Dopo avervi parlato della fredda e affascinante Helsinki, oggi ci concentriamo su Parigi. Questa città è una delle capitali più belle e visitate al mondo, tra le sue strade possiamo respirare aria di magia, di cultura e poesia, un’aria che persuade tanti turisti a ritornare per visitarla e apprezzarla. È da sempre creduta la città degli innamorati, e per questo scelta come meta per trascorrere momenti indimenticabili, che sia la fatidica proposta di fidanzamento, la luna di miele, o un semplice viaggio di piacere da condividere in due. Parigi è un sogno ad occhi aperti, con i suoi monumenti, viali, musei, giardini, artisti di strada, l’odore delle crepes appena preparate. Il monumento simbolo della città, è la Tour Eiffel che con i suoi 324 m di altezza sembra voler toccare il cielo. Cosa sarebbe Parigi senza? Attendete la sera per lasciarvi incantare dalle illuminazioni che l’avvolgono, per emozioni senza tempo. 

 

Notre Dame de Paris, “statua, musica e poesia” come cita l’omonimo musical di Cocciante. La famosa Cattedrale, si trova al centro della città, e custodisce alcune delle più importanti reliquie della cristianità, tra le quali la corona di spine e il chiodo con cui Gesù fu crocifisso. Se si sceglie una meta come Parigi è d’obbligo visitare uno dei più importanti musei a livello mondiale, il Louvre dove si trova uno dei quadri più celebri e ammirati al mondo, la Gioconda di Leonardo Da Vinci. Non potete, inoltre, perdervi la Reggia di Versailles, famosa per il suo sfarzo e la sua grandezza, un vero gioiello in cui è vissuta una delle figure più importanti della storia Luigi XIV, il Re Sole.

 

Lasciatevi trasportare dall’esuberanza di Montmartre, dove potrete scegliere tra tanti locali di cabaret, nightclubs, ristoranti e tanto altro ancora, ma assolutamente se passerete di li non lasciatevi scappare il Moulin Rouge uno dei locali più famosi al mondo, grazie anche alle pellicole e musical che l’hanno reso cosi noto. Infine, tra i viali più famosi di Parigi, gli Champs Elysèes conosciuta in tutto il mondo come una delle strade più belle della capitale francese. Estesa per 3 km gli Champs Elysèes accolgono un’infinità di negozi, alberghi di lusso, ristoranto, musei, e teatri.

 

Lasciatevi trasportare dalla sua immortale bellezza. Buona Parigi e buon viaggio!

 

 

Vi abbiamo parlato di Parigi come meta romantica da visitare, ma oggi ci concentriamo su Vienna, città d’arte, e di musica che ha ospitato nel corso dei secoli personaggi illustri, tra i quali Mozart, uno dei compositori più famosi della storia della musica. Vienna viene definita come una “bomboniera” per le sue dimensioni minute, e ciò permette di visitarla facilmente, anche a piedi. Il suo centro storico medievale, le chiese, i teatri, i musei, le abitazioni di celeberrimi compositori, la rendono la meta ideale per gli appassionati di storia e dell’arte, ma è perfetta anche per un weekend romantico tra concerti di musica classica e buona cucina. Una dei luoghi più visitati è l’Hofburg Palace, per il suo valore storico, è infatti il palazzo imperiale degli Asburgo, in cui è vissuta uno dei personaggi più misteriosi e affascinanti della storia, la principessa Sissi, che fù Imperatrice d’Austria e Regina d’Ungheria.

 

Non lontano dal palazzo reale, si erge il Duomo di Santo Stefano, una cattedrale maestosa, che vi conquisterà con la sua grandiosità e il suo stile gotico. Assolutamente da non perdere il Museo delle Belle Arti e il Museo dell’Albertina. Il Museo delle belle Arti seppur non molto noto ospita al suo interno numerosi capolavori dell’arte occidentale tra i quali la “Madonna del Prato” di Raffaello, e altri grandi nomi come Tintoretto, Tiziano, Rubens e Rembrandt. Non è da meno l’Albertina le cui sale sono abbellite da numerose opere, tra le quali ricordiamo quelle di Picasso, Andi Warhole, e Klimt celebri artisti dell’arte contemporanea.

 

Ma Vienna non è solo musei, arte e musica classica. Vienna è anche divertimento, infatti possiamo trovare qui uno dei parchi divertimento più belli al mondo il “Prater”, con la sua famosa ruota panoramica una delle icone della capitale. Qui potrete rilassarvi e divertirvi, per un pomeriggio diverso lontano dalla metropoli. Prima di fare i bagagli però non dimenticate di assaggiare il dolce che rende tanto famoso Vienna, e apprezzato in tutto il mondo, la Sachertorte. La torta sacher, dolce tradizionale viennese, è il dolce al cioccolato per eccellenza, a base di cioccolato e marmellata di albicocche, un piacere per le papille gustative. Lasciatevi incantare dalle sue bellezze e dalle sue melodie. Buona Vienna e buon viaggio!

 

 

Se Roma, Firenze, Napoli o Vienna sono città visitate da milioni di turisti ogni anno per la storia e l'arte che innegabilmente le caratterizza e le ha rese celebri in tutto il mondo, di certo lo stesso non si può dire di Berlino. La capitale della Germania non può essere di certo definita una città d'arte, sebbene la Storia qui abbia lasciato delle scie indelebili. Basta vedere quel che resta del famoso muro, abbattuto nel 1989: simbolo di divisioni, di dittatura ed, infine, di riconciliazione. Vediamo, dunque, perché è il caso di visitare questa davvero splendida città in cui, il contrasto tra passato e modernità, le conferisce un fascino a dir poco unico. 

 

1. Porta di Brandeburgo di Berlino

 

Nel corso della Guerra Fredda il Muro divideva la città e la Porta di Brandeburgo si trovava nella Terra di Nessuno. Considerata il simbolo di Berlino, questa Porta è alta ben 26 metri, larga 56 ed è l'unica rimasta in piedi fra le 18 che consentivano l'accesso alla città. La Porta di Brandeburgo rappresenta quello che è stato lo scenario preferito di Hitler per le manifestazioni che celebravano il Reich. 

 

2. Alexanderplatz di Berlino 

Questa piazza citata anche in una splendida canzone cantata da Milva, trae spunto dallo zar Alessandro I che visitò Berlino nel 1805. Erich Honecker, ex Ddr, all'inizio degli anni '70 decise di trasformare la piazza nel simbolo del socialismo, distruggendo la sua struttura originaria salvo farla diventare un capolavoro del kitsch comunista: in essa spicca la Torre Televisiva. 

 

3. Il Mitte di Berlino 

Mitte sta per centro, connotazione che tale parte della città prese dopo l'innalzamento del Muro che divise la parte est della città da quella ovest. Dopo che il muro fu abbattuto, il centro è rifiorito per pullulare di locali, negozi e alberghi. Diverse le sfumature che il Mitte prese: il Mitte degli artisti, dei ricordi malinconici e tristi, dei musei per vivere con specificità e, a tratti malinconia, questa parte della città. 

 

4. Museo di Pergamo a Berlino

Il Pergamonmuseum è uno dei musei archeologici più famosi della Germania, sul fiume Sprea. Il nome prende spunto dalla misteriosa città di Pergamo in Anatolia (Turchia) da cui provengono gran parte delle opere esposte. 

 

5. Friedrichstrasse di Berlino 

 

Parliamo della strada più esclusiva della città, dove un tempo vi erano i negozi più chic della città. Dopo l'innalzalmento del muro, la strada fu divisa in due e la stazione della S – Bahn prese il nome di Tranenplast,  Casa delle Lacrime: questo perché i tedeschi dovevano compiere dei burrascosi iter burocratici per accedere dalla parte ovest a quella orientale della città. Il Checkpoint Charlie era il limite che separava le due zone della città è attualmente uno dei luoghi più visitati della città, ricco di palazzi e centri commerciali.

 

Ecco le immagini dei posti che vi abbiamo elencato:

 

 

Si dice che Madrid non dorma mai. Ed in effetti la bella capitale spagnola è città davvero unica e completa, capace di conciliare i gusti delle persone che amano cose differenti. Per tutti gli amanti della movida, è buona cosa sapere che per le strade di Madrid c'è sempre tanta gente, anche a notte fonda. Tanti sono i giovani e meno giovani che, dopo essere usciti dall'ufficio o comunque dal lavoro, si danno appuntamento per bere o mangiare tutti insieme.
 
Altri, addirittura, tornano in ufficio il giorno dopo la movida senza essere affatto passati per casa a dormire. Gli amanti dell'arte troveranno qui alcuni dei musei più famosi al mondo come il Prado, il Reina Sofia e il Thyssen. Coloro che invece di musei non vogliono sentire affatto parlare possono scegliere di dedicarsi a passeggiare nel famoso quartiere Chueca.
 
Sebbene poche per una città come Madrid, vediamo però le 10 cose principali che qui è possibile fare e vedere.
 
1. Museo Prado
 
Si tratta di uno dei musei più importanti al mondo che vanta al suo interno capolavori di artisti immortali del calibro di Caravaggio, Goya, Raffaello, Velasquez. Insomma, il meglio dell'arte europea degli ultimi 5 mesi. Il consiglio è quello di visitarlo nei giorni feriali per trovarvi meno gente.
 
2. Museo Reina Sofia
 
Raccoglie le opere d'arte dal Novecento ai giorni nostri. Particolare risalto viene dato ai pittori spagnoli come Mirò, Dalì e Picasso. 
 
3. Museo Thyssen Bornemisza
 
I quadri appartengono alla collezione privata del magnate tedesco dell'acciaio, Thyssen-Bornemisza, arricchitosi nel corso della seconda guerra mondiale. Presenti opere di artisti come Van Eyck, Caravaggio, Van Gogh, Gauguin e Hopper.
 
4. Palazzo reale
 
Struttura immensa e imponente costruita sui resti dell'Alcazar. Per vedere i simpatici reali di Spagna, occorrerebbe farsi vedere in cerimonie ufficiali. 
 
5. El Parque del Buen Retiro 
 
Si tratta del polmone verde di Madrid, dove fare delle belle passeggiate soprattutto in primavera.
 
6. Chueca
 
La rinascita di questo quartiere, dopo 40 anni di dittatura franchista, si deve alla comunità GLBT che nel corso degli anni '80 si è trasferita qui, in un quartiere covo di spacciatori e tossici, finendolo per trasformare in un luogo permanente di controcultura dove movimento e libertà sono i punti principali del loro stile di vita.
 
7. Cosa mangiare
 
Tapas, tortillas e paellas solo per citare alcune delle ottime pietanze tipiche che i locali della capitale spagnola offrono a turisti e non. Immancabili gli spuntini durante il giorno a base di "jamon y queso" (prosciutto e formaggio) con una bella cerveza fresca. Capace di conciliare tutti i gusti con i suoi sapori deliziosi, il consiglio per gli italiani amanti del caffè è quello però di chiederlo rigorosamente espresso. Capirete il perché.
 
8. Cosa comprare
 
Ce n'è per tutti i gusti e per tutti i portafogli. Mercati, negozi esclusivi, bancarelle di rigattieri e bettole che sono specializzate in oggettistica rock per portare a casa un pezzo di Spagna
 
9. Cosa fare di sera
 
Locali, trattorie, bar per divertirsi, bere e mangiare fino alle prime luci dell'alba all'insegna dell'allegria. Il ritmo si scatena soprattutto nei quartieri di quartieri di Malasana, Chueca e Lavapies, ma anche nelle zone centrali di Puerta del Sol e Plaza Major.
 
10. Dove dormire
 
Alberghi, pensioni, ostelli e fitta-camere, bed and breakfast. Ce ne sono per tutti i gusti e per tutte le tasche. Su Booking.com ci sono almeno 800 sistemazioni a Madrid recensite da chi vi ha soggiornato prima di voi.
 
Ecco la gallery:
 
 

Care amiche oggi vogliamo consigliarvi un viaggio nella lontana Stoccolma. Della capitale svedese non si sente molto parlare qui in Italia, eppure si tratta di una città affascinante, dalla forte indole marittima ed estremamente ricca di musei e palazzi antichi e in cui la presenza di ospiti internazionali è molto accentuata.

 
Scopriamo dunque insieme 10 cose da fare e vedere a Stoccolma.
 
1. Gamla Stan
 
Si tratta di uno dei centri storici più antichi d'Europa, dove nel 1252 venne fondata la città.Ricca di negozi, monumenti ed edifici, la principale attrazione del posto è rappresentata dal Palazzo Reale, uno dei più grossi edifici al mondo. Gamla Stan ospita anche importanti musei come Livrustkammaren e l'Armeria Reale.
 
2. Museo Vasa
 
Qui si trova l'unica nave del 1600 ancora esistente sulla Terra. Parliamo dell'ammiraglio Vasa, costituita per il 95% da pezzi autentici e abbellita, nei suoi 69 metri di lunghezza, da centinaia di statue.
 
3. Municipio
Si tratta di uno degli esempi più significativi di architettura in stile romanico della Svezia. Esso è dominato dalla 3 corone poste sulla sua guglia alta ben 106 metri. Al suo interno spiccano Gyllene Salen, il Salone Dorato, decorato con mosaici da 18 milioni di tessere d'oro, e l'affresco di Prins Eugen, che ritrae il lago che è possibile ammirare dalla galleria.
 
4. Moderna Museet
 
Si tratta del museo di arte moderna della città che ci offrirà alcune delle più importanti collezioni artistiche del novecento con opere di artisti del calibro di Dalì, Picasso, Matisse e Derkert. Presente anche un ristorante da cui si possono ammirare le strade di Strandvägen, uno dei quartieri più belli della città.
 
5. Skansen
 
Il posto ideale per una bella gita fuori porta con amici e famiglia. Qui c'è il museo all'aperto più piccolo del mondo e lo zoo di Stoccolma, che piacerà a grandi e piccini.
 
6. Il castello di Drottningholm
 
Dal 1981 è la dimora permanente della famiglia reale. Si tratta del primo monumento svedese che è stato dichiarato patrimonio dell'umanità dall'UNESCO nel 1991, grazie alla bellezza non solo del castello ma anche del settecentesco teatro.
 
7. Cosa e dove comprare
 
A Stoccolma si può fare shopping per tutte le tasche. Östermalm è la strada delle griffe mondiali più esclusive, mentre nella zona di Drottninggatan e nei quartieri di Sergels Torg e Kungsträdgården lo shopping diviene decisamente alla portata di tutti.
 
8. Cosa e dove mangiare
 
Innumerevoli sono i ristoranti di gran qualità che vi offriranno succulenti piatti a base di pesce o di selvaggina e verdure. Il consiglio è quello di assaggiare le mitiche polpette svedesi con marmellata di mirtilli. Uno strano accostamento del quale, però, non vi pentirete affatto.
 
9. Dove uscire
 
Ricca di locali e discoteche, essi si concentrano nei pressi di Stureplan, ma anche a Kungsgatan e Birger Jarlsgatan, e la zona nei pressi del parco Kungsträdgården, frequentatissima dai giovani.
 
10. Dove dormire
 
Anche qui ce n'è per tutti i gusti. Dagli hotel lussuosi e ultra moderni ai campeggi economici, ma suggestivi e puliti, a Stoccolma si può soggiornare in maniera ottimale praticamente ovunque. Bellissimi i castelli adibiti ad alberghi.
 
La gallery: