22 Lug

L'auto a misura di donna

Scritto da  |

Per tanti anni una certa cultura maschilista in materia, ha voluto far credere che l’auto fosse in qualche modo il regno degli uomini, lì dove “lui” tutto può e tutto comanda. Da tempo però non è più così, nella stragrande maggioranza delle famiglie italiane anche “lei” lavora e per questo ha bisogno di un mezzo adeguato per muoversi in città tra ufficio, scuola dei bambini e palestre varie.
C’è da sottolineare come, di pari passo con la comparsa sul mercato di auto rivolte ad un pubblico prettamente femminile, conseguentemente siano comparse anche assicurazioni per l'auto appositamente per lei. Si tratta di polizze che vanno a premiare la maggior prudenza al volante delle donne italiane con sconti sostanziasi sul costo del premio annuo; costo che può essere ulteriormente ridotto nel caso in cui l’assicurazione auto venga stipulata online piuttosto che presso le compagnie tradizionali.

 


Così sono nate tutta una serie di auto immaginate dalle case costruttrici per essere proprio a misura di donna. Si tratta molto spesso di utilitarie poco lunghe e quindi assolutamente più maneggevoli tra traffico e parcheggi. All’inizio fu la Micra, pubblicizzata dalla Nissan come l’auto “fatta apposta per lei”, poi sono arrivate anche la Classe A della Mercedes e la Smart. Se in questi casi però la caratterizzazione al femminile era solo teorica (ed infatti questi modelli sono apprezzati anche dal pubblico maschile), in altri casi invece il “featuring” in salsa rosa delle automobili è stato ben più marcato.

 

 


Un esempio è l’ultima Lancia Ypsilon Elefantino che con il suo allestimento “Silver” offre volante e cambio rivestiti totalmente in pelle, colori vivaci ed il caratteristico elefantino rosa affianco al brand Ypsilon. Ma questo non è l’unico esempio. Altri casi di successo di auto a misura di donna sono stati la Citroen DS3 Cabrio, la Kia Venga o anche l’Alfa Mito. Ed è assolutamente indimenticabile la 500 interamente rosa, dentro e fuori, realizzata da Fiat esclusivamente per celebrare i cinquanta anni di Barbie e che ha fatto sognare migliaia di donne, anche se non è mai stata prodotta in serie e venduta al grande pubblico.

 

Potrebbe interessarti anche: Fashion Android: La prima community italiana dedicata ad android tutta al femminile

 

Letto 3581 volte Ultima modifica il Lunedì, 22 Luglio 2013 18:44
Vota questo articolo
(5 Voti)
Giulia Cantelmi

Da sempre appassionata di scrittura creativa e onnivora lettrice di romani russi dell'800, inizio la mia carriera collaborando per alcuni giornali locali e riviste online di moda e benessere, specializzandomi in entrambi i settori. Coniugare le mie diverse passioni come la scrittura, la moda, il mondo del web e la fotografia come reporter a sfilate e shooting, è stato il passo successivo e naturale che mi ha portato a diventare una writer freelance per diverse testate giornalistiche. Queste collaborazioni online mi permettono quotidianamente di sviluppare la mia creatività e la mia curiosità sempre in continua espansione!