Susanna Marinelli

Susanna Marinelli

Giornalista pubblicista, iscritta all'ordine dei Giornalisti del Lazio e Molise dal 1989, nata e residente a Roma, inizia la propria attività sulla carta stampata collaborando con riviste musicali per teenagers di ampia diffusione come Cioè, Debby, Mattissimo quindi con il settimanale Magazine per il quale, insieme a sua sorella Patrizia, anche lei giornalista, cura la rubrica La Posta di Susy e Patty.

Appare come ospite in qualità di opinionista tra le altre nella trasmissione televisiva di RaiDue Mio Capitano e nella trasmissione radiofonica di Radio2Rai Radio2Time. Realizza servizi musicali in qualità di corrspondente in Inghilterra e Stati Uniti per il mensile tecnico Digital Audio Club. In tempi recenti inizia ad occuparsi di cinema, televisione, moda e bellezza collaborando con svariate riviste, alcune molto note del settore, quali Vip, Eva Tremila, la Rivista Ufficiale del Grande Fratello, i settimanali Adesso e Ora per i quali realizza servizi, inchieste, recensioni teatrali e cinematografiche ed interviste ai principali personaggi dello show business. Contemporaneamente continua a scrivere di musica e televisione sui mensili Ragazza Moderna e Top Girl. Parla fluentemente la lingua inglese.

Continua con successo la serie di re-release in versione rimasterizzata e arricchita di bonus tracks e contenuti speciali della discografia di Anthony Phillips da parte della Esoteric Records. Stavolta è il turno di Invisible Men un lavoro che risale agli anni '80 e che all'epoca lasciò un po' stupiti tutti gli ammiratori del mitico chitarrista inglese, membro fondatore dei Genesis, che erano abituati ad un taglio decisamente più impegnativo e sperimentale da parte del loro beniamino.

Ma Invisible Men, che all'epoca suonava forse esageratamente pop e sicuramente troppo facile all'ascolto, con il tempo è stato rivalutato dalla critica e dal pubblico e giudicato intelligente, decisamente piacevole e soprattutto, nonostante i tanti anni trascorsi, dal sound ancora molto moderno.

Come mai all'epoca decidesti di incidere Invisible Men, un album così diverso dal tuo solito?

In realtà non ho avuto scelta. E' stata la casa discografica che mi ha in qualche modo indotto a fare un disco di quel genere perchè nei primi anni '80 dovevi fare pop, non si sfuggiva alla regola. Mettici pure che all'epoca proprio non potevo preoccuparmente anche perchè avevo appena comprato casa e avevo bisogno di soldi, quindi dovevo lavorare e fare dischi. Certo, ammetto che ero un po' nervoso, mi chiedevo che cosa avrebbe pensato di Invisible Men il mio pubblico abituale. Mi rendevo conto che quello sarebbe potuto essere un passo falso nella mia carriera, ma come ripeto, non avevo scelta. Se non eri famosissimo non avevi chances per poter decidere come amministrare la tua carriera.

Quindi hai dovuto cedere...

Per forza, dobbiamo anche considerare che le case discografiche all'epoca dettavano totalmente legge. Il metodo dei dischi autorprodotti e realizzati con l'etichetta dall'artista stesso ancora non esisteva e per fare dischi, si sa, ci sono sempre voluti soldi:

soldi per la sala di registrazione, per gli strumentisti, per tutto insomma ed io non li avevo, quindi non c'era molto da fare.

Tra le canzoni che fanno parte del cd ce n'è qualcuna che vorresti sottolineare?

L'altro giorno mi ha chiamato mio cugino Jim il quale mi ha detto di essere rimasto molto colpito da un brano in particolare, Mysterious Constitution of Comets. Questo all'inizio doveva essere uno dei pezzi da inserire nella scaletta del disco, ma poi per motivi di spazio era stato messo da parte. Ricordo che per Invisible Men avevamo preparato ben 24 songs delle quali soltanto 15 sono poi state usate. Tutti i pezzi rimasti li abbiamo inseriti adesso in questa re-release.

In Inghilterra la crisi delle vendite in campo discografico si fa ancora sentire molto?

Devo dire di sì. Oggi come oggi le bands che guadagnano abbastanza soldi lo fanno principalmente grazie ai tour. In pratica si va in tour per promuovere l'album e non al contrario come succedeva un tempo. Il download selvaggio ha degradato il mercato musicale anche agli occhi della gente che ormai non vuole più pagare per la musica, ma nessuno si rende conto che senza soldi non si registrano dischi perchè incidere un cd implica un processo molto costoso. Oltretutto c'è da dire una cosa: negli ultimi anni purtroppo è cambiato il modo di pensare. La musica si ascolta principalmente come sottofondo, non per il piacere di ascoltarla, questo non è più il punto focale, quindi ritornando al discorso della crisi musicale va tutto bene se parliamo delle touring bands, ma ci sono tante realtà che stanno nel mezzo e che faticano veramente per tirare avanti.

Sono passati sette anni da quando Lillo&Greg portarono sul palcoscenico la spy comedy L'uomo che capiva troppo ed ecco che la divertente piece teatrale è ritornata sul palcoscenico, al Teatro Olimpico di Roma dal 28 novembre al 23 dicembre. Risate assicurate, quindi, con L'Uomo che non capiva troppo - Reloaded che per l'occasione si avvale di scenografie rinnovate e di nuovi personaggi che arricchiscono ancora di più la già elettrizzante storia.

Grande successo per la Festa delle Stelle a Roma! La manifestazione, nata nel 2015 con il sostegno di un padrino famoso, Enzo Ghinazzi in arte Pupo, negli anni è riuscita a svilupparsi e a raccogliere sempre più consensi.

Rapunzel è tornata ad entusiasmare il pubblico, dallo scorso 6 al 24 aprile al Teatro Brancaccio di Roma. Dopo i successi delle scorse stagioni quello che è stato definito “il musical dei record”, continua a far divertire grandi e bambini tra musica, scenografie di impatto e creatività moderna.