte. Conosciamo già vari trucchi per prevenirle (mai spazzolare i capelli da bagnati, spuntarli almeno tre volte all’anno…), ma non sono sufficienti.
Perché non provare qualche rimedio naturale? Non stressano la fibra del capello e donano lucentezza, morbidezza e forza, se usati con una certa regolarità. Qui di seguito propongo tre rimedi composti da ingredienti facilmente reperibili in erboristeria e al supermercato:

 

Maschera al rosmarino.
Unire 3 gocce di olio di jojoba, 3 di olio di rosmarino e 1 cucchiaio di aceto di mele. Il composto va passato sui capelli e tenuto 5 minuti prima dello shampoo.

 

Maschera all’olio di semi di lino.
Se abbiamo l’abitudine di farci la doccia al mattino, questa è la soluzione ideale. La sera, cospargere le punte dei capelli con dell’olio di semi di lino, raccoglierli in una coda e “impacchettarla” con della pellicola trasparente, fermandola con degli elastici. La mattina è sufficiente lavare i capelli come al solito e risulteranno immediatamente riparati.

 

rimedi-naturali-doppie-punte

 

Maschera all’olio di mandorle.
Per olio di mandorle intendo quello naturale di mandorle dolci, senza coloranti né profumazioni aggiunte. Occorre metterne un po’ sulle lunghezze (non sulla cute) una volta a settimana, una mezz'ora prima dello shampoo; dopodiché lavare i capelli come d'abitudine.

 

Potrebbe interessarti pure: Coccole di bellezza per i nostri capelli


Letto 4617 volte Ultima modifica il Lunedì, 25 Febbraio 2013 12:20
Vota questo articolo
(7 Voti)
Michela Cartot

Chiunque sia in grado di mantenere la capacità di vedere la bellezza non diventerà mai vecchio” diceva Kafka.  

Mi chiamo Michela Cartot, cognome che tutti sbagliano nei modi più inconsueti: colpa di una qualche origine francese, che contribuisce a farmi sentire una commistione di inquiete personalità, che trovano sfogo in parole su fogli, lettere su carta. Amo tutto ciò che riguarda la scrittura. Scrivo da parecchi anni racconti e saggi e negli ultimi tempi sto lavorando ad un breve romanzo.

Mi ritengo una persona attiva, creativa, curiosa e capace di organizzare il proprio lavoro in modo puntuale ed autonomo. Inoltre il mio amore incommensurabile per la letteratura e l'arte, da Petrarca a Italo Calvino, da Caravaggio a E.L. Kirchner, mi porta a ricercare sempre nuovi orizzonti e ad offrire diversi tagli al mio scrivere, al mio essere.

Nel tempo libero suono la chitarra, disegno, parlo a me stessa in lingua straniera; per il resto sogno una vita appagante, dei viaggi, qualche ritorno.  

Per riprendere Kafka, spero di non invecchiare mai in quel senso. Per quanto riguarda la vecchiaia naturale, beh, quella ben venga.