24 Mag

Boys Club Barber Shop, il salone a luci calde

Scritto da  |

Protagonisti la barba e i folti baffi a manubrio, i mustacchi. New York, Amsterdam, Londra, Parigi , Milano fino a Palermo nell'arte del taglio e del rasoio dei fratelli Vitale titolari dei Boys Club Barber shop.

La prima volta che entrai in questo salone rimasi colpita dalle luci calde degli specchi, dalle stampe anticate in cornici di legno che occupavano quasi interamente le pareti sabbia, dai complementi e gli arredi della barberia vecchio stile di una volta come ilpalo del barbiere all'interno dei locali esposto,un'icona simbolo della professione del barbiere che risale al medioevo quando il barbitonsore faceva ancora il salassatore.

Uno stile tutto all'italiana quello dei barbieri Vitale , quello di una volta. Un approccio tipicamente siciliano alla rasatura: panno caldo, cliente comodamente seduto su elegante poltrona ferma dallo schienale reclinabile e l'imbottitura in semilpelle e barbiere che volteggia attorno utilizzando attrezzature vintage-tech supportato dai suoi assistenti.

Gli spazi non molto ampi e non molto piccoli, regalano un'atmosfera accogliente e intima, proprio quella dei saloni di una volta. L'apposito angolo Jack Daniels trasforma poi l'attesa del turno in un autentico momento di piacere speso tra quattro chiacchiere, un bicchiere e i pettegolezzi di quartiere.

Che si tratti di una sistematina ai capelli, di un trattamento viso, di un'accorciata alla barba, la cura nello stile, l'attenzione al dettaglio e ai particolari mettono in luce il vero protagonista della situazione il cliente, facendo del rituale della barba come dicevano i latini “Hos tu otiosos vocas inter pectinem speculumque” l'ora dedita all'ozio.

Il team degli hairstylist in continuo aggiornamento, aperto alle sfide, pronto reinventarsi a rinnovarsi nell' hairlook come nel beardlook, soddisfa poi in modo pieno ed efficiente esigenze di volta in volta diverse, personalizzando in questo modo immagine e stile secondo preferenze e gusti.

Il mio incontro con il proprietario della barberia, Fedele Vitale, è stato piuttosto formale. Prima un caffè e poi l'intervista gentilmente concessa.

Ho cercato sempre di rinnovarmi nella tecnica, nella moda, nel designer seguendo l'esempio dei miei colleghi europei. Ho viaggiato spesso e vissuto fuori e questo mi ha aiutato ad'importare anche in una piccola realtà locale come quella di Palermo la rivisitazione dell'antico salone da barba di una volta. L'aggiornamento ... l'aggiornamento continuo fa dell'attività un servizio di nicchia che rinsalda i rapporti con la clientela nel tempo attirandone di nuova...

Duro lavoro e grande umiltà dunque i punti di forza dei professionisti del Boys Club Barber Shop, un luogo d'incontro , di scambio di notizie, il ritrovo di amici dove potrete discutere di tutto.

 

Letto 2213 volte
Vota questo articolo
(3 Voti)
Grazia Spano

Nasce nel capoluogo siciliano il 24 Febbraio del 1983, si laurea presso la facoltà di Scienze Politiche di Palermo indirizzo Studi giuridici comunitari internazionali. Attraverso la partecipazione a convegni e meeting poi ha da sempre sostenuto attivamente in collaborazione con Amnesty International la promozione dell'abolizione delle torture ,delle mutilazioni genitali femminili , e di ogni altra forma di violazione dei diritti umani dedicando la sua prima tesi allo stupro come arma di guerra, come crimine internazionale. Parla italiano , inglese, francese e russo e la sua passione è la scrittura.Tra i suoi contributi,inoltre un trattato di sociologia della devianza "BDSM vite al confine" frutto dell'osservazione e dell'impegno nella ricerca nell'ambito del fenomeno dell'erotismo estremo.

Sito web: www.facebook.com/grazia.spano.104